Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 29 settembre 2020 (1163) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Incontro al Caffè Teatro
» Carnevale al Museo della Storia
» Nel nome del Dio Web
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» La Principessa Capriccio
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Christian Meyer Show
» La Storia organaria di Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 12348 del 23 aprile 2014 (2548) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Anche l’arte vuole la sua parte!
Anche l’arte vuole la sua parte!

Anche l’arte vuole la sua parte! Aspetti celati al Museo per la Storia dell’Università. Là dove solitamente l’occhio vede solo strumenti scientifici, preparati che affascinano gli addetti ai lavori o documenti intrisi di “cose difficili”, si celano piccoli dettagli dal sapore artistico che svelano un mondo fatto di ricercatezza e di cura dei particolari.

Un’abile guida, esperta di storia dell’arte, condurrà il visitatore alla ricerca di quegli elementi che rendono un reperto anatomico bello alla vista. Svelerà i segreti degli artigiani che, pur nel rigore scientifico dell’oggetto prodotto, hanno saputo impreziosire gli strumenti del Gabinetto di Alessandro Volta con legni pregiati, fregi e decori che li hanno resi pezzi unici.

E ancora proporrà una carrellata di autentici scienziati-artisti: come non apprezzare le doti figurative di Antonio Scarpa,  celebre anatomista settecentesco, che ci ha lasciato splendide tavole anatomiche disegnate da lui stesso e fatte incidere su lastra di rame per la riproduzione.  O ancora Giovanni Brambilla, chirurgo personale dell’imperatore Giuseppe II d’Asburgo, che ha progettato un intero strumentario chirurgico, di cui si possono ammirare sia i disegni che i pezzi finemente realizzati. E in materia di disegni non si può dimenticare l’operato di Bartolomeo Panizza, chirurgo e anatomista allievo di Antonio Scarpa, autore di un volume illustrato sul sistema linfatico dei rettili.

I diplomi di laurea pergamenacei riccamente istoriati e con sigilli pendenti, risalenti al periodo tra il tardo Cinquecento e la fine del Settecento ricordano un’epoca in cui il documento denotava la sua importanza già dalla ricercatezza con cui era decorato.

Non si possono tralasciare le famose “cere” di Clemente Susini, notissimo ceroplasta vissuto tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento a cui è stato intitolato un museo a Cagliari. Vere e proprie opere d’arte, le cere rappresentano il corpo umano in tutte le sue sfaccettature e hanno avuto per decenni una valenza didattica insostituibile. Ultima in ordine di citazione, perché esposta solo di recente, è la cera di Giovanni Battista Amici - ottico, astronomo e naturalista, costruttore di strumenti ottici – che raffigura il ciclo di sviluppo della zucchina.
Un ulteriore esempio di arte celata è riscontrabile nell’imponente globo ligneo, risalente alla fine dell’Ottocento, che svolge una funzione meramente decorativa nella sala dedicata a Luigi Porta.

 

 
 Informazioni 
Dove: Museo per la Storia dell’Università, In Strada Nuova, 65 - Pavia
Quando: sabato 26 aprile 2014, dalle 15.30 alle 18.30.
Alle 16.00 e alle 17.00 viene proposta una visita guidata gratuita alla scoperta dell’arte nascosta.

 
 
Pavia, 23/04/2014 (12348)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool