Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 30 ottobre 2020 (213) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 12823 del 19 dicembre 2014 (2371) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Si torna a sciare a Pian del Poggio
Si torna a sciare a Pian del Poggio
L’inaugurazione della seggiovia, che si è tenuta sabato mattina, a Pian del Poggio, segna la riapertura della stagione turistica per l’Alto Oltrepò.

Dopo cinque anni di chiusura degli impianti, infatti, neve permettendo, si potrà tornare a sciare sul monte Chiappo, cima del gruppo dell’Antola, divisa tra le regioni Piemonte, Lombardia, ed Emilia-Romagna.

L’impianto di risalita è una seggiovia biposto che parte dai 1300 metri di Pian del Poggio e raggiunge i 1700 del monte Chiappo dove partono tre piste, una di 2500 metri, una di 1720 metri ed una di 600 metri, , per una lunghezza totale di quasi 5 chilometri, capaci di soddisfare diversi gradi di abilità sciistica.

Abbiamo sempre creduto nella necessità di arrivare a questa riapertura che consideriamo strategica per l’incremento del turismo nell’Oltrepò montano – dice il Presidente della Provincia di Pavia, Daniele Bosone –. Il rilancio di questa zona passa anche attraverso il buon funzionamento degli impianti sportivi, come la seggiovia, oltre che attraverso la realizzazione di progetti di promozione turistica che tengono conto di tutte le offerte del territorio”.

La rimessa in funzione la si deve ad un contributo di Regione Lombardia (di 200mila euro), Provincia di Pavia (100mila euro), Comunità Montana dell’Oltrepò Pavese (100mila euro), Comune di Voghera (30mila euro), Comune di Santa Margherita di Staffora (23mila euro) e Comune di Ferrera Erbognone (25mila euro). Altre risorse sono state messe a disposizione dalla ditta vincitrice dell’appalto che si occuperà della gestione degli impianti. 

 
 Informazioni 
 
 
Pavia, 19/12/2014 (12823)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool