Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 19 luglio 2018 (450) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Concorso fotografico "Ci siamo!"
» Wiki-Gita a Pavia
» rifiuTiAmo: concorso fotografico
» Dopo l’approdo
» Italian Memories
» Arte Manifestae
» Shots on Syria
» Trasfigurazioni
» Il viaggio continua...
» La fotografia digitale
» Planet Oasi, concorso fotografico 2013
» Mostra fotografica Kalòs
» Junk Space Pavia
» Immagini d’Acqua
» Chhattisgarh, l’India Tribale
» Sestetto per un lago
» 4^ Settimana della Fotografia
» Quella sottile inquietudine
» III settimana della fotografia
» Mescolanze

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Copia dal vero e fotografia
» Roberto Kusterle: Cronache da un altro mondo
» Concorso fotografico "Ci siamo!"
» Incontri d’Arte: Stefano Zacconi
» Vox Animae
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly
» Bloomsday
» Incatenarsi all'oro e al vento
» Siro Comics
» Italiani, al voto!
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Nel segno di Olivetti
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Il mito della Nazione
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13810 del 21 marzo 2016 (2052) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Anime in cammino sulla via Francigena
Anime in cammino sulla via Francigena

Un passo dopo l’altro. Lentamente. Ricalcando le impronte lasciate nella storia dai pellegrini che, già dall’anno Mille, intraprendevano percorsi mistici e spirituali alla ricerca di se stessi e dei simboli della fede. Un viaggio lungo la via Francigena, la stessa che lo storico Jacques Le Goff ha definito “il ponte tra l’Europa anglosassone e quella latina”.

La mostra Anime in cammino sulla via Francigena - organizzata dal Settore Cultura del Comune di Pavia - sarà inaugurata giovedì (ore 18.00) nello Spazio per le Arti Contemporanee del Broletto e presenta una cinquantina di scatti realizzati dal celebre fotoreporter Graziano Perotti lungo l'antico tracciato.

Le immagini - frutto di un progetto dell’Assessorato al Turismo della Provincia di Pavia che le ha messe a disposizione per realizzare la mostra - immortalano uomini e donne, pellegrini con le loro storie, anime in cerca di una risposta o forse solo di una consolazione, e poi paesaggi, scorci, simboli religiosi e spirituali, ai quali sembra che Perotti voglia dare una vita propria.

«Con questa iniziativa prosegue il "cammino" culturale che abbiamo voluto intraprendere sui temi della spiritualità nell'anno giubilare - dichiara Giacomo Galazzo, Assessore alla Cultura del Comune di Pavia -. Non poteva mancare un evento sul tema della Via Francigena, così profondamente legato al nostro territorio, che ci permette di continuare a investire sul tema dei cammini di fede. Con le immagini straordinarie di Graziano Perotti, inoltre, la grande fotografia torna protagonista allo Spazio Arti Contemporanee come forma di espressione artistica sulla quale continueremo a puntare. Un ringraziamento speciale va alla Provincia di Pavia che ha messo a nostra disposizione questo prezioso corpus di immagini, realizzando con noi un' ottima sinergia tra istituzioni del territorio,

«È difficile raccontare la Via Francigena, perché è facile cadere nella retorica - dichiara Emanuela Marchiafava, assessore al Turismo della Provincia di Pavia -. Percorrerla si rivela, però, sempre un'esperienza straordinaria, che cambia profondamente non solo chi s'incammina lungo le 79 tappe dei suoi 1600 km, ma anche le comunità attraversate e la loro cultura, grazie al contatto umano diretto e senza filtri. Abbiamo scelto di affidare questo progetto a Graziano Perotti, confidando nel suo talento capace di condensare in un racconto fotografico un'umanità ricca di mille sfumature e nessuna differenza così come di dipingere con forza e delicatezza la bellezza dei nostri paesaggi. L'obiettivo di questo progetto di oltre 150 scatti (50 quelli in mostra) è la valorizzazione turistica e la tutela ambientale - perché senza conoscenza non c'è protezione - della nostra terra, grazie alla narrazione fotografica di una Via Francigena guadagnata passo dopo passo dai pellegrini e vissuta dagli abitanti in un mosaico che – complice lo sguardo di Graziano Perotti – ha l'ambizione di essere universale».

«È un viaggio sui 140 km  della via Francigena che attraversano la provincia di Pavia - racconta l’artista a proposito di questo lavoro -. Un viaggio alla ricerca dei pellegrini con le loro storie, di paesaggi mutevoli nelle stagioni e di storie dei nostri tempi. Un viaggio culturale nella bellezze delle chiese ed abbazie dove il pellegrino entra anche per pregare, un viaggio nella bellezza dei paesaggi che cambiano nel ritmo delle stagioni. Una via Francigena moderna, accompagnati dai pellegrini dei nostri tempi che  possono avere anche la pelle diversa, oppure sono scappati dalla loro terra martoriata dalla guerra.
Oltre 3000 km percorsi in un anno, perché il pellegrino non aspetta il fotoreporter, ma è il fotoreporter che lo deve trovare e fotografare nei luoghi più significativi. Può capitare di andare nove volte sino a Palestro (che è la loro prima tappa nella provincia di Pavia) senza mai incontrarne uno, oppure voler scattare una foto dove il pellegrino cristiano si confronta con altre religioni e bisogna passare giorni e giorni sempre in viaggio sperando di fotografare quella nuova situazione, e ancora, cercare un pezzo di storia italiana sul tratto pavese che nessuno conosce. Un viaggio sulla via Francigena con tante anime in un mondo che sta sempre più cambiando e dove può anche capitare che il pellegrino cristiano divida lo stesso tetto con un profugo del Mali nell’anno del giubileo, durante il suo cammino verso Roma.

Graziano Perotti è nato a Pavia nel 1954, dove risiede. In veste di fotoreporter ha pubblicato oltre 200 reportage (di viaggio, cultura e sociale) sui più importanti magazine, ottenendo 20 copertine. Di lui hanno scritto e pubblicato lavori su riviste specializzate di fotografia e sui maggior quotidiani italiani. Numerose sono le sue mostre personali e partecipazioni a collettive e rassegne di livello internazionale.
Ha vinto importanti premi in Italia e all’estero e sue fotografie sono in collezioni private, fondazioni e musei.
Nel 2015 è stato uno dei dodici fotografi italiani selezionati che ha pubblicato su Vogue (marzo 2015) per i festeggiamenti dei 50 anni della rivista più prestigiosa al mondo. 

 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Spazio per le Arti Contemporanee del Broletto
Indirizzo: Piazza della Vittoria
Quando: da giovedì 24 marzo 2016 a martedì 26 aprile 2016
Orario: giovedì e venerdì ore 16.00-19.00, sabato e domenica 10.30-12.30; 16.00-19.00
Note: Ingresso libero.

 
 
Pavia, 21/03/2016 (13810)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool