Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 23 novembre 2017 (760) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I me murus
» Mei perdla che truvola
» Mi sun de chi
» Poker del Vernaulin a Borgarello
» “Teresina e l’eroe di famiglia”
» “Anima Broni - Lasarat torna nel suo Teatro”
» Locandiera, bellezza bronese
» Pignaseca e Pignaverda
» “Tut a Bron!” a vedere “Tut pr’una statua”
» Guarda in su… che al borla su!
» Tut a Bron!
» Pensa ladar che tucc i roban
» “Ti ricordi quella sera di vent’anni fa..."
» Rassegna lomellina con GT San Martino
» San me un coran… e malà me al rud
» San Giuàn fa vèd l'ingàn - Amedeo dei Mille eroe per caso
» Troviamoci a teatro… 2012
» Ravioli in Broadway
» "A go nenca un pcà da purga’!”
» Tris di spettacoli

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Winter dreams
» So Kind così gentile Dracula
» I me murus
» Una giuria di sole donne
» Guarda come bolla
» Suzanne
» A letto dopo carosello
» Filastrocchevolmente
» La guerra dei Roses
» Tra la vita e le more
» Sguardi Puri: Ridateci la verità!
» La Famiglia Mirabella
» Andà e gnì con Rosanna à l’è tut un rùsì
» Sbulloniamo
» Pinocchio
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 12158 del 30 gennaio 2014 (2019) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Vera vuz: prosa in dialetto al Tess
Vera vuz: prosa in dialetto al Tess

Il Tabasco è una salsa al peperoncino piccante. Ma non è solo quello. E’ uno stato del Messico meridionale di 25 mila chilometri quadrati di superficie, con due milioni e duecentomila abitanti. E’ uno stato povero, e a parte la salsa al peperoncino e una manciata di rovine Maya, non sarebbe così interessante se laggiù non si parlassero 68 lingue diverse.

Lingue antichissime, che vengono addirittura dagli Olmechi, i progenitori degli Aztechi. Di queste 68 lingue, 29 sono in via di estinzione. In particolare una è parlata solo da due persone, Manuel Segovia e Isidro Velazquez. Peccato che i due abbiano litigato e non si parlino più. “Non si sa se - scrive il Guardian il 13 aprile 2011 – se all’origine della mancanza di comunicazione ci sia una disputa o se i due non abbiano semplicemente niente da dirsi.”

E’ questa notizia di cronaca che ispira Vera vuz - La vera voce, di Edoardo Erba.

Con affettuosa ironia l’autore immagina un ultimo colloquio fra Manuel e Isidro. Manuel è un trafficante di droga e sta per essere definitivamente estradato negli Stati Uniti. Isidro è un corniciaio che vive con una petulante cameriera e non ha mai lasciato casa sua. Dopo anni di silenzio i due parlano per l’ultima volta la lingua che solo loro capiscono. La ragione dell’astio che li ha separati rimane latente, per irrompere drammaticamente alla fine, dopo che la dolcezza della lingua li ha emozionati proiettandoli indietro nel mondo della loro giovinezza.

Per questo viaggio messicano nella memoria dove ogni parola riscoperta, restituisce gli odori, i sapori, i colori di un mondo perduto, Erba non poteva usare la lingua italiana. Con un’indovinata invenzione usa il dialetto di Pavia, sua città d’origine, un dialetto quasi estinto, parlato ormai da pochissimi cultori.

Ne esce un lavoro in dialetto ma non dialettale, dalla sonorità nuova, inedita, uno spettacolo vivo che grazie ai sottotitoli italiani integrati in un video d’autore, si rivolge a tutti.

 
 Informazioni 
Dove: Teatro Sociale, Vicolo Faravelli, 6 - Stradella
Quando: giovedì 6 febbraio,  ore 21.00    

 
 
Pavia, 30/01/2014 (12158)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool