Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 25 ottobre 2020 (218) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» La Principessa Capriccio
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Christian Meyer Show
» Corpi in gioco

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 12540 del 18 luglio 2014 (2052) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Casalino Cabaret
Casalino Cabaret
Da Colorado Café a Bulldozer, da Mai dire Martedì a Glob Spread: con la sua comicità esilarante e i suoi personaggi cuciti addosso alla perfezione, Fabrizio Casalino ha conquistato gli onori di critica e di pubblico.

Venerdì sera (all’interno del programma della Festa del Ticino 2014), l’artista genovese si esibirà sul palco allestito in Piazza della Vittoria a Pavia, e porterà in scena una delle sue più famose creazioni: Giginho.
 
Giginho viene da Rio De Janeiro, indossa la maglia della nazionale di calcio del Brasile e canta famose sambe rivisitandone il testo in chiave comica: in un portoghese maccheronico, ma sotto l’effetto costante della “Saudagi”, la malinconica allegria del Carnevale. Con il sorriso insondabile del popolo carioca e l’inseparabile chitarra, canta d’amore, guai con il fisco, storie delinquenziali. Su tutto aleggia l’ombra di Luis Aldairton Fernando Ernesto Marcantonio Gilberto Primiziius Cassius Tapioca, detto “Peu”, fantomatico profeta della bossanova, che lui definisce “U meu grangi maestru”.
 
Laureato in Giurisprudenza, Fabrizio Casalino inizia la sua carriera sotto il segno della musica. Nel 1994 riceve il riconoscimento del “Premio Tenco” come miglior artista esordiente fra i giovani cantautori e nel ‘96 pubblica il cd Come un angelo; la canzone omonima si classifica seconda al “Disco per l’estate ‘97” e l’anno successivo verrà tradotta in spagnolo e distribuita in una dozzina di nazioni. Nel ‘99 il suo lato umoristico si materializza grazie alla collaborazione col gruppo comico i “Cavalli Marci” e la sua carriera ottiene una svolta: «La casa discografica con cui lavoravo – spiega Casalino – fu assorbita da una multinazionale che licenziò molti dirigenti e artisti, fra cui me. La verità è che non ho deciso io, è successo. I pezzi comici funzionavano e mi hanno invitato a fare spettacoli. Passai dal tipico concertino da cantautore, semideserto, a spettacoli pieni di pubblico sorridente. Le due cose viaggiavano parallele, e ancora oggi compongo canzoni “serie”. La collaborazione con Mario Biondi nel pezzo “Finale in dissolvenza” è un esempio. Ci siamo conosciuti a “Mai dire” poiché proponevo la sua parodia, e ci siamo ritrovati a fare poesia».
 
«È cominciato tutto per gioco - racconta l’artista, in merito al personaggio di Giginho, è nato per caso - Parecchi anni fa, mentre suonavo nei locali con la mia rock band, preparavo l’esame di Diritto Privato. Chi ha fatto Giurisprudenza sa: Privato è l’esame più duro di tutti. Dunque, è sera. Il giorno dopo ho l’esame e sono visibilmente impreparato. Guardo il telegiornale e vengo a sapere che è Carnevale. Per un innato sadismo, a Carnevale in televisione trasmettono sempre le ballerine sui carri a Rio de Janeiro. Io guardo quei glutei meravigliosi e penso “che Saudagi” (Saudade, pronuncia saudagi, è la parola principe della musica brasiliana e vuol dire su per giù “malinconia con senso di tristezza, pervaso di tramonti, voglia di tornare a casa, voglia di ripartire”). Così prendo la chitarra e suono un samba famoso, però ci canto sopra un testo finto-brasiliano sull’esame e intitolo la canzone “Samba du Privao”».
 
 Informazioni 
Dove: venerdì 25 luglio 2014, ore 21.30
Quando: Piazza della Vittoria – Pavia
Ingresso libero
Per informazioni: tel. 0382/399352 – 0382/079943
 
 
Pavia, 18/07/2014 (12540)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool