Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 18 novembre 2019 (264) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiate di Quartiere
» Merenda di fine estate
» Via degli Abati
» Week end di Farfalle...
» La birra dei Celti al castello di Stefanago
» A caccia di tartufi
» Il salame di Varzi e la corte dei Malaspina
» Aperitivo con vista: le api dei monti
» Da Varzi a Portofino
» Butterflywatching in Valle Staffora…. In cerca di rarità
» Orchidee in Oltre
» In bocca al lupo
» Tra vino e castelli
» Pane al pane
» Da Fego al rifugio Nassano
» Sentiero dei Castellani
» Tra i vigneti del Versa sul sentiero delle torri
» Passeggiata tra storia, natura e benessere....
» Le sabbie dell’Oltrepò
» Lunapiena Bike

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
» Festival delle Farfalle
» Passeggiate di Quartiere
» Lavanda e farfalle...
» Filippo Solibello, Stop plastica a mare
» Giochi d'acqua... dolce o salata?
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 12905 del 10 febbraio 2015 (2182) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
A spasso tra Forti di Genova
A spasso tra Forti di Genova

Genova è stata, da sempre, epicentro della vita politica e culturale del mediterraneo per la sua posizione strategica. Per difendere questa posizione Genova si è lungamente dotata di mura, torri e castelli.

Della cerchia più interna (e più antica) rimangono pochi tratti di mura, alcune porte e alcune torri medievali. Delle "nuove mura" costruite tra il 1700 e il 1800, invece, rimangono notevolissime testimonianze cancellate dall’espansione della città solo nella parte a mare (in particolare con l'abbattimento del promontorio tra la città e Sampierdarena).

L’Associazione Via del Mare, domenica, condurrà soci e simpatizzanti in un’escursione ai Forti di Genova, lungo un percorso, che lambisce e protegge la città e tocca forti, mura, torri, polveriere ancora in buone condizioni e in un contesto naturale bellissimo e quasi incontaminato per una città così stretta tra il mare ed i monti come è il capoluogo ligure.

Questo itinerario si snoda lungo il crinale montuoso che s’innalza immediatamente alle spalle di Genova. Lungo questo percorso si potranno ammirare ampie vedute sul Golfo di Genova e sulla città stessa, con lo sguardo che potrà spingersi verso il promontorio di Portofino a Est e il ponente genovese a Ovest, fino a Savona e tutto attorno le montagne dell’Appennino ligure. Il tutto con la vista spettacolare delle fortificazioni in primo piano.

In particolare lo spettacolo sarà appagante una volta giunti al Forte Diamante, il più lontano e quello posto più in alto di tutti. La sua costruzione iniziò nel 1756 e il suo abbandono definitivo, che dura fino ad oggi, è datato 1914. Nonostante lo stato di abbandono, la struttura, considerata anche la posizione dominante sugli Appennini e la tipologia di fortificazione, è molto scenografica e affascinante.

L’escursione, di 4 ore circa tra andata/ritorno, inizia fra il Forte Begato e il Forte Sperone, seguendo il Sentiero delle Mura. Il Forte Sperone è forse il più importante dei forti genovesi in quanto si trova sulla sommità del monte Peralto, in una posizione dominante sulla città ed è punto di innesto delle Nuove Mura da levante a ponente. Data la posizione dominante sulla città notizie riguardanti fortificazioni in questo punto risalgono a tempi molto remoti, fin dal 1300. Il forte che conosciamo adesso deriva dalle modifiche effettuate tra il 1700 e il 1800.

Superato il Forte Sperone si percorre il crinale in leggera salita e si raggiunge il Forte Puin. Quest’ultimo venne costruito dai Piemontesi a partire dal 1815 per ordine del Governo Provvisorio e venne terminato nel 1830.  Il nome probabilmente deriva dalla parola puin che in genovese significa "padrino" e di cui esisteva, sottostante al forte, una baracca.

Da qui, sempre seguendo il crinale ci si porta alla Sella del Diamante da dove inizia la salita ad ampi zig-zag che permetterà di raggiungere il Forte Diamante.
Al ritorno si ripercorre lo stesso percorso.

 
 Informazioni 
Dove: ritrovo al casello autostradale di Gropello Cairoli, ore 7.35 o al casello di Casei Gerola, ore 8.00.
Quando: domenica 15 gennaio 2015
Partecipazione: per i soci AVM la partecipazione prevede un contributo minimo di 5 €, per i non soci adulti un contributo minimo di 10 €, per i non soci bimbi di età inferiore a 10 anni 6 €.
Non sono comprese le spese di viaggio in auto. Ci si organizza riempiendo le auto disponibili.
Per informazioni e prenotazioni: tel. 388/1274264, e-mail: info@viadelmare.pv.it 

 
 
 
Pavia, 10/02/2015 (12905)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool