Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 18 marzo 2019 (326) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Mario Giordano presenta il libro "L'Italia non è più italiana"
» Piccoli Argini: La Tempesta
» Giornate FAI di Primavera
» Il Pianoforte vuoto: provando Beethoven
» Incontro con Paolo Rumiz
» I grandi misteri della Fisica al Collegio Borromeo
» L'estetica del vero
» La Luna Nuova
» Verso il bosco”
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Non erano eroi ma giornalisti. La libertà di informare oggi
» L’origine dell’uomo secondo Edoardo Boncinelli - RINVIATO
» In viaggio verso lo spazio con Roberto Battiston
» Cioccovillage
» Enrica, che spettacolo di formica
» Dottore c'ho la vagina pectoris!!!
» Non siamo in pericolo
» Primavera al Bosco Negri
» Lisistrata. La congiura delle donne per la pace
» Festival del Ridotto

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Mario Giordano presenta il libro "L'Italia non è più italiana"
» Incontro con Paolo Rumiz
» I grandi misteri della Fisica al Collegio Borromeo
» L'estetica del vero
» Pavia in poesia 2019
» Salvatore Silvano Nigro e il "fantastico" Manganelli
» PaviArt - Settima edizione
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» Non erano eroi ma giornalisti. La libertà di informare oggi
» L’origine dell’uomo secondo Edoardo Boncinelli - RINVIATO
» Pi Greco Day 2019
» L'energia dei segni e dei sogni
» Scrivere Storie
» Sudario Brando: Live painting
» Festival del Dialogo tra Uomini e Donne
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 13026 del 7 aprile 2015 (2145) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Vento d’Aprile
Vento d’Aprile

Inizia venerdì  a Cassolnovo Vento d’Aprile la rassegna dedicata al 70° anniversario dalla Liberazione dal Nazifascismo. Tra libri racconti, storia orale, canzoni e musica il percorso porterà in 3 appuntamenti al Teatro Verdi a far più chiarezza e a rendere più vivo e tangibile il ricordo della resistenza  e il significato che quella scelta ha comportato per il nostro Paese.

Organizzata dall’ANPI  Cassolese recentissimamente costuito in paese, dalla Biblioteca Comunale “Anna Del Bo Boffino” e dall’Amministrazione Comunale, la rassegna vedrà un appuntamento settimanale da qui al 25 aprile.
I temi specifici riguarderanno la resistenza in Oltrepò, l’eccidio della Benedicta nell’appennino Ligure Alessandrino e, per finire, un omaggio ai valori della resistenza e della costituzione con lo spettacolo molto atteso dei Cantosociale che ritornano ad esibirsi nel paese d’origine dopo 12 anni.

Venerdi, alle 21.00, con entrata libera, comincerà l’appassionata ricercatrice pavese Annalisa Alessio, che presenterà ben 2 volumi, il primo edito nel 2013, è La scelta. Storie di Partigiani pavesi e raccoglie in prima persona i racconti di partigiani pavesi quali Ugo Barbero, Umberto Respizzi e altri tracciando un profilo umano dei protagonisti  e curando bene la descirizione e l’analisi del contesto sociale territoriale (quello della città di Pavia negli anni del fascismo dove si sono sviluppate  diverse forme di resistenza). Il libro ne traccia le ragioni delle scelte diverse privilegiando, rispetto alla ricerca di archivio, il magma di emozioni, ricordi, suggestioni della lotta per la Liberazione.
Tra i partigiani  le storie di Giannino Bolognesi, originario di Galliavola, che ha combattuto in Slovenia nella Brigata Fratelli Fontanot, quella di Carlo Pietra combattente partigiano nato a Pavia, combattente nelle Brigate Matteotti a Castelbardo e Montagnana e poi nella Brigata Garibaldina 168°. In particolare Carlo Pietra è stato anche internato nel lager di Bolzano dal quale è riuscito a fuggire grazie all’aiuto di una piccola cellula comunista di operai della Lancia, per finire Marino Fronti (classe 1926), la cui la scelta partigiana è stata maturata nel corso dei primi scioperi del 1943 alla fabbrica Snia di Pavia.

Il seconto testo che viene presentato in anteprima s’intitola Renato Tisato, La storia e la memoria,  realizzato anche con il patrocinio dell’ANPI provinciale di Verona. La pubblicazione è stata curata insieme a Laura Beretta. Tisato, pavese d’adozione dal dopoguerra fino alla morte (1977), ha vissuto a Pavia, è stato partigiano gappista a Verona - sua città natale - partecipando ad alcuni importanti azioni di sabotaggio. È stato poi comandante partigiano. Nel dopoguerra Tisato ha insegnato pedagogia presso l’Università di Pavia. Nel ‘57 (e qui sta l’aspetto più interessante) Tisato è stato oggetto di un procedimento giudiziario, una sorta di processo alla Resistenza, per aver scelto, in qualità di ufficiale dell’esercito di liberazione, un ex fascista catturato dopo il 25 aprile.

La serata è anche il quarto appuntamento della rassegna Libri a fior di labbra, che prevede presentazioni di libri con gli autori promossa dalla Biblioteca Comunale e sin qui molto seguita dai cassolesi.

 

 
 Informazioni 
Dove: Cassolnovo
Quando: dal 10 al 25 aprile 2015 

 
 
Pavia, 07/04/2015 (13026)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool