Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 18 novembre 2018 (271) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Concorso fotografico "Ci siamo!"
» Wiki-Gita a Pavia
» rifiuTiAmo: concorso fotografico
» Anime in cammino sulla via Francigena
» Italian Memories
» Arte Manifestae
» Shots on Syria
» Trasfigurazioni
» Il viaggio continua...
» La fotografia digitale
» Planet Oasi, concorso fotografico 2013
» Mostra fotografica Kalòs
» Junk Space Pavia
» Immagini d’Acqua
» Chhattisgarh, l’India Tribale
» Sestetto per un lago
» 4^ Settimana della Fotografia
» Quella sottile inquietudine
» III settimana della fotografia
» Mescolanze

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Circolo di lettura
» Carta... canta! L'immagine del rock tra fotografia e archivi
» Ci siamo! Sguardi sull'identità giovanile
» "Hors d'Oeuvre"Assaggi di opere ed artisti dalla Permanente di Milano
» Uliano Lucas. La vita e nient'altro
» L’eccezione del blu/ frammenti di William Xerra
» Si sta come d’autunno
» AgriCultures
» I disegni alla cieca di Tiziano Pantano
» Mino Milani: una città, la guerra, la giovinezza
» Incontri d’Arte: Sergio Alberti
» Il rischio di educare
» Il Morbo di Violetta: Carlo Forlanini e la prima vittoria sulla tubercolosi
» Tra il vento e la neve Storie di prigionieri italiani nella Grande Guerra Pavia
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13826 del 25 marzo 2016 (1915) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dopo l’approdo
Dopo l’approdo

Dopo l’approdo, un racconto per immagini sui richiedenti asilo in Italia è una mostra fotografica, un sito internet (www.dopolapprodo) e un libro (Editpress Firenze, in uscita ad aprile 2016).

Il progetto di ricerca, un lavoro congiunto fra gli antropologi Barbara Pinelli e Luca Ciabarri ed i fotografi Alessandro Sala, Giovanni Diffidenti e Alessio Genovese, racconta con immagini e parole con­dizioni e vicissitudini dei rifugiati in Italia.

Punto strategico d’osservazione delle mi­grazioni forzate nel Mediterraneo, l’Italia è un luogo centrale per avviare una riflessione critica sulle dinamiche di protezione rivolte a rifugiati e richiedenti asilo. Riflettori media­tici e discorsi politici centrati sugli sbarchi riducono lunghe e violente rotte migratorie al breve momento dell’ar­rivo, circondando di silenzio sia i percorsi intrapresi da uomini e donne prima del loro approdo sulle coste italiane, sia le strutture della marginalità cui sono esposti nei luoghi d’arrivo.

Il progetto mira a sollevare questo velo di silenzio, attraverso una lunga documentazione scritta e fotografica, iniziata nel 2014 in Sicilia e giunta sino alle città del nord.

Lo scenario che viene raccontato non termina nelle prime procedure di controllo e iden­tificazione. Campi d’accoglienza, abitazio­ni e insediamenti improvvisati, luoghi nati dall’abbandono istituzionale, spazi di transi­to e d’incontro informale, lavoro fatto spes­so di espedienti e sfruttamento scandiscono il tempo successivo all’approdo.
Rappresen­tazioni che dipingono i rifugiati come vitti­me, invasori, persone pronte ad approfittarsi dei luoghi d’arrivo e permanenza, o ancora non meritevoli di protezione sono infrante da immagini che rivendicano sofferenza, grida d’ingiustizia, cura del sé, autonomia e volontà d’azione. Il progetto intende perseguire un intento sociale e politico, oltreché de­scrittivo.

La foto­grafia sociale punta dritto a quest’obietti­vo, raccontando con un linguaggio diretto, tangibile e concreto gli ingranaggi spesso feroci dei luoghi di arrivo, permanenza e transito. Non si tratta solo di catturare o tra­scinare lo sguardo, ma di coinvolgere chi guarda a farsi domande su ciò che accade oltre i bordi dell’immagine.

Il progetto è stato sostenuto da Open Society Foundations e realizzato da Barbara Pinelli, Università di Milano-Bicocca Luca Ciabarri, Università degli Studi di Milano per Margini. Culture, genere, diseguaglianze - Associazione di ricerca antropologica.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Osteria Letteraria Sottovento
Indirizzo: Via Siro Comi 8
Quando: da mercoledì 30 marzo 2016 a domenica 17 aprile 2016
 
 
Pavia, 25/03/2016 (13826)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool