Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 13 dicembre 2019 (196) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» L'altro Leonardo
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Napoleone anche a Pavia
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Swing and Jazz
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 12212 del 24 febbraio 2014 (2781) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Don’t Let Me Be Misunderstood “Non ci siamo capiti”
Don’t Let Me Be Misunderstood “Non ci siamo capiti”
Tra noi ci deve essere stato un “misunderstanding”: dell’incomprensione.
È con rammarico (e anche un po’ di delusione) che mi ritrovo, ancora una volta a scrivere di me. A che proposito? Riguardo alla pubblicazione di Rock Around Pavia in tre volumi, avvenuta recentemente. Adesso che i volumi sono stati ritirati dalle edicole e si trovano solo in libreria (per es. alla Feltrinelli), con i resi si è potuto calcolare il numero di copie vendute: incredibilmente basso!
 
Intendiamoci una volta per tutte.
Non lo faccio certo per guadagnarci (mia moglie mi dice sempre che se in un posto ci sono dei soldi… io vado dall’altra parte); l’ho sempre fatto per passione e per la mia testardaggine nel voler valorizzare e storicizzare i musicisti e la musica pavese; la cosa importante è sempre stata che l’editore recuperasse almeno le spese della pubblicazione e questo è sempre avvenuto per le due pubblicazioni precedenti. Credevo che sarebbe stato così anche questa volta; ma non lo è stato.
 
Mi sono chiesto se ne valesse ancora la pena, se tutto il mio lavoro servisse a qualche cosa o se, in definitiva, ai musicisti non gliene fregasse più di tanto.
Anche la mia idea di fare degli snelli aggiornamenti biennali non ha più molta ragione d’esistere.
Nel frattempo, però, sempre più spesso mi è capitato di sentire persone che mi confessavano di aver preso solo il terzo volume perché “tanto il primo e il secondo li ho già!”.
Allora ho capito che, nonostante le mie numerose e puntuali spiegazioni, probabilmente, non ci siamo capiti!

 
Il primo volume di questa nuova trilogia non corrisponde alla prima edizione di Rock Around Pavia (quella con la copertina rossa, per intenderci) del 1990; né tantomeno il secondo volume corrisponde a quello del 2008 (con allegato il CD).
Mi sono massacrato per un’estate intera per aggiungere più di 300 pagine a quelle delle edizioni precedenti.
Non solo: in tutti i capitoli (quelli tematici e quelli riferiti ai decenni) tutte le schede sono state aggiornate e sono state aggiunte immagini e discografie, segnalati concerti ed iniziative; per cui, se un gruppo che ha cominciato negli anni ‘70 è ancora “in pista” o si è riformato, la scheda è stata aggiornata dagli inizi ad oggi.
I tre volumi sono stati impaginati nuovamente, alcune foto ingrandite o sostituite, molte inserite per la prima volta (sul Festival Pop di Zerbo prima c’era una sola foto, adesso ce ne sono quattro pagine intere) ed è stato aggiunto un indice analitico che permette subito di sapere in quali volumi e a quali pagine trovare un artista o un gruppo.
 
Ero molto soddisfatto del mio lavoro ed ero convinto che sarebbe stato accolto con entusiasmo.
Mi sbagliavo.
La telefonata del mio editore mi ha fatto cadere le braccia e passare la voglia di andare avanti in questo mio progetto editoriale (che prevedeva anche altri sviluppi).
Non so: fatemi cambiare idea.
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 24/02/2014 (12212)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool