Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 23 novembre 2017 (770) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I me murus
» Mei perdla che truvola
» Mi sun de chi
» Poker del Vernaulin a Borgarello
» “Teresina e l’eroe di famiglia”
» “Anima Broni - Lasarat torna nel suo Teatro”
» Locandiera, bellezza bronese
» Pignaseca e Pignaverda
» “Tut a Bron!” a vedere “Tut pr’una statua”
» Tut a Bron!
» Vera vuz: prosa in dialetto al Tess
» Pensa ladar che tucc i roban
» “Ti ricordi quella sera di vent’anni fa..."
» Rassegna lomellina con GT San Martino
» San me un coran… e malà me al rud
» San Giuàn fa vèd l'ingàn - Amedeo dei Mille eroe per caso
» Troviamoci a teatro… 2012
» Ravioli in Broadway
» "A go nenca un pcà da purga’!”
» Tris di spettacoli

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Winter dreams
» So Kind così gentile Dracula
» I me murus
» Una giuria di sole donne
» Guarda come bolla
» Suzanne
» A letto dopo carosello
» Filastrocchevolmente
» La guerra dei Roses
» Tra la vita e le more
» Sguardi Puri: Ridateci la verità!
» La Famiglia Mirabella
» Andà e gnì con Rosanna à l’è tut un rùsì
» Sbulloniamo
» Pinocchio
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 12803 del 10 dicembre 2014 (2115) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Guarda in su… che al borla su!
Guarda in su… che al borla su!

Guarda in su… che al borla su!” (per i non avvezzi al dialetto lomellino: “Guarda in alto, che sta crollando!”), questo è il titolo del nuovo spettacolo che il Gruppo Teatrale San Martino di Tromello metterà in scena nelle serate di Natale e S. Stefano e replicherà, come da tradizione, nelle serate di lunedì 5 gennaio, sabato 17, 24 e 31 gennaio, domenica 25 gennaio (al pomeriggio) e sabato 7 e 21 febbraio. 

La trama è imperniata, naturalmente in chiave comica e surreale, come nello stile ultradecennale del Gruppo Teatrale San Martino, sulla spiacevole vicenda del pericolo di crollo del campanile della chiesa parrocchiale di Tromello nel dicembre 2009.
La storia, come dicevamo fantasiosa, si dipana nell’arco di 180 anni, dal 1834, anno in cui si immagina la costruzione del campanile nella forma attuale, al 4 dicembre 2009, giorno reale del paventato crollo, fortunatamente mai avvenuto. Nel 1° atto, infatti, i personaggi sono quelli che gravitano attorno alla canonica nel 1834, mentre nel 2° atto troviamo, dopo più di un secolo e mezzo, i discendenti dei protagonisti della prima parte, che vivono e dovranno affrontare i problemi del pericolo di crollo.

Senza svelare troppo, per non togliere la sorpresa agli spettatori, si vedrà a cosa sarà dovuto il presunto pericolo e come il grave problema verrà vissuto dai protagonisti. Il tutto ovviamente in modo umoristico, come nelle caratteristiche del Gruppo Teatrale San Martino, condito da musiche e, stavolta, con effetti speciali in stile “cinematografico”, tanto per donare un ulteriore tocco di moderna originalità allo spettacolo.

Confidiamo, come tutti gli anni, che il pubblico ci gratifichi con risate e applausi, trascorrendo con noi due ore di sano divertimento.

 
 Informazioni 
Le prenotazioni sono disponibili presso il Caffè della Torre di piazza Campegi (tel. 327/0283909)

 
 
Pavia, 10/12/2014 (12803)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool