Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 24 ottobre 2017 (660) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un pomeriggio in Kurdistan
» La Bicicletta: una modernità inesauribile
» Andà e gnì con Rosanna à l’è tut un rùsì
» 2 passi nella Grande Foresta
» Sbulloniamo
» Libri in Libertà
» Dolomiti: un patrimonio da tutelare, una scogliera fossile da scoprire"
» I manoscritti restaurati
» Giornata della castagna
» E pensare che c'erano Gaber e Jannacci...
» Letture dell'Adelchi di Alessandro Manzoni
» Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
» Mostra dei Funghi
» Domenica di carta
» Echi longobardi a Pavia e oltre
» Visita con delitto
» Biblioteca Universitaria: apertura straordinaria
» Antiche cultivar ortive e agronomiche locali (landrace)
» A tu per tu con Laocoonte
» Chiare fresche dolci acque del Ticino

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Gli Sposi e la Casa
» OltreWedding
» Made in Pavia
» Pavia Notte Barocca
» Activators Breakfast all'Arsenale
» Africando 2017
» Giornata del Naso Rosso
» Cyberbullismo: il male sottile
» Porte Aperte alle Imprese
» Activators Breakfast di maggio
» Indiscienza
» PaviArt
» Vieni ai laboratori civici
» Natuzza Evolo-Mistero di una vita
» Nel segno del Pi greco
 
Pagina inziale » Oggi si parla di... » Articolo n. 13768 del 7 marzo 2016 (1942) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Padiglione Tibet e altri incontri sulla spiritualità
Padiglione Tibet e altri incontri sulla spiritualità

Il tema della Spiritualità in occasione del Giubileo della Misericordia, dall’11 marzo sedi varie Pavia

Nell’anno del Giubileo della Misericordia, Pavia dà una propria interpretazione del sacro, e celebra la Spiritualità con un ricco calendario di iniziative culturali, che porteranno turisti e cittadini a riflettere sul significato del sacro e a darne una propria visione personale, scegliendo (per parafrasare lo studioso Peter Berger) a quale e a quante forme di spiritualità attingere.

Organizzate dal Settore Cultura del Comune di Pavia e dall’Associazione Pavia Città Internazionale dei Saperi, le iniziative prenderanno il via venerdì 11 con l’inaugurazione (alle 18.00) della mostra Padiglione Tibet – Spiritualità ed Arte come cibo per la mente e per l’anima, allestita fino al 10 aprile nella Sala mostre del Castello Visconteo.
Padiglione Tibet è un progetto ideato e curato da Ruggero Maggi per il Comitato Padiglione Tibet e si pone l’obiettivo di far incontrare la sensibilità della cultura contemporanea occidentale con quella tibetana e di coinvolgere il sistema Arte per non far dimenticare la realtà dell’universo tibetano. Proponendo installazioni di forte impatto emozionale e coinvolgendo artisti del mondo della pittura, tra cui Gillo Dorfles e il Premio Nobel Dario Fo, della scultura, della performance, del video e della musica, dal 2011, anno della sua realizzazione come evento parallelo alla Biennale di Venezia, Padiglione Tibet ha creato un ponte sensibile tra Arte Sacra Tibetana ed Arte Contemporanea Occidentale e un luogo fisico, reale e tangibile di incontro tra le differenti anime che lo compongono: artistica, sociale e culturale, religiosa.
Questa edizione - la terza - di Padiglione Tibet è all'insegna dell'ombrello, icona della rivolta degli studenti di Hong Kong verso il governo centrale di Pechino, ma anche uno degli otto simboli di buon auspicio presenti nello stupa (simbolo della natura della mente), secondo il grande veicolo (Mahayana) della compassione e della saggezza illimitati. L'ombrello, emblema quindi di protezione e di protesta, è divenuto contenitore e supporto degli interventi artistici e di video arte che hanno reso possibile una grande installazione corale con ombrelliopere dedicate al Tibet, alla sua spiritualità, ai suoi simboli e alla sua marcia verso la libertà.

Si prosegue mercoledì 20 aprile (ore 18.00), presso la Sala conferenze del Broletto, con una Conversazione pavese sul tema della conversione. Sarà protagonista Aldo Schiavone, tra i più importanti studiosi italiani di Diritto romano che, insieme a Dario Mantovani, docente di diritto romano presso l’Università di Pavia, racconterà de L’enigma di Ponzio Pilato, un personaggio tra i più controversi del mondo antico, quel prefetto di Roma in Giudea passato alla storia in quanto, di fronte alla condanna a morte di Gesù, scaricò tutta la responsabilità sugli altri “lavandosene le mani”.

Tra gli eventi in programma ci sarà poi, mercoledì 27 aprile (sempre alle 18.00) presso la Sala conferenze del Broletto, una Conversazione pavese sull’elogio del politeismo, che vedrà protagonista l’antropologo e scrittore Maurizio Bettini, che dialogherà con Elisa Romano, docente di Letteratura latina e Filologia classica all’Ateneo pavese.

Mentre in maggio, lo storico e celebre studioso di storia del cristianesimo Alberto Melloni intesserà con Annibale Zambarbieri, docente di Storia del Cristianesimo presso l’Università degli Studi di Pavia, una Conversazione sulla tematica del Giubileo e in particolare sulla sua storia. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia
Indirizzo: varie sedi del centro storico
Quando: da venerdì 11 marzo 2016 a domenica 10 aprile 2016
Orario: Padiglione Tibet: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-17.50
Note: Ingresso mostra: 4 euro. La biglietteria chiude 45 minuti prima della mostra. Chiuso il lunedì. Aperto nei giorni di Pasqua (domenica 27 marzo 2016) e Lunedì dell'Angelo (lunedì 28 marzo 2016)

 
 
Pavia, 07/03/2016 (13768)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti