Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 4 aprile 2020 (1054) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» 10 per Pavia a Catania!
» Il Demetrio su Amadeus
» La Sella Plicatilis a Magdeburgo
» Beatles Next Generation: bufala o realtà?
» Adotta un'orchidea!
» Oh, questa è bella! (appendice sanremese)
» George Harrison - Living in the material world
» I ragazzi della Via Stendhal
» Una tela del Procaccini a Lungavilla
» Donald & Jen MacNeill e i Lowlands
» La musica in Portogallo
» Cucina ebraica in Lomellina
» Mistero a Pavia
» Musica e auto
» La colomba… Ha fatto l’uovo!
» Musica ceca
» Una giornata a Camillomagus
» Piva piva l'oli d'oliva
» Sodalizio gastronomico...
» CicloPoEtica 2010

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Apre in Varzi Bottega Oltrepò
» BirrArt 2019
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Autunno Pavese: tante novità
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Sagra della ciliegia
» Pop al top - terza tappa
» Birre Vive Sotto la Torre
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 129 del 22 settembre 2001 (4281) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Pesto: genovese o lomellino?
Pesto: genovese o lomellino?

Per i genovesi (come la sottoscritta) cadrebbe un mito!

Per il popolo lomellino, invece, potrebbe essere l'ennesima conferma del suo estro culinario sempre pronto ad "inventare" accostamenti particolari: riso e rane, salame d'oca, tanto per citare i più famosi!

No... non è uno scherzo di fine estate!

E' tutto vero e coinvolge due importanti centri turistici: quello ligure di Chiavari e quello pavese di Mortara, che hanno deciso di fare chiarezza sulla cosa e sono seriamente impegnati ad accertare la giusta paternità del verde condimento a base di basilico!

Ma, partiamo dal principio.

Pare che il pesto alla genovese sia stato introdotto nella cucina ligure, alla fine del XII secolo, dal monaco Giovanni da Toledo, medico alla corte pontificia ai tempi di Papa Innocenzo IV (Sinibaldo Fieschi dei Conti di Lavagna); e qui nulla di sospetto... sennonché, ricerche più approfondite, rivelerebbero che, questo monaco cistercense, sia vissuto, a Mortara, intorno al 1240 dove studiò attentamente le proprietà mediche del basilico dalle straordinarie qualità terapeutiche.

Il pesto è stato, dunque, inventato da Giovanni da Toledo nel suo monastero in Lomellina?

Ad avallare questa ipotesi, anche l'analisi dello stemma del Comune di Mortara, che raffigura, niente "po' po' di meno", un mortaio, il contenitore tipico dove foglie di basilico, pinoli, formaggio grana, aglio e abbondante olio di oliva, vengono ridotti in poltiglia con il pestello rigorosamente in legno, ottenendo, così, il pesto!

Vedremo come andrà a finire il simpatico contenzioso, da genovese, ovviamente, spero che il pesto rimanga in Liguria, altrimenti con che cosa d'altro potremmo condire le famose "troffie di Recco"?

 
 Informazioni 
 

Delia Giribaldi

Pavia, 22/09/2001 (129)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool