Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 15 settembre 2019 (280) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12835 del 9 gennaio 2015 (2495) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Arteinrete
Arteinrete
Oggetti di design come opere d’arte, che rievocano le atmosfere del nostro Medioevo, sperimentando ardite commistioni di materiali: questo, in poche parole, lo stile di Anna Maria Grandi, artista e designer pavese, che si può apprezzare nella mostra Arteinrete, allestita nella splendida cornice dell’Oratorio della Passione di Milano dal 13 al 19 gennaio.
 
Un’esposizione che, come dice il titolo stesso, mette in relazione artisti e designer con spirito creativo differente, in un accostamento che esalta la peculiarità di ognuno e fa scoprire similitudini e vicinanze inattese.
Un contesto in cui Anna Maria Grandi porta il proprio contributo di artista/designer con opere d’arte che sono, anche e prima di tutto, oggetti da vivere: dagli arredi ai gioielli.
 
La ricerca continua nella scelta dei materiali, l’attenzione per la loro elaborazione e il loro accostamento, fanno di questi oggetti dei pezzi unici, da cui traspare tutto lo spirito del Medioevo - tra sfarzo gotico, essenzialità romanica e amore per i metalli e le pietre preziose - costante ispirazione nelle scelte di Anna Maria Grandi.
 
Gli oggetti d’arredo ci trasportano nel mondo dell’arte e della letteratura del Trecento: le Gotiche, sedie dalle linee essenziali, dove gli schienali sottili svettano verso l’alto come le guglie del Gotico Fiorito, la sedia di Petrarca, che si ispira alla poltrona del grande poeta, conservata ad Arquà Petrarca.
 
I nomi dei gioielli rievocano le atmosfere di corte, il mondo dorato di dame e cavalieri: la Collana Tudor (la potente dinastia che regnò in Inghilterra nel XV secolo), il Collare del Palladino (antica famiglia che prende il nome dai “paladini” delle chanson de geste francesci), il Collare del Gotico Fiorito. Gioielli importanti, dove il metallo prezioso, battuto con cura, vibra al riflesso della luce e la scelta delle pietre dalle svariate cromie ricorda la ricchezza delle corone.
 
In mostra, oltre ad Anna Maria Grandi, le opere di Margherita Calzoni, Paola Brusa, Laura Len, Agnese Cabano, Shamanta Fermo, Brunella Rossi, Fiorentina Giannotta, Miriam Prato, Massimo Monteleone, Cristina Gandini, Domenico Ghin-Daniele Ghin-Giuditta Dessy, Bengt-Goran Karlsson, Luciano Iannucci, Mitsushige Nishiwaki, Rita Bassi.
 
La mostra, organizzata da Jelmoni Studio Gallery di Piacenza, vede anche l’importante contributo di Max Casaroli, che, in collaborazione con lo IED (Istituto Europeo di Design), presenta un progetto di video art.
 
 Informazioni 
Dove: Oratorio della Passione, p.zza S. Ambrogio, 15 (Basilica di S. Ambrogio) - Milano
Quando: dal 13(inaugurazione 18.00) - 19 gennaio 2015, tutti i giorni dalle 16.00 alle 19.00
Ingresso libero
Per informazioni: tel. 0382/21725
 
 
Pavia, 09/01/2015 (12835)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool