Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 12 dicembre 2019 (376) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il telero di Tommasi Gatti restaurato
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Canti e storie nel bosco incantato
» La notte dei cantastorie
» Oltre lo sguardo
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13336 del 15 settembre 2015 (1919) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
On/off
On/off

Luce e buio, fili e materiali di scarto sapientemente assemblati per dar loro nuova vita è il leitmotiv della personale di Daniele Montera, inserita nel progetto “ON/OFF”, che inaugurerà domenica 20 settembre alle ore 18.00 presso lo spazio InformaGiovani di Pavia.

Il progetto ON/OFF, patrocinato dal Comune di Pavia, dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dalla SocietàItaliana di Fisica, è realizzato in concomitanza della Notte Europea dei Ricercatori ed in occasione dell’Anno Internazionale della Luce 2015, promosso dall’Unesco. 
Idea e progetto Nato dall’idea di Andrea Tripaldi, che è curatore della mostra anche, è stato pensato grazie alla collaborazione con altri tre giovani professionisti: Daniele Montera, artista autodidatta, Dario Marino, layout grafico e allestimento, Valentina De Nuccio, organizzazione stampa. Giovani uniti dall’intento di far vivere al visitatore un’esperienza unica sia da un punto di vista culturale che scientifico, mettendo a disposizione della cittadinanza pavese e non solo le proprie competenze professionali.
Come lo stesso artista dichiara: “So che non è facile, oggi, all'interno di un sistema consolidato e segnato dagli interessi, trovare in maniera autonoma lo spazio per esprimersi, per questo ringrazio Andrea, Dario e Valentina che si sono veramente dati senza risparmiarsi, semplicemente mossi dalla voglia di trasmettere bellezza e conoscenza e dalla forza dei loro sogni”.

In particolare, la personale conduce lo spettatore attraverso le opere esposte in una vera e propria “messa in luce” delle idee dell’artista, che intende farci riflettere sull’importanza di questo fondamentale elemento.
La luce, infatti, gioca un ruolo centrale nella vita dell’uomo. Attraverso la luce gli esseri umani possono vedersi fra loro, cogliere l’ambiente che li circonda, scorgere il loro posto nell’universo, nonché l’origine dell’universo stesso. È l’entità per eccellenza che conduce e guida gli uomini nel loro cammino.
Fenomeno naturale che permette di relazionarsi col mondo esterno ma che, allo stesso tempo, diventa per l’artista mezzo attraverso il quale esprimere la propria percezione del reale.

Noi, infatti, riconosciamo la realtà che ci circonda attraverso i sensi, in particolare, attraverso la vista: “il vedere”, la “luce” e gli “occhi” diventano così i paradigmi della verità e della capacità dell’uomo di riconoscerla. È proprio dall’interazione tra arte e luce, dal connubio tra materia ormai inutilizzata e luce che nascono le opere di Daniele Montera.
L’artista nella realizzazione delle sue “sculture di luce” non ha un progetto definito, ma sottostà solo al suo istinto creativo, al suo soffocante turbine di pulsioni che libera modellando e plasmando materiali di scarto, di recupero a cui dona nuova vita, riportandoli così alla luce.
Il desiderio incontrollabile che muove Montera rende le sue opere - che saranno in vendita - pezzi unici non replicabili e orgogliosamente imperfetti, che hanno il solo scopo di voler trasmettere la bellezza. La bellezza della luce.

Inoltre, la settimana sarà ricca di appuntamenti e di performances incentrate sul tema della luce, che renderanno questa “Settimana della luce” ancora piùinteressante.
Dall’inaugurazione, in cui letture di poesie e musica allieteranno la serata, alla presenza di “Pietre Vive Editore”, editore del catalogo della mostra (catalogo in vendita), alle successive giornate in cui performances sulle Città invisibili di Calvino, workshop educativi, aperitivi culturali e scientifici ed animazione teatrale si susseguiranno allo scopo di “mettere in luce”e non “spegnere” la cultura. 

 
 Informazioni 
Dove: InformaGiovani Via Paratici, 25 - Pavia
Quando: fino al 26 settembre 2015
Inaugurazione domenica 20 settembre 2015, ore 18.00 
Orari: 10.30-12.30 / 18.00-23.00
Ingresso: gratuito
 
 
Pavia, 15/09/2015 (13336)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool