Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 23 novembre 2019 (279) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Duo violino e violoncello
» Un letto da favola
» Come moltiplicare le piante in casa: tecniche e consigli
» La Giornata Mondiale del Diabete
» Cartastorie
» I futuristi alla Guerra
» Festival del Sorriso
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Essenzialità dell'inessenziale
» Carta Bianca a Moni Ovadia
» Cori per il Togo
» Harold
» Un oceano di silenzio

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
» Essenzialità dell'inessenziale
» Al Borromeo il ricordo del teologo Karl Barth
» La grande bellezza dei libri
» Un oceano di silenzio
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12265 del 20 marzo 2014 (1814) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Vieni a scoprire il cervello al Museo della Storia
Vieni a scoprire il cervello al Museo della Storia

La comunità scientifica internazionale ha dedicato un’intera settimana, quella appena trascorsa per intenderci, al nostro organo più complesso e affascinante - il cervello.
In tutti i Paesi si sono svolti convegni con esperti di chiara fama che hanno illustrato le più recenti acquisizioni nel campo delle neuroscienze, dando risalto a nuove strategie terapeutiche legate alle patologie maggiormente diffuse oltre che alle ricerche in corso. 

Nel nostro piccolo, al museo per la storia dell’università, possediamo un grande tesoro, la testimonianza di colui che con i suoi studi e la sua scoperta rivoluzionaria ha dato il via al processo di conoscenza della struttura del cervello.
Custodiamo infatti i preparati istologici e i disegni realizzati da Camillo Golgi nel corso degli studi sul sistema nervoso, condotti grazie alla scoperta della reazione nera, un metodo di colorazione davvero rivoluzionario, attraverso il quale Golgi è riuscito a colorare la singola cellula nervosa e mettendo in luce per la prima volta la sua morfologia.
Questa scoperta, che valse a Golgi il Premio Nobel per la Medicina nel 1906, può essere a buona ragione  considerata come la “stele di Rosetta”, la radice delle moderne neuroscienze.

Un filmato, di breve durata, documenta puntualmente tutte le fasi della colorazione della cellula, svelando agli astanti quel piccolo miracolo che avviene milioni di volte al minuto nel nostro cervello e che ci permette di essere sempre pronti e reattivi agli innumerevoli stimoli a cui siamo soggetti.
Forse meno noto, ma non meno dirompente, è il contributo che Golgi ha fornito alla cura di un male endemico, la malaria, con i suoi studi sul ciclo evolutivo del parassita che provoca l’affezione compiuti a partire dal 1885 su casi di febbre malarica.
Numerose sono le immagini dei globuli rossi colpiti dal plasmodio, nei vari stadi di sviluppo, riprodotte nel filmato e visibili nelle riproduzioni cartacee dei vetrini originali.

Ma la visita al museo non termina qui. Ricordiamo che oltre alla sezione di medicina, con i suoi strumenti, preparati e documenti che ci raccontano il passato della pratica medica e chirurgica, c’è una ricca sezione di fisica che ha la sua punta di diamante, il Gabinetto di Alessandro Volta, con gli strumenti originali da lui inventati e/o acquistati per realizzare i suoi esperimenti.

 
 
 Informazioni 
Quando: Sabato 22 marzo il Museo sarà aperto dalle 15,30 alle 18,30 
Dove:  Palazzo Centrale , Strada Nuova, 65, Pavia
Visita guidata gratuita alle ore 16.
Per informazioni: contattare lo 0382984707 o inviare una email a: infomusei@unipv.it

 

 
 
Pavia, 20/03/2014 (12265)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool