Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 29 ottobre 2020 (177) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Natale in crociera
» The Village
» Son de mar
» La nave fantasma
» L'acchiappasogni
» Il Libro della Giungla 2
» Hunted
» A proposito di Schmidt
» Hypercube-Cubo 2
» Gangs of New York
» Il Signore degli anelli-Le due torri
» Darkness
» L'uomo del treno
» xXx
» Pinocchio
» Minority Report

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 1322 del 16 settembre 2003 (2644) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Hulk
Hulk

E' il film del momento, l'uscita più importante, con La maledizione della prima luna, di questo post-estate cinematografico italiano.

Da ormai molti mesi è un successo annunciato, un film tratto dai fumetti Marvel ed uscito, sulla carta, dalla mente di Stan Lee (come Spiderman, Daredevil o X-men) e dal pennino fantasioso del grande Jack Kirby, che per la prima volta approfondirà di molto la componente psicologica del suo superomistico protagonista (?!).

E' l'ultimo film di Ang Lee, l'ottimo regista di Tempesta di ghiaccio, il meno apprezzato autore di La tigre e il dragone, un regista freddo, compassato, noto per saper unire perfettamente tecnologia all'avanguardia e psicologia raffinata dei sentimenti nei suoi lavori: un ottima sfida dinnanzi al più "complessato" dei supereroi!

Tutto questo insomma per far capire che quando entro in sala, al cinema Corallo di Pavia, le aspettative sono grandi per questo The Hulk...
E, almeno all'inizio, assolutamente rispettate.

I titoli di testa sono raffinati, nitidi e molto intelligenti. Veloci, concitati, "attraenti" nel vero senso della parola hanno il pregio enorme di trascinarti come in un vortice all'interno del film, nella sua storia, quella che per le due ore seguenti diventerà la "tua" storia.
Provette, esperimenti, riprese dal basso, dall'alto, spiazzanti, energiche ed adrenaliniche, uso intelligente di effetti, solarizzazioni, stroboscopia... retropensiero critico cattivo: "...ma ce la farà a tenere il ritmo per due ore?"

La risposta è nelle prime inquadrature dopo i titoli: la nascita di Bruce dentro un'iride da silent movie (la nascita del protagonista come la nascita del cinema?) è al centro di un complicato "split screen" (lo schermo diviso al cinema è nato prima o dopo la divisione della pagina dei fumetti nelle vignette dalla forma originale e creativa?) = sarà dura! Anche perché il fumetto "diviso" rimane immobile e puoi dedicargli tutta l'attenzione che vuoi, per tutto il tempo che vuoi, al cinema invece la narrazione continua e la fastidiosa sensazione di non aver colto tutto ti segue fino in fondo...

Hulk

Il ritorno degli effetti strobo nella scena della lotta del piccolo Bruce davanti al deserto (infelicità-solitudine incombente?) coi dinosauri prima dell'orribile episodio della morte della madre è un rimpianto per l'immagine pura (senza la necessità di dover raccontare una storia) dei titoli di testa.

Il primo dialogo rompe la magia.
Banale, freddo, ritrito.
Utilizzo seriale della profondità di campo negata: ogni volta che due protagonisti si parlano solo uno è a fuoco, l'interlocutore sfoca in primissimo piano o sullo sfondo, che vorrà dire?
Sostanziale incomunicabilità dei sentimenti?

La psicanalisi mano a mano si fa strada. Amore per la madre, odio del padre, e citazione amorevole di Lee anche per la Storia del cinema: La morte corre sul fiume di Charles Laughton, 1956, quando, di notte, il padre vero va a trovare Bruce ma rimane sulla strada fuori dalla casa (i tempi però sono cambiati: questo cattivo è il padre naturale, là era il nuovo padre quello cattivo: Lee ancora più pessimista di Laughton?!)

Interessante la sperimentazione sullo split screen dinamico (uno schermo-diviso in costante movimento in ogni segmento): i campi e controcampi non hanno più senso, ogni situazione è raccontata con una macchina da presa che rappresenta tutti i punti di vista possibili e per di più in compresenza sullo schermo! geniale! Ma non si dovrà fare i conti con una diversa sensibilità anche nell'osservatore?!

Adesso Lee scopre che può ritornare all'"immagine pura", che non si preoccupa della trama a sostenerla, anche all'interno del film, non solo nei titoli di testa: ed è nella rappresentazione dei sogni del protagonista: la superficie della roccia, delle rocce, i licheni del deserto, la pelle dei rettili... Una luce radente, limpida, da delirio!

"Dovremo tenere d'occhio questo caratteraccio" dice il padre-Nolte al figlio Bruce all'ospedale: bella anticipazione (è proprio cogli occhi, i nostri occhi, che ci godremo quanto il caratteraccio di Bruce saprà trasformarlo in Hulk, è il suo subcosciente, non lo può "limitare").

Nel film si evidenziano sempre più tre zone distinte: l'azione in computer graphic, l'azione normalmente recitata e le pause di riflessione/dialogo tra i protagonisti. I valori di queste parti sono differenti.
Buona la computergrafica, ottima l'azione, stanca ed inefficace la riflessione. E a seconda di quale parte prevalga il film prende rotte diverse.
Una delle parti migliori: il trasferimento di Bruce Banner cogli elicotteri alla base del deserto (Hulk torna a casa?): no parole, no dialoghi, solo azione e ottimo decor! Così ci piace!

hulk

Eccessivo ad un certo punto l'utilizzo delle tendine (elettroniche) per cambiare scena! Abbiamo capito che è una citazione della tv che è stata! Passiamo oltre!
Mostro di Frankenstein, dottor Jekyll e Mr Hyde, semplice bambino choccato da un evento tragicissimo e rimosso durante l'infanzia? Hulk è tutto questo e di più, ma come renderlo in un film? Ad un certo punto diventa addirittura King Kong, assediato da eserciti e polizie ma che si arrende ad una donna!
Una donna che ama i "freddi" (=lo scienziato calcolatore) ma ciascuno di noi è anche "caldo" dentro (e verde anche!!!).

Bello l'atto unico da teatro sperimentale-shakespeariano alla base militare tra padre e figlio mutati, v. la luce da palcoscenico! Nolte è un no-global anziano, bello, pazzo e trascinatore.

Pessimo invece il duellone tra i due "da cartone animato" nella natura mutata e che finisce colla bomba atomica "necessaria"!

Da notare però il sottofinale di speranza e riscatto: Hulk protegge i più deboli... e... non lo fate arrabbiare...

 
 Informazioni 
 

Roberto Figazzolo

Pavia, 16/09/2003 (1322)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool