Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 22 settembre 2019 (290) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12538 del 18 luglio 2014 (3255) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
A tu per tu con... Antonio Oberto
A tu per tu con... Antonio Oberto
Un’opera d’arte al mese, per un anno ricco di cultura. Si intitola Uno:Uno. A tu per tu con l’opera, l’iniziativa organizzata dai Musei Civici del Castello Visconteo, Settore Cultura del Comune di Pavia, in collaborazione con l’Associazione Amici dei Musei Pavesi, che fino a novembre, ogni quarta domenica del mese, proporrà all’interno dei Musei civici una visita guidata ad hoc, alla scoperta dei capolavori delle collezioni pavesi. Un capolavoro alla volta.
 
L’appuntamento è fissato per domenica prossima, con Antonio Oberto e Nel Ticino a Santa Sofia. Un’occasione per un tuffo artistico nel Ticino, che si presta particolarmente alla stagione estiva. Nel Ticino a Santa Sofia immortala un bagno nel fiume in una fresca e immediata veduta paesaggistica di gusto post-impressionista.
 
«I nostri Musei sono ricchi di arte, di storia e di opere di straordinario valore, a volte non sufficientemente conosciute anche nella nostra stessa città – dichiara l’Assessore alla Cultura, Turismo, Expo 2015, Legalità, Giacomo Galazzo –. Questa bella iniziativa apre le porte dei nostri musei e lo fa in un modo nuovo e originale, tentando di invogliare il visitatore a tornare periodicamente a visitarli proprio perché luogo di esperienze artistiche sempre nuove e stimolanti».
 
Il dipinto dell’artista pavese Antonio Oberto sarà esposto fino al 29 agosto in una sala pensata appositamente per ospitare un capolavoro alla volta, in modo da privilegiare il contatto diretto con l’opera e una fruizione "slow".
Un video focus e alcuni documenti scelti accompagneranno l'esposizione e consentiranno di approfondire la storia del dipinto, l'iconografia e la sua collocazione della produzione dell'artista.
 
Nel Ticino a Santa Sofia (1932, olio su legno) di Antonio Oberto
 
Elemento strutturale della forma urbana della città, molto amato e frequentato dai cittadini, il Ticino ha sempre sollecitato l’ispirazione degli artisti, che ne hanno sentito e trasmesso il valore poetico: pittori e fotografi hanno preso spunto dal fiume per creazioni suggestive, fantastiche e originali.
A tale fascino non si sottrae Antonio Oberto, pittore pavese vissuto tra il 1872 e il 1954 e formatosi alla Civica Scuola di Pittura, dove fu giovanissimo allievo di Pietro Michis (tra il 1883 e il 1893) e si aggiudicò premi scolastici prestigiosi.
Insieme ai coetanei Erminio Rossi e Romeo Borgognoni, Oberto si inserì nel filone della pittura di paesaggio legata al gusto verista tardo-ottocentesco e idealmente ispirata all'impressionismo lombardo del borghigiano Ezechiele Acerbi: numerose sono le sue vedute del Ticino e gli scorci di città, molto apprezzati dal collezionismo pavese e caratterizzati da una pennellata vivace e densa di colore.
Artista poliedrico, accanto alla pittura da cavalletto Oberto svolse un'intensa attività di decoratore presso il Cimitero Monumentale e in prestigiosi edifici pubblici cittadini, tra cui i Palazzi della Camera di Commercio, delle Poste e dell'Amministrazione Provinciale, esprimendo una cifra stilistica originale e aggiornata sull'esempio del modernismo europeo e dedicando anche all'interno di questa produzione un occhio di riguardo agli angoli pittoreschi della città e del Ticino.
Tra anni Venti e anni Trenta sono molteplici i dipinti di Oberto dedicati a vedute di città e di fiume, spesso animati da uomini e donne al lavoro o colti in momenti di svago, come nel nostro caso. Le composizioni di questo periodo sono contraddistinte da pennellate libere e sciolte e da una visione allargata, che va oltre le ristrette angolazioni tardo-ottocentesche, con una maggiore attenzione per i rapporti luminosi e per la definizione delle figure, rese con piccoli tocchi di pennello che restituiscono efficacemente la vivacità di una scena estiva colta nella sua freschezza.
Con una scelta inconsueta rispetto ai più tradizionali scorci o rappresentazioni dei lavori legati all'acqua, nel dipinto Nel Ticino a Santa Sofia, datato 1932, il pittore ci restituisce una genuina immagine dell'uso ludico e ricreativo al quale il fiume si è da sempre prestato. Siamo lontani dalla città, in un contesto naturale e paesaggistico di grande suggestione e bellezza. A poca distanza da un barcè, tipica imbarcazione fluviale, un gruppo di donne si gode il piacere di un bagno di acqua e di sole.
L'uso di bagnarsi nel fiume non solo per igiene, ma anche per diletto, ha certamente radici antiche, come ci attesta, già in un documento del '500, il richiamo al rispetto del pudore rivolto ai giovani che nuotavano nudi. La vera e propria abitudine alla balneazione, però, si sviluppa nella seconda metà dell'Ottocento. Sulle rive del Ticino si costruiscono dapprima padiglioni, poi sedi stabili per le attività ricreative e sportive e nascono organizzazioni a questo orientate, attente anche alla salute dei bagnanti, come, nel 1894, la 'Società anonima cooperativa pei bagni pubblici in Ticino'.
Col mutare dello stile di vita e delle abitudini, il ruolo ludico prende nel tempo sempre più spazio e nel corso del '900 le rive del fiume diventano una comoda alternativa a quelle marittime, tanto che alcune spiagge pavesi verranno popolarmente definite con i nomi di alcuni centri della Liguria, come la nota "Varazze".
Una cronaca della Provincia Pavese del 1923 racconta dell'affollamento delle rive, parlando di un vero e proprio "brulichio sulla sponda destra, fino al ponte della ferrovia". Nel frattempo anche l'acqua si colora di bagnanti variopinti, nelle loro cuffiette e cappellini.
Cambia anche il senso del pudore e di conseguenza l'abbigliamento più o meno 'coperto' con il quale ci si concede agli sguardi degli astanti. Diminuiscono i centimetri di stoffa, in parallelo con l'affermarsi della moda dell'abbronzatura, che sostituisce l'ambizione al pallore tipicamente ottocentesca.
Nel dipinto di Oberto si registra la presenza dei tipici costumi degli anni Trenta, con pantaloncini corti sopra al ginocchio e parti superiori decisamente scollate, che avevano rappresentato una rivoluzione rispetto alla moda ancora castigata di fine Ottocento.
 
 Informazioni 
Dove: Musei civici del Castello Visconteo - Pavia
Quando: domenica 27 luglio 2014, ore 16.30, fino al 29 agosto.
Ingresso libero
Per informazioni: tel. 0382.399770, e-mail: museicivici@comune.pv.it
 

La Redazione

Pavia, 18/07/2014 (12538)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool