Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 24 settembre 2019 (416) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12325 del 14 aprile 2014 (2131) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Penultimo paesaggio in fondo
Penultimo paesaggio in fondo

Angoli di strada, sentieri di campagna, insenature e terre costiere. Immagini mosse, doppie esposizioni, effetti onirici – rigorosamente in analogico – dove l’uomo, quando esiste, rimane nel fondo. Si inaugura a Pavia  Penultimo paesaggio in fondo, la bipersonale di Enrico Doria e Maria Cardamone, curata da Francesca Porreca e organizzata dal Settore Cultura del Comune di Pavia.

Penultimo paesaggio in fondo è un progetto fotografico a due voci, iniziato nel 2012 e realizzato tra Italia, Gran Bretagna e Nord Europa.Enrico Doria e Maria Cardamone si sono confrontati su una tematica classica per la fotografia: cosa è il paesaggio? E ancora: cosa rende il paesaggio, un paesaggio?
La Convenzione europea sul paesaggio (siglata a Firenze il 20 ottobre 2000) lo definisce come "una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni". Dunque per fare un paesaggio non basta un luogo, ma occorre un "sentire" e un "vedere", in grado di cogliere le mutevoli interconnessioni tra l'elemento umano e il dato naturale.

Proprio a partire da questa considerazione prende le mosse il lavoro dei due fotografi: Il paesaggio – scrive Francesca Porreca nel testo di presentazione alla mostra – si pone laddove vi è un'interpretazione parziale della realtà, frutto dell’intervento di un osservatore all’interno di un contesto. Non ha dunque caratteri immutabili e sempre uguali a se stessi, ma una componente di imprevedibilità e di espressività mutevole in relazione al tempo e all'occhio di chi guarda (e fotografa).
Per evidenziare questo aspetto, Doria e Cardamone rinunciano all'oggettività della visione nitida e descrittiva tendenzialmente associata al mezzo fotografico ed esaltano invece il loro ruolo interpretativo attraverso doppie esposizioni, fotografie mosse, effetti fantasmagorici, in grado di restituire l'inesorabile e scostante scorrere del tempo, l'inafferrabilità di un paesaggio che è innanzitutto interiore.
Il progetto diventa così un intimistico viaggio nelle emozioni: ai prolungamenti dell’esposizione fotografica, che offrono alla memoria la possibilità di estendersi verso il passato o il futuro in un continuo fluire (Enrico Doria), si affiancano immagini in cui spiccano piccoli particolari, richiami alla vita vera e attimi fuori dal tempo (Maria Cardamone). Il paesaggio, svuotato dalla pretesa di essere un dato fermo e stabile, si trasforma in movimento e rapporto col tempo, ovvero con la coscienza.
Penultimo paesaggio in fondo vuole dunque mostrare l'oscillazione tra un'indicazione precisa di realtà - il presente che è sempre punto di partenza e prospettiva - e un paesaggio che rimane indefinito, in fondo alla memoria o alla proiezione futura, mai traguardo, ma sempre "penultimo sguardo", destinato ad essere continuamente riscritto in relazione all'essere umano e alla sua personale visione.

Il progetto è stato interamente realizzato in pellicola formato 6x6 e nel 2013 è stato presentato al Festival della fotografia di Arles.
Enrico Doria e Maria Cardamone hanno entrambi origini siciliane. Enrico da anni vive e lavora a Pavia, Maria si divide tra l'Italia e Londra.
 
 
 Informazioni 
Dove: Spazio per le arti contemporanee del Broletto, Pavia
Quando: 18 aprile - 4 maggio 2014
Orari: 16-19 mar-ven; 10.30-12.30 e 16-19 sab-dom; lunedì chiuso aperto 21 e 25 aprile e 1 maggio, con orario 16-19
Ingresso: libero
 
 
Pavia, 14/04/2014 (12325)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool