Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 15 settembre 2019 (242) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» Presentazione inutile
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12428 del 25 maggio 2014 (2867) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Itinerari nei labirinti del mito
Itinerari nei labirinti del mito

Il Castello Visconteo, forse il monumento cittadino più rappresentativo, ospiterá  nelle sale del Piano Nobile la grande ed importante mostra di circa 80 opere di tendenza “Futurista- Metafisica” dei pittori: Giorgio de Chirico, Gerico e Ciro Palumbo.
Contemporaneamente alla mostra al piano nobile il 30 maggio sarà inaugurata al piano terra la mostra fotografica commemorativa sul Bicentenario dell'Arma dei Carabinieri.

La mostra dei tre artisti ha l'intento di condurre l'osservatore in un viaggio che supera l'apparenza fisica, oltrepassando l'esperienza sensibile e approdando in una realtà onirica dove l'immaginazione si mescola con elementi della vita quotidiana, capovolgendone il significato.
La “Metafisica” presenta un mondo di armoniosi contrasti dati dall'improvvisa apparizione di oggetti tipici in luoghi atipici, in un ambiente senza tempo e senza spazio, dove il sogno travalica ogni schematismo e preconcetto, cogliendo la vera essenza della realtà.
La giustificazione teorica della pittura metafisica è riscontrabile nella teoria di Schopenhauer sulle apparizioni, secondo la quale l'immagine del sogno susciterebbe desiderio e sorpresa, manifestandosi da un lato al dormiente con la sua realtà, dall'altro oltrepassando le umane possibilità di azione in lui latenti.
 
L'esposizione permetterà di apprezzare il simbolismo visionario di tre grandi artisti:
 
"La fabbrica dei sogni" -  Giorgio De Chirico 
30 opere originali mostreranno l'impressione onirica del padre della Metafisica, Giorgio De Chirico (Volos, Grecia, 1888 - Roma, 1978).
Nel 1906 l'artista si trasferì a studiare in Germania a Monaco, dove venne a contatto con la cultura tedesca più viva del momento. Si interessò alla filosofia di alcuni autori quali Nietzsche e Schopenhauer. Nel 1916, all’ospedale militare di Ferrara, De Chirico incontrò Carrà, ed insieme elaborarono la teoria della pittura metafisica. Il termine metafisica nasce come allusione ad una realtà diversa che supera la concretezza del mondo visibile e rivela un nuovo aspetto sorprendente degli oggetti e degli spazi. In tal modo le cose che conosciamo prendono l’aspetto di enigmi, di misteri, di segreti inspiegabili.
 
"Ovido in Dante - Gerico
 21 opere presentano l'estro di Gerico, pseudonimo di Geri Piero, nato a Somma Lombardo (Varese) il 13 giugno 1946.
Autodidatta, nel 1968, inaugura la sua carriera pittorica con “Prove tecniche di trasmissione”. Dagli anni 70 fino al 1981 la sua creatività è condizionata dal profondo interesse per i rapporti esistenti tra la Natura, l'uomo e la macchina; ricerca che si conclude con una grande esposizione nella galleria “Rotta” a Genova. Negli anni successivi la sua pittura cambia soggetti e si sofferma sulla ripresa scenografica di brani di pittura antica. In quaranta anni di lavoro Gerico ha presentato ottanta personali e
numerose partecipazioni in Italia e all'estero. Attualmente vive e lavora a Voghera.
 
"La narrazione di un'affinità elettiva" - Ciro Palumbo
23 opere di Ciro Palumbo reinventano i fondamenti della Metafisica in un modo
personale e originale. L'autore nasce a Zurigo nel 1965.
Le sue opere rappresentano un peculiare tributo al mondo onirico, immaginario, surreale che anima le nostre menti e agita il nostro spirito. Palumbo annovera al proprio
attivo un centinaio di mostre personali già a partire dal 1994 e molti riconoscimenti per il suo impegno artistico, tra cui può vantare la presenza all'interno della collezione della fondazione “Credito Bergamasco” e presso la “Civica Galleria di Arte Moderna G. Sciortino” a Monreale (PA). Attualmente lavora a Torino presso il suo atelier.
 

 

 

 
 Informazioni 
Dove: Castello Visconteo Piano Nobile - Piazza della Liberazione Voghera
Quando: dal 24 maggio al 15 giugno 2014
Orari: 25, 29 maggio ore 9-12 / 15,30-18,30; 30, 31 maggio, ore 9-18,30; 1, 2 giugno ore 9-18,30;  8, 9, 14, 15 giugno ore 9-12 / 15,30-18,30
Ingresso gratuito

 
 
Pavia, 25/05/2014 (12428)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool