Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 15 novembre 2019 (310) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Napoleone anche a Pavia
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge
» A Londra con mia figlia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 12858 del 21 gennaio 2015 (3229) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
E si salvò anche la madre
E si salvò anche la madre

Il Museo per la Storia dell’Università propone una nuova apertura al pubblico per sabato pomeriggio. Per l’occasione è in programma una conversazione tenuta dal Prof. Paolo Mazzarello dal titolo “La rivoluzione del taglio cesareo. Il maggior successo della chirurgia pavese”, nel corso della quale verrà presentato il libro “E si salvò anche la madre. L’evento che rivoluzionò il parto cesareo” (Bollati Boringhieri, 2015). 

Fino al tardo Ottocento, quando insorgevano complicazioni nelle fasi finali di una gravidanza e si rendeva necessario un intervento di parto cesareo, era chiaro a tutti che la madre era spacciata. Non c’era scampo: si incideva il ventre, si estraeva il bambino e si lasciava la donna al suo destino. «Il taglio cesareo provocava un terrore che proveniva da lontano, dalle profondità del passato - racconta Paolo Mazzarello -, perché era associato all’idea di morte della partoriente, sedimentata in secoli di drammi terribili».

Nel 1876 accadde però qualcosa di nuovo, qualcosa che vale la pena conoscere, poiché rivoluzionò la vita della nostra società ben più di molte famose scoperte dell’epoca, continuamente celebrate. Accadde, cioè, che una giovane donna di nome Giulia Cavallini, affetta da rachitismo e giunta al termine della gravidanza, si affidò alle cure del professor Edoardo Porro, primario ostetrico dell’Ospedale San Matteo di Pavia.

Col canale del parto della giovane donna quasi completamente ostruito per via della deformazione delle ossa, Porro – uomo risoluto, vecchio garibaldino e medico particolarmente attento al destino delle sue pazienti – capì che doveva elaborare una tecnica nuova, un’invenzione in grado di salvare, oltre al bambino, anche la madre. Ci riuscì, e rapidamente la «tecnica di Porro» entrò nel repertorio chirurgico europeo. Grazie a Edoardo e a Giulia – ognuno coraggioso a modo suo – si aprì la strada a un’epoca, la nostra, nella quale un parto cesareo non è più una condanna a morte sicura, bensì un intervento relativamente semplice, grazie al quale le donne non devono più temere un atroce, ineluttabile destino.

Paolo Mazzarello, autore del volume edito da Bollati Boringhieri, introdurrà i visitatori al dietro le quinte di una grande innovazione medico-chirurgica, illustrando le reali condizioni in cui operavano gli ostetrici prima dell’avvento del metodo Porro, nonché le implicazioni di carattere morale, sociale e scientifico insite in questa nuova pratica.

Nel corso della conversazione, che si terrà in aula Scarpaa partire dalle ore 15.30, il prof. Mazzarello rievocherà le tappe storico scientifiche da lui percorse per la stesura del libro, dando anche qualche piccola anticipazione sui contenuti dello stesso, in uscita nelle librerie dal 22 gennaio p.v..

Il Museo per la Storia ha dedicato una vetrina all’operato di Porro: in essa si conservano il primo utero asportato, la foto della fortunata mammasopravvissuta all’intervento, una fotografia dell’interno della clinica in cui esso si svolse e molto altro che si potrà scoprire nel corso di una visita guidata condotta dal prof. Mazzarello.
A corredo dell’evento saranno esposti alcuni strumenti ostetrici e ginecologici risalenti alla seconda metà dell’Ottocento che facevano parte della dotazione a disposizione dei chirurghi pavesi dell’epoca.
 

 
 Informazioni 
Dove: Aula Scarpa e Museo per la Storia dell’Università , Palazzo Centrale - Strada Nuova - Pavia
Quando: sabato 24 gennaio il Museo per la Storia dell’Università sarà aperto al pubblico dalle 15.30 alle 18.30.
Partecipazione: iniziativa gratuita
Per informazioni: tel. 0382/98 4707-09, e-mail: museostorico@unipv.it

 
 
Pavia, 21/01/2015 (12858)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool