Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 24 gennaio 2018 (478) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La Chiesa di San Lanfranco tra Medioevo e Rinascimento
» Dopo la Brexit, quale futuro per l’Europa
» Il Giubileo del Concilio e di Papa Francesco
» Una serata per il Sì
» Cambiamo per il cambiamento climatico
» Quo Lux Ducit
» I Giovedì del Collegio Cairoli
» La Ricerca della Felicità
» Mario Pavan, 40 anni di studi e ricerche in giro per il mondo.
» Babilonia: archeologia e mito
» Tutti i segreti dell’energia elettrica
» Abitare nell'antichità: forme e modelli
» Charles Dickens e la trascrizione del parlato
» Dalle mummie a Caravaggio
» Arte e guerra
» Donne e Pubblicità
» Leggere il pensiero non è più fantascienza
» Pericolo asteroidi
» ArkeoLogicaMente
» Progetto e costruzione

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Matteo Bussola: A Contemporary Storyteller
» Incontro con Raffaele Cantone
» Il cellulare ci spia…
» La molecola delle emozioni
» Ad AstroSamantha la laurea honoris causa
» Dolomiti: un patrimonio da tutelare, una scogliera fossile da scoprire"
» La fortuna aiuta gli audaci
» Scienziati in Prova
» Porte Aperte all'Università di Pavia
» La lezione di Giovanni Falcone
» Cooperazione internazionale - Il nostro futuro nel mondo
» Pitch Night
» Rosolino prof per un giorno
» Giornata Goldoniana
» Il Giudice di Canicattì. Rosario Livatino,il coraggio e la tenacia
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 12961 del 9 marzo 2015 (2259) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Operare nell’emergenza Ebola
Operare nell’emergenza Ebola

Il Collegio Nuovo di Pavia propone, per martedì sera, Operare nell’emergenza Ebola, incontro con Paolo Setti Carraro, Medico Chirurgo, condotto da Lorenzo Minoli dell’Università di Pavia.

Paolo Setti Carraro, chirurgo messo in isolamento precauzionale l’autunno scorso per il virus Ebola, sarà ospite a Pavia per parlare della sua esperienza , con la squadra di “Medici con l’Africa Cuamm” nell’ospedale di Pujehun, Sierra Leone.
Al suo fianco interverrà Lorenzo Minoli, Direttore della Clinica di Malattie Infettive dell’Università di Pavia presso il Policlinico S. Matteo: il prof. Minoli, esperto, tra l’altro, di HIV, ha pure avuto numerose esperienze sia come responsabile di progetti internazionali a favore di ospedali in Zambia e Costa d’Avorio, sia come consulente per progetti formativi e di edilizia ospedaliera in Libia e Kazakistan.

Allievo di Vittorio Staudacher, il pioniere in Italia della chirurgia d’urgenza e della sperimentazione sui trapianti, Paolo Setti Carraro, dopo trent’anni al Policlinico di Milano dove diventa primario facente funzione, decide di mettere la sua professionalità al servizio di Emergency, fondata dall’amico Gino Strada, con cui aveva condiviso anche un periodo di perfezionamento in cardiochirurgia negli Stati Uniti. Così i luoghi del suo "operare" diventano l’Afghanistan e la Sierra Leone, intervenendo non solo chirurgicamente, ma pure insegnando: «Quando opero ho sempre accanto un giovane che osserva e a cui, appena posso, spiego cosa sto facendo, a volte mi metto dietro – racconta in una intervista di Nando Dalla Chiesa per il Fatto QuotidianoTe lo ricordi cosa diceva il Grande Timoniere Mao Tse Tung? "Se vuoi aiutare qualcuno non regalargli il pesce, insegnagli a pescare"».
In seguito all’infrazione del protocollo di sicurezza da parte del personale infermieristico, e con la consapevolezza che alcuni temono di denunciarsi come possibili infetti, il dott. Setti Carraro, con l’ostetrica Chiara Maretti, sono stati in quarantena, pur non presentando sintomi né potendo essere contagiosi.
Una esperienza, quella in Sierra Leone, che dà conto della complessità del contesto emergenziale in cui ci si trova a operare, dove ai pazienti di Ebola si sommano anche i «morti nascosti di Ebola». Sono coloro che, affetti da altre patologie, più facilmente curabili, per paura di essere ricoverati in ospedali dove vengono trattati gli infetti dallo spaventoso virus, giungono troppo tardi a farsi curare.

Una testimonianza, quella di Setti Carraro, di professionalità che poggia su pilastri fondamentali: competenza, rigore, abnegazione e umanità. A cui si aggiunge una lucidità per la quale – di fronte alla paura collettiva di un contagio trasmesso da chi approda sulle rive europee con i barconi – Setti Carraro risponde che il decorso rapido della malattia non consentirebbe tempi così lunghi per un contagio. Più facile contrarre il virus in... business class. E il rigore applicato anche in primo luogo a se stessi, sottoponendosi a un isolamento precauzionale, è uno dei passi per prevenire.

 
 Informazioni 
Dove: Collegio Nuovo, Fondazione Sandra e Enea Mattei, via Abbiategrasso, 404 - Pavia
Quando: martedì 10 marzo 2015, ore 21.00

 
 
Pavia, 09/03/2015 (12961)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool