Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 26 settembre 2017 (551) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Mei perdla che truvola
» Mi sun de chi
» Poker del Vernaulin a Borgarello
» “Teresina e l’eroe di famiglia”
» “Anima Broni - Lasarat torna nel suo Teatro”
» Locandiera, bellezza bronese
» “Tut a Bron!” a vedere “Tut pr’una statua”
» Guarda in su… che al borla su!
» Tut a Bron!
» Vera vuz: prosa in dialetto al Tess
» Pensa ladar che tucc i roban
» “Ti ricordi quella sera di vent’anni fa..."
» Rassegna lomellina con GT San Martino
» San me un coran… e malà me al rud
» San Giuàn fa vèd l'ingàn - Amedeo dei Mille eroe per caso
» Troviamoci a teatro… 2012
» Ravioli in Broadway
» "A go nenca un pcà da purga’!”
» Tris di spettacoli
» Nuovi appuntamenti dialettali!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Visita con delitto
» Corsi di teatro per bambini e ragazzi
» La Stagione del Teatro Sociale Stradella
» Cori in festa
» Arie d’Opera al Castello
» Un, due, tre... Shakespeare
» In...tolleranza zero
» Che sarà? Bo!
» Silent Party a Pavia
» Due Divine al Malaspina
» Cinema sotto le stelle: Wichtig ist... / l'importante è...
» Idiots
» Video Slam 2017
» Kairos
» Bianco
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 12919 del 16 marzo 2015 (2516) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Pignaseca e Pignaverda
Pignaseca e Pignaverda

In scena, domenica a Lardirago,  una trasposizione in dialetto pavese della celebre opera “Pignasecca e Pignaverde”, interpretata nel 1957 dalla Compagnia Comica Genovese diretta da Gilberto Govi, attore originale, accuratissimo nel trucco, misurato e delicato nell'inflessione e nel gesto, che contribuì a far nascere con un autentico repertorio regionale genovese. 

Pignaseca e Pignaverda sono due avari incalliti intorno ai quali girano vicende famigliari, una dote, un matrimonio, affari ed interessi che i protagonisti cercano di sfruttare a loro unico favore.

L’opera teatrale in tre atti di Emerico Valentinetti venne a lungo presentata a teatro e nel dopoguerra venne ridotta cinematograficamente col titolo ”Che tempi”, con attori del calibro di Walter Chiari, Alberto Sordi, Paolo Stoppa e Lea Padovani, accanto allo stesso Govi.

Ora, a presentarla è il gruppo teatrale Città Giardino Pavia, che possiede un’esclusiva sui permessi su questo testo molto conosciuto.
Sul palco Cesare Prina, Lina Pagliughi, Luisella Canevari, Paolo Ramaioli, Enea Frattini, Anna Gianoli, Pietro Moro, Giulia Nielsen, Sergio Pizzi diretti da Lina Pagliughi.

Da Genova a Pavia, sempre negli anni ‘50, la commedia dà una rappresentazione ironica dell’avarizia utilizzando l’immediatezza e l’efficacia del vernacolo locale (l’originale era, ovviamente, in genovese): i due cugini taccagni sono alle prese con il matrimonio della figlia del più anziano, Felice Pastorino, che vorrebbe accasare la figlia appunto col cugino per salvaguardare i patrimoni... Riuscirà l'amore a trionfare sull'avarizia?

 
 Informazioni 
Dove: Castello Ghislieri, Lardirago
Quando: domenica 7 giugno, ore 21.30
Ingresso libero con offerta devoluta alle famiglie bisognose di San Martino

 

Paola Hotellier

Pavia, 16/03/2015 (12919)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti