Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 18 novembre 2019 (270) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Napoleone anche a Pavia
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge
» A Londra con mia figlia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
» Essenzialità dell'inessenziale
» Al Borromeo il ricordo del teologo Karl Barth
» La grande bellezza dei libri
» Un oceano di silenzio
» Pinocchio&Co - Festival dei Classici per ragazzi
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13924 del 29 aprile 2016 (1710) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Jam Session
Jam Session

L’autore Ryan Spring Dooley dialoga con Paolo Milani, Luca Micotti e Giulia Marinoni Marabelli: l’appuntamento è per lunedì 2 alla Nuova Libreria Il Delfino di Pavia, per la presentazione di Jam Session.

Un libro illustrato da un artista di solito è un oggetto da collezionare, un muro illustrato da un artista più spesso è considerato un problema di ordine pubblico. La letteratura si scrive in un libro e non su un muro, mentre un graffito con la bomboletta si fa su un muro e non su un libro.

In Jam Session troviamo una superfice a forma di libro dipinta e coperta di scritte da uno street artist come Ryan Spring Dooley che utilizza sulla carta tutte le tecniche tipiche della street art: bombolette spray, stencil, graffiti: le immagini e le parole si snodano, come su un muro, in un racconto articolato di viaggi e di avventure. Ma un libro non è un muro: l’organizzazione sintattica del discorso deve adattarsi, e il discorso dello street artist assume modulazioni e soluzioni visive inaspettate e nuove.

Il risultato non è un libro d’artista ma un oggetto che scandisce con la quasi tridimensionalità di un libro un discorso grafico e visivo che nasce con le ambizioni e le nevrosi della street art. Jam Session è un racconto di viaggio costruito con segni e parole spruzzati su superfici variamente colorate come accadrebbe, per esempio, sui muri di capannoni nei dintorni di una stazione ferroviaria. Il lettore diventa così spettatore e protagonista del viaggio narrato, vedendo scorrere immagini e parole applicate su muri di carta. Si può immaginare qualcosa di più effimero e al tempo stesso di più indelebile?

L’autore Ryan Spring Dooley nasce nel 1977 a Madison, Wisconsin, USA. Cresce in una comunità di artisti insieme alla madre, pittrice e ballerina di danza contemporanea. Frequenta l’accademia di belle arti presso l’Università del Minnesota spingendo da subito la propria ricerca verso lo sviluppo di un’arte totale in cui tutto si contamina: musica, pittura, storia, fotografia, ceramica, scultura, video, graffiti.
Si laurea nel 1999, dopo un intenso anno trascorso presso l’Università degli Studi di Pavia, durante il quale approfondisce le proprie ricerche teoriche sulla cultura pittorica italiana e include nel proprio percorso artistico il teatro, grazie all’incontro con Peter Schuman e il Bread and Puppets Theater. Viaggia a lungo in Europa con importanti soste a Parigi, Madrid e Lisbona.
In Francia nascono i primi dialoghi con la strada: qui sviluppa una serie di interventi utilizzando stoffe e carta di recupero; rientrato negli Stati Uniti si avvicina sempre di più al mondo della Street Art fino ad entrarne a far parte ufficialmente in seguito alla partecipazione ad un evento di writing organizzato a Chicago, da questo momento Marvin Crushler diviene il suo eteronimo.
Nel 2000 si stabilisce in Italia, sviluppando uno stile che affonda le proprie radici nella pittura pura, ma che allo stesso tempo si estende a tutto il vasto spettro delle arti: pennello, spray, scultura e paste up si fondono insieme sulla parete. Attualmente divide la sua attività tra Napoli e Roma con all’attivo numerose mostre personali e collettive in gallerie delle due città, tra cui si segnala la recentissima mostra collettiva di videoarte al Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo (Maxxi) di Roma.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Nuova Libreria Il Delfino
Indirizzo: Piazza Cavagneria, 10
Quando: lunedì 2 maggio 2016
Orario: 18.30
 
 
Pavia, 29/04/2016 (13924)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool