Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (356) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13808 del 21 marzo 2016 (3444) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il colore nell'arredo
Il colore nell'arredo

Per gli amanti dell’arte e dell’arredamento, sarà inaugurata sabato prossimo, nella Sezione Romanica dei Musei Civici, la mostra Ken Scott e Giancarlo Zompì. Il colore nellarredo (1960-2016).

Ideata da Giorgio Forni, direttore della Fondazione Sartirana Arte, l’originale esposizione vede gli oggetti di arredo di George Kenneth Scott e Giancarlo Zompì dialogare con la prestigiosa collezione museale pavese. Divani, mobili, specchi, comodini si (con)fondono con i preziosi reperti romanici: la scelta di far snodare il percorso di mostra direttamente all’interno dello spazio museale, in rapporto diretto con l’esposizione permanente, permette un confronto tra l’antico e il contemporaneo e diventa così un’opportunità per valorizzare e raccontare, una volta di più, l’eccezionale patrimonio culturale della città di Pavia.

George Kenneth Scott, in arte Ken Scott, è stato definito anche il “Maestro dei Fiori Stampati”, il “Giardiniere della Moda”, che con il suo universo fatto di fiori spettacolari (un tripudio di peonie, rose, papaveri, girasoli, petunie, astri), di intrecci vegetali, di animal print e di frutti esotici ha caratterizzato la moda degli anni ‘60 e ‘70.

Nato a Forth Wayne, Indiana (USA), nel 1919 a ha iniziato l’attività artistica come pittore, entrando tra l’altro in contatto con artisti del calibro di Sebastian Matta e Marc Chagall, destinati a rimanere suoi amici per tutta la vita. La sua prima personale, datata 1944, è stata organizzata da Peggy Guggenheim.
Il 1955 è l’anno del trasferimento a Milano, dove, insieme a Vittorio Fiorazzo, fonda il marchio Falconetto, azienda specializzata nel tessile stampato per arredamento. Il passo nel mondo dell’abbigliamento è breve e dal 1962, inizia a firmare linee di abiti e accessori.
Muore a 91 nel 1991, ma l’attività creativa a suo nome è tuttora viva grazie alla Fondazione omonima, da lui stesso istituita nel 1989.
La Pila del Castello di Sartirana ospita nei propri spazi una mostra permanente dedicata Ken Scott sviluppata di due sezioni: Food Mood – che raccoglie disegni, tessuti, scenografie, abiti e accessori – e Foulard.

La definizione, invece, più aderente per l’attività di Giancarlo Zompì è quella di “eco-artigiano” del legno, che lavora su tavole, vecchi mobili, bauli e comodini, sedie e cassettoni, pannelli dipinti, specchi e testate che modifica, tratta e dipinge con materiali ecologici ed eco-sostenibili.
Vive e lavora a Milano, ma ha trascorso lunghi periodi a Pantelleria, dove molti dei suoi lavori sono custoditi nei caratteristici dammusi.
Le sue opere, un’effusione cromatica di segni che rende unica e inconfondibile la sua pittura, sono esposti nel Castello di Sartirana e a Doha, capitale del Qatar.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Musei Civici del Castello Visconteo
Indirizzo: Viale XI Febbraio, 35
Quando: da sabato 26 marzo 2016 a domenica 11 settembre 2016
Orario: da martedì a domenica, dalle 10.00 alle 18.00
Note: Ingresso: 4 €, mostra + musei civici 8 €.
La mostra è aperta negli orari dei Musei Civici di Pavia.
La biglietteria chiude 45 minuti prima.
Per informazioni: tel. 0382/399770

 
 
Pavia, 21/03/2016 (13808)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool