Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 27 maggio 2020 (972) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 12004 del 25 ottobre 2013 (5333) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Mind The Gap!
Mind The Gap!
Mind The Gap! Ovvero Attenti al vuoto, allo scarto, alla rottura, allo iato!
 
Questo è il titolo scelto per la nuova edizione di Sguardi Puri13/14, la rassegna cinematografica organizzata dal Settore Cultura del Comune di Pavia e curata dal critico cinematografico Roberto Figazzolo, che prenderà avvio alla mercoledì sera.
 
Il programma proseguirà tutti i mercoledì sino al prossimo 16 aprile: saranno presentati i 23 più nuovi, interessanti, premiati e internazionalmente riconosciuti film del momento. Cinema vero, non banale intrattenimento per “ammazzare il tempo” la domenica al centro commerciale: un non-luogo per eccellenza, come direbbe l’antropologo Marc Augè.
 
«Siamo felici – dice il Vicesindaco e Assessore alla cultura Matteo Mognaschidi rinnovare anche quest’anno la proposta culturale cinematografica più importante della città dando continuità ad una rassegna presente sul territorio ininterrottamente dall’anno 2000».
 
Mind the gap è una frase resa popolare dall'uso nella Metropolitana di Londra. Fu introdotta nel 1969 per avvertire i passeggeri dello spazio che si viene a creare in alcune stazioni tra la banchina e la porta del treno. La frase, tanto nota da essere spesso stampata anche su souvenir e gadget turistici londinesi, è diventata il titolo nonché il motore di questa edizione di Sguardi Puri. Per sottolineare appunto il gap, il vuoto che si viene a creare nel cinema tra i cosiddetti “film da multisalae quelli che invece sono classificati come “film da festival”.
 
Il consumo, spasmodico e insapore delle pellicole che vengono proposte dalle multisala, sparse un po’ ovunque sulla nostra penisola, si contrappone al piacere profondo, che fa vibrare i cinque sensi, di vedere un film proiettato in uno dei tanti Festival cinematografici italiani ed europei.
Purtroppo nel mondo dello spettacolo, oggi più che mai, esiste uno scarto, un binario che si biforca e relega da una parte il buon cinema, quello che migliora chi lo guarda, rendendolo più consapevole, e dall’altra il mero intrattenimento, qualcosa che, non tanto per inadeguatezza tecnica -tutt'altro- ma proprio per assunto di scopo, per funzione assolta, oggi stentiamo a definire “cinema”.
 
«Da una parte – commenta Roberto Figazzolo – ci sono i cheeseburger, la coca cola, i pop corn e i film di intrattenimento; dall’altra regna il cinema vero, quello che non ha bisogno di essere inserito tra i prodotti di consumo. Un prodotto di consumo, ecco cosa è diventato per la maggior parte del pubblico oggi il cinema fuori da Cannes, da Venezia, da Berlino...».
 
I veri film si possono vedere solo nelle rassegne o nei cinema d’essai, quelli che in realtà erano stati creati per proiettare pellicole d’avanguardia, retrospettive, film di nicchia. Oggi, quelle stesse sale cinematografiche devono assolvere a questo nuovo compito: farsi cassa di risonanza per il “cinema che viene dai festival”.
Film che fino a qualche anno fa venivano proiettati nelle sale cinematografiche di tutte o quasi le città, e che oggi invece vengono tacciati di essere “troppo” d’autore, sicuramente incomprensibili al pubblico medio. Ecco allora la proposta di Mind The Gap!: uno spunto di riflessione, un'opportunità, ma soprattutto una sfida: “Che cosa è rimasto oggi del potere del cinema? E che cosa accadrà (ma sta già accadendo) se smettiamo di frequentarlo?”.
 
L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’Associazione Pavia Città Internazionale dei Saperi, la Sala Politeama – Federazione Italiana Cinema d’Essai, e Cinetica Film Club.
 
Consulta il programma completo.

 Informazioni 
Dove: C.so Cavour, 20 c/o Sala Politeama - Pavia
Quando: da mercoledì 30 ottobre 2013 al 16 aprile 2014
Ingresso: 5 euro biglietto intero e 4 euro biglietto (ridotto AGIS e over 65).
 
 
Pavia, 25/10/2013 (12004)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool