Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (313) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13329 del 9 settembre 2015 (2548) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Pavia Fotografia: Sguardi tra natura e città
Pavia Fotografia: Sguardi tra natura e città
Tre mostre per un grande progetto di fotografia, firmato dall’Associazione Culturale Pavia Fotografia. Pavia Fotografia. Sguardi tra natura e città verrà inaugurata mercoledì pomeriggio, nello Spazio per le Arti Contemporanee del Broletto di Pavia, e proporrà tre differenti esposizioni, legate tra loro dal tema del paesaggio cittadino, al confine tra ciò che è ancora natura e ciò che è decisamente urbano.

In mostra sono le immagini di Antonio Manidi, fotografo pavese e presidente dell’Associazione Culturale Pavia Fotografia (attiva sul territorio dal 1988), protagoniste della personale Metamorfosi, che dialogano con gli scatti di Stefano Montagna, raccolti nella personale I rumori del silenzio, e con quelli protagonisti della collettiva Paesaggio italiano, esito di un lavoro svolto da Antonio Manidi con altri fotografi, soci e allievi dell’Associazione pavese.

La Metamorfosi, come la intende Manidi, non è una semplice trasformazione, ma “un viaggio che parte dall’essenza, dall’anima, e dopo aver compiuto un lungo e intenso percorso, ritorna all’entità di partenza, per poi ricominciare un altro viaggio”. Gli scatti di Antonio Manidi cercano di cogliere l’essenza, di addentrarsi nel mistero e di percepirlo con lo sguardo: “Solo un’osservazione attenta consente di cogliere la sostanza propria di un elemento, attraverso magici istanti che la fotografia permette di rubare e condividere”.

I rumori del silenzio di Stefano Montagna si riferiscono a ciò che rimane dei grandi spazi - ex fabbriche abbandonate, come la Necchi. Si tratta di strutture vuote, “piene di detriti che ora fanno bella mostra di sé e danno tanta tristezza con la loro desolazione, e tutto sembra irreale. Ciò che resta, è solo un assordante silenzio”.

La collettiva Paesaggio italiano si concentra sull’Italia, sul contrasto tra paesaggi antichi e contemporanei, e sul confronto tra  i due: “Il paesaggio – spiega Manidi –  è la particolare fisionomia di un territorio e comprende (nelle sue caratteristiche fisiche, biologiche ed etniche) sia la realtà che l’apparenza di realtà. Da questo punto di vista il paesaggio è anche un potente linguaggio, e non esiste paesaggio senza la rappresentazione di esso. È il riflesso degli stati d’animo dell’osservatore, che lo modifica nell’immaginario psicologico, è il riflesso dello sguardo sul mondo di ogni singolo individuo, è una visione puramente soggettiva, legata all’esistenza, ai ricordi, alle emozioni”. 

 
 Informazioni 
Dove: Spazio per le arti contemporanee del Broletto, Piazza della Vittoria - Pavia
Quando: dal 9 (inaugurazione ore 18.00) fino al 18 settembre 2015, orari: da martedì a venerdì ore 17.00-20.00, sabato e domenica 10.30-12.30; 17.00-20.00.
Ingresso: libero

 
 
Pavia, 09/09/2015 (13329)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool