Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 22 settembre 2019 (306) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» Il romanzo di Baslot
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 12073 del 28 novembre 2013 (3133) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Mitica Marilyn: la mostra
Mitica Marilyn: la mostra

A un anno dalla mostra Mestiere di Poeta, che ha unito poesia e pittura, la galleria di Vigevano punto d'incontro per artisti della parola e dell'immagine, mette in scena un secondo evento, una mostra collettiva di artisti, pittori, illustratori e disegnatori, che ruota attorno alle poesie scritte da Marilyn Monroe o a lei dedicate. Ma non solo. La mostra ruota anche attorno alla sua vita: una vita  che è poesia. 

Marilyn amava la poesia, amava leggerla e amava scriverla. Questa, Quel che ho dentro nessuno lo vede ho pensieri bellissimi che pesano come una lapide. Vi prego fatemi parlare, non è che una delle frasi, delle poesie, che dopo la sua morte sono state trovate sfogliando le sue carte, le sue agende e i suoi diari. Poesie delle quali si vergognava: “Di tanto in tanto faccio delle rime ma non prendetevela con me. All'inferno, so benissimo che non si vende; quel che voglio dire è quel che ho in testa. Dipingere i piatti, dipingere i desideri con i pensieri che volano via prima che muoia e pensare con l'inchiostro”.
Poesie che scriveva di nascosto; quasi volesse liberarsi dell'immagine che si era costruita, “Il mio involucro invecchia ma io devo ancora nascere”, e che erano, forse, il tentativo di ritrovare la felicità della bimba “infelice” che era stata: “Trentacinque anni vissuti con un corpo estraneo, trentacinque anni con i capelli tinti, trentacinque anni con un fantoccio. Ma io non sono Marylin io sono Norma Jean Baker perché la mia anima vi fa orrore come gli occhi delle rane sull'orlo dei fossi?”
Eppure quella Marilyn, consapevole di essere intrappolata in una gabbia platinata, “Sono orribile ma datemi tempo mi truccherò la faccia ci metterò sopra qualcosa di splendentee sarò di nuovo Marilyn Monroe, che voleva essere Norma Jean era poesia allo stato puro. E non solo perché le sue forme erano rime perfette o il suo muoversi  rappresentazione dell'armonia. La sua vita era stata, incurante della sintassi e dell'ortografia, una infinita licenza poetica.

“Solo la poesia ispira poesia” ed è per questo che poeti come Pier Paolo Pasolini, Ernesto Cardenal o Baernie Taupin ed Elton John hanno scritto per lei parole e musiche indimenticabili. Ed è sempre per l'essere di Marilyn/Norma pura poesia che un gran numero di autori l'hanno posta al centro della loro creazione artistica: ognuno di loro indagandone aspetti diversi e rappresentandoli con gli stili e le tecniche più diverse. E Mitica Marilyn è proprio il racconto di questa ricerca: una ricerca che passa dai disegni Milo Manara e Sergio Toppi alle “fotografie” a matita di Nicolò Rossetto, dai collage e le tele di Anna Pennati alle rappresentazioni materiche di Barbara Stefani e Silvia Taietti, dalle rivisitazioni pop di Cristina Stifanic alle illustazioni “gialle” di Carlo Jacono e a quelle “hollywoodiane” di Silvano Campeggi in arte Nano, dalla brillantezza della street art di Acme 107 alla spigolosità di Fiorella Banfi. Senza dimenticare la ricerca, ironica e raffinata degli studenti della Scuola del Fumetto di Milano.

Mitica Marilyn, nuovo evento A+Mani di Spazio Excalibur racconta anche un'altra storia: come autori del calibro di Crepax, Buzzelli, De Luca, maestri del fumetto made in Italy hanno fatto rivivere Marilyn Monroe. Ed ecco allora Norma Jean recitare accanto a Ken Parker nel selvaggio West oppure sfidare Diabolik.

Anche questa è poesia.

 
 Informazioni 
Dove: Spazio Exalibur, C.so Genova 114, Vigevano
Quando: 30 novembre - 1 dicembre
Ingresso: libero

 
 
Pavia, 28/11/2013 (12073)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool