Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (350) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12457 del 9 giugno 2014 (2167) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Rock e altre storie. Fotografie di Renzo Chiesa
Rock e altre storie. Fotografie di Renzo Chiesa

Allo Spazio per le arti contemporanee del Broletto va in onda il rock, quello vero, delle star del calibro di Mick Jagger e B.B. King: s'inaugura Rock e altre storie, la personale del fotografo Renzo Chiesa, cremonese di nascita e milanese d’adozione, una vita trascorsa ai piedi dei palcoscenici rock o nelle cantine jazz, armato solo della sua inseparabile Nikon.

La mostra, curata da Michele Tavola e organizzata in collaborazione con il Settore Cultura del Comune di Pavia, presenta una selezione degli scatti che Chiesa ha immortalato in anni di carriera.
Uno sterminato archivio di ritratti musicali nel quale compaiono tutte o quasi le icone degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta: da Mick Jagger in preda al demone del rock a Jimi Hendrix, da B.B. King a Bob Marley, passando per John Mayall, Jethro Tull, Canned Head e Bill Evans. Tra gli italiani non possono mancare Giorgio Gaber, che si affaccia dal sipario, un sorridente Fabrizio De Andrè, un pensieroso Paolo Conte, e poi Ezio Jannacci con la famiglia e Mina al Teatro Lirico di Milano.
Alla musica Renzo Chiesa accosta anche una passione personale per l’arte, e fotografa, tra gli altri, Hugo Pratt, Arman, David Hockney, Emilio Tadini e Roberto Freno.

Ho fatto il fotografo rock per buona parte della mia carriera – racconta Roberto Chiesa –. La fortuna è stata che quegli anni coincidessero con la massima espressione del genere. E che le rockstar, all'epoca, non fossero inavvicinabili come sarebbero diventate a partire dagli anni Ottanta. Il battesimo del fuoco fu il concerto di Hendrix al Piper. Era il 1968, ero un ragazzino stregato da "Blow up" e mi portai dietro una Bencini 2, tutt'altro che una macchina professionale. Scattai senza flash, utilizzando le luci del palco. Ancora non lo sapevo, ma si trattava della genesi di una cifra stilistica, la stessa che caratterizzerà i miei lavori successivi. Il resto lo avrebbe fatto la residenza scelta dai miei genitori: andammo a vivere a un tiro di schioppo dal Palalido che all'epoca era per Milano ciò che la Royal Albert Hall era per Londra e il Fillmore East per New York. Fu lì che, nell'ottobre del '70, immortalai gli Stones freschi dell'arrivo di Mick Taylor. Non mi perdevo un concerto e, intanto, l'archivio cresceva.

Gli scatti di Chiesa – scrive il curatore Michele Tavola – riescono a intrappolare l’energia della musica, la forza del ritmo, la percezione sonora che riflette una nuova forma di vita. Le immagini di questo fotografo trasmettono la forza interiore di ogni artista, come una radiografia dell’anima di ognuno di loro. Persino la pellicola, rispetto al digitale di oggi, è in grado di comunicarci l’energia dell’emozione che in quel preciso istante avvolge e accomuna l’artista e il suo fotografo. Entrambi governati da quell’istante in cui tutto avviene. Ogni singolo scatto è “l’attimo fatale”, che ci permette di ritornare al passato e vivere una forte e nostalgica emozione.
 
 
 Informazioni 
Dove: Spazio per le arti contemporanee del Broletto, Piazza della Vottoria, Pavia
Inaugurazione 14 giugno 2014, ore 19.00
Quando: 14 giugno – 6 luglio 2014
Orari: da mercoledì a domenica 18-22

 

 
 
Pavia, 09/06/2014 (12457)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool