Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 22 gennaio 2020 (560) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Passeggiate di Quartiere
» Merenda di fine estate
» Via degli Abati
» Week end di Farfalle...
» La birra dei Celti al castello di Stefanago
» A caccia di tartufi
» Il salame di Varzi e la corte dei Malaspina
» Aperitivo con vista: le api dei monti
» Da Varzi a Portofino
» Butterflywatching in Valle Staffora…. In cerca di rarità
» Orchidee in Oltre
» In bocca al lupo
» Tra vino e castelli
» Pane al pane
» Da Fego al rifugio Nassano
» Sentiero dei Castellani
» Tra i vigneti del Versa sul sentiero delle torri
» Passeggiata tra storia, natura e benessere....
» Le sabbie dell’Oltrepò
» Lunapiena Bike

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Biodiversità degli animali
» Riabitare l'Italia & Appennino atto d'amore
» Festa dell'Albero 2019
» Lotte biologica, l'importanza dell'impollinazione da parte delle api
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» Corso sulla biodiversità urbana
» Passeggiata naturalistica
» Corso base di acquarello naturalistico
» La Margherita di Adele
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» BiodiverCittà - passeggiata al Parco della Sora
» Biodivercittà - passeggiata al Parco della Vernavola
» Festival delle Farfalle
 
Pagina inziale » Ambiente » Articolo n. 12268 del 21 marzo 2014 (2833) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Alla scoperta dei migratori sul Fiume Azzurro
Alla scoperta dei migratori sul Fiume Azzurro

Tempo di primavera, tempo di migrazioni. Sono infatti migliaia gli uccelli che, superato l’inverno, si muovono attraverso i continenti per raggiungere le aree di nidificazione, vicine o lontane. Albanelle, falchi di palude, poiane, nibbi, falchi pescatori, ma anche cicogne bianche e cicogne nere percorrono migliaia di chilometri, seguendo antiche rotte che attraversano nuovi paesaggi trasformati dalle attività dell’Uomo.

La Valle del Ticino, da questo punto di vista, è un autentico miracolo, un angolo di paradiso scampato (per ora) alle drastiche modificazioni operate nei secoli in una delle aree più densamente popolate del Pianeta: si tratta forse del più importante corridoio ecologico che attraversa la Pianura Padana, una vera infrastruttura verde che collega l’Appennino (e dunque il Mediterraneo) alle Alpi (quindi all’Europa centrale) e che ospita centinaia di specie animali.

È qui che domenica avrà luogo la seconda passeggiata dell’anno promossa dall’Associazione Uomo e Territorio Pro Natura nell’ambito del programma territoriale La Via dei Cairoli. Il percorso si snoderà a partire dal Ponte di Barche di Bereguardo (in sponda destra del fiume) lungo le rive del Ticino, in direzione sud. Durante la passeggiata faremo attenzione ai numerosi segni della primavera, apprezzando la pace e la bellezza della natura che si risveglia dopo il torpore invernale, e osserveremo rapaci e cicogne in volo verso nord, nei luoghi di nidificazione, quali messaggeri silenziosi della vita che si rinnova, di meraviglia e di speranza.

 
 Informazioni 
Dove: l'appuntamento è alle ore 9.45 al Ponte di Barche di Bereguardo (in sponda destra) presso la bacheca informativa vicina alla rampa di accesso al ponte. Consigliamo un abbigliamento comodo e l’uso del binocolo.
Quando: domenica 30 marzo 2014
Partecipazione prevede una donazione libera a supporto dei progetti istituzionali dell’Associazione. È inoltre richiesta la prenotazione scrivendo a:segreteria@uomoeterritoriopronatura.it

 
 
Pavia, 21/03/2014 (12268)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool