Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 23 aprile 2021 (542) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Crossroads of Europe
» All'origine delle guide turistiche
» La Chiesa di San Lanfranco tra Medioevo e Rinascimento
» Dopo la Brexit, quale futuro per l’Europa
» Il Giubileo del Concilio e di Papa Francesco
» Una serata per il Sì
» Cambiamo per il cambiamento climatico
» Quo Lux Ducit
» Operare nell’emergenza Ebola
» I Giovedì del Collegio Cairoli
» La Ricerca della Felicità
» Mario Pavan, 40 anni di studi e ricerche in giro per il mondo.
» Babilonia: archeologia e mito
» Tutti i segreti dell’energia elettrica
» Abitare nell'antichità: forme e modelli
» Charles Dickens e la trascrizione del parlato
» Dalle mummie a Caravaggio
» Arte e guerra
» Donne e Pubblicità
» Leggere il pensiero non è più fantascienza

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13913 del 27 aprile 2016 (2459) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Generazioni a confronto
Generazioni a confronto

I Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia presentano Generazioni a confronto. Conversazioni tra artisti, una serie di incontri che avranno luogo nel mese di maggio, ogni giovedì pomeriggio, nella Sala Conferenze del Castello Visconteo.

Quattro appuntamenti in tutto che vedranno protagonisti artisti di differenti generazioni in dialogo tra loro. Si parlerà di pittura, di scultura e di fotografia, cercando di mettere in luce affinità, assonanze e punti d’incontro, ma anche divergenze e disaccordi tra artisti di “vecchia” generazione e nuove leve.

Si comincia giovedì 5 maggio con Lucietta Ratta (classe 1955) e Federico Barbieri (classe 1981).
Lucietta Ratta, pugliese di origine e pavese d’adozione, ricerca e sviluppa un proprio linguaggio espressivo. La carta da imballaggio, le foto digitali, il computer, i colori acrilici, l’oro, l’argento e il bitume, armonicamente utilizzati, contribuiscono nelle sue mani alla nascita di grandi manifesti dal sapore antico e dal gusto moderno, dove la figura umana svela la sacralità dell’artista, che a suo dire è l’unica eterna verità.
Federico Barbieri, vogherese di nascita, si interessa al mondo dell’arte iniziando un percorso da autodidatta e ama sperimentare liberamente, senza limiti e preconcetti, tecniche e materiali diversi che utilizza per rappresentare il tema dominante della sua ricerca: l’uomo.

Si prosegue giovedì 12 maggio con Gabriele Albanesi (classe 1947) e Narciso Bresciani (classe 1962).
Gabriele Albanesi inizia l’attività professionale nel campo della cronaca giornalistica di provincia, si applica in particolare alla critica d’arte, ed è curatore di numerose esposizioni di giovani pittori contemporanei in diverse città italiane. Nel 1975 entra nel direttivo della Galleria di Porta Ticinese a Milano, la cui attività è documentata nel contesto della Biennale di Venezia del 1976 con video-installazioni, documentazioni e interventi. Dagli anni settanta e ancora oggi espone in rassegne personali e collettive, svolge attività di consulenza artistica per gallerie e spazi pubblici, è autore di testi di Educazione all’immagine e svolge attività di formazione in numerosi corsi di aggiornamento, oltre a insegnare nella scuola dell’obbligo.
Il pavese Narciso Bresciani sceglie il linguaggio della scultura, e da vero virtuoso sperimenta tecniche e materiali (ferro, cenere, terracotta, resine, argille plastiche, legno e anche vetro) per creare installazioni che parlano di concetti fondamentali come lo spazio e il tempo, e intanto raccontano la natura umana che è fatta di emozione e passione.

Giovedì 19 maggio sono protagonisti Gabriele Zoncada (classe 1951) e Arian Llani (1971).
Gabriele Zoncada, pavese di nascita, si avvicina all’arte dilettandosi con caricature, in seguito il disegno diventa sempre più uno sfogo o forse un modo per raccontarsi, e negli anni le tecniche pittoriche si sono evolute con differenti materiali, senza però mai snaturarsi. Partecipa a numerose collettive e personali.
Arian Llani, nasce a Durazzo in Albania, ma si trasferisce presto a Milano, dove frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera, partecipando poi a diverse mostre collettive e facendosi notare per il suo linguaggio artistico ricercato, vario e concettuale. Nelle sue tele la razionalità delle forme è in dialogo continuo con l’emotività dei colori.

A chiudere gli incontri, giovedì 26 maggio, sono Giuseppe Brusa (nato negli anni sessanta) e Andrea Belloni (classe 1985).
Giuseppe Brusa è fotografo paesaggista, cresciuto sulle rive del Ticino sviluppa un forte legame con il fiume, che diventa protagonista incontrastato dei suoi scatti. L’artista racconta il fiume attraverso l’eterno mutare delle stagioni e descrive i luoghi più significativi del territorio, come l’Oltrepò pavese, splendido palcoscenico dove ancora l’intimità e la bellezza dei luoghi favoriscono un nuovo approccio verso il paesaggio.
Andrea Belloni ha frequentato l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano, e parallelamente al percorso di studi ha intrapreso l’attività di fotografo come libero professionista, senza mai mettere in secondo piano lo sviluppo di progetti personali. Cura e crea diversi lavori esposti poi in mostre e rassegne fotografiche, organizza e tiene corsi e conferenze sulla fotografia, e cura la parte fotografica e di postproduzione di alcuni libri di ricette. Lavora come fotografo presso ‘Indicod-Ecr’ all’interno del progetto ‘Imagino’, e a luglio di quest’anno esporrà le proprie foto all’interno del percorso Vois off al festival di Arles.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Sala Conferenze - Castello Visconteo
Indirizzo: V.le XI Febbraio, 35
Quando: nei giorni 05/05/2016 12/05/2016 19/05/2016 26/05/2016
Orario: 17.00
Note: Ingresso 1 euro, gratuito per possessori di My Museum Card.

 
 
Pavia, 27/04/2016 (13913)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool