Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 12 dicembre 2019 (427) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il telero di Tommasi Gatti restaurato
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Canti e storie nel bosco incantato
» La notte dei cantastorie
» Oltre lo sguardo
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 11765 del 12 giugno 2013 (3610) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Thinking Pop Into The Castle
Thinking Pop Into The Castle
Dopo l’inaugurazione avvenuta lo scorso 8 giugno, alla Strada Sotterranea (nuovo tratto) del Castello Sforzesco di Vigevano prosegue - fino al 16 giugno - la personale dell’artista pavese Stefano Bressani Thinking Pop Into The Castle.
 
Stefano Bressani è l’inventore di una tecnica artistica unica al mondo, che dà origine alle sue “Sculture Vestite”. L’arte attraverso la quale si esprime è esclusiva, nuova, fresca e divertente.
Lavori minuziosi e articolati, che partono dalla ricerca fotografica di immagini espressive.
Il disegno, la scelta dei materiali e delle stoffe e una sapiente tecnica trasformano l’idea in un’opera emozionante e sempre distinguibile come firma dell’artista.
 
«Una tecnica che stimola altri sensi, quelli che normalmente non siamo abituati a utilizzare per “assaggiare” un’opera d’arte - spiega l’artista -. Molti amano definirla New Pop Art anche se il termine più appropriato potrebbe essere Fabrics Art. La tecnica sempre più perfezionata e i materiali utilizzati mi hanno aiutato ad esistere contemporaneamente tra l’arte, la moda e il design».
 
Come evidenzia lo storico dell’arte Mauro Di Vito, si tratta di un’arte originalissima e divertente: «Stefano Bressani presenta un’ inedita congerie di opere che lasciano a prima vista meravigliati. Entrare nella sua mostra è come varcare la soglia di una camera delle meraviglie, dove convivono i pezzi teratologici dei volti, storpiati dal grottesco specchio deformante del suo tratto divisorio, con le precise sezioni dei ritratti.
Trovandoci in una Wunderkammer, non poteva mancare la camera obscura, dove il dialogo con la nostra tradizione rinascimentale si accende di fulgori di lucciola, con il michelangiolesco voltoologramma di Mosé, collocato quasi tra i totemici Skultokubi, che si sostituiscono alle tavole della legge, in una cyber installazione da Accademia dei Segreti postmoderna. E proprio questi solidi, compatti e compositi, segnano il passaggio alla terza dimensione e all’arte applicata, con il coronamento di un virtuosismo tecnico evidente, che non poteva che sconfinare nel design: il modello di scarpa, in collaborazione con Maisonderriere, destinato a lasciare un’orma importante, volge senza dubbio il passo verso nuovi orizzonti creativi. Inserendosi in una Scuola pavese ben affermata di artisti Pop, Bressani si configura come uno dei più originali interpreti della contemporaneità, e non solo attraverso un discorso di reviviscenza dei miti di oggi, ma anche grazie all’invenzione di una tecnica unica al mondo: quella dello stiacciato tessile musivo. Una giovane promessa del mondo dell’arte che negli ultimi anni si è imposta con una sempre maggiore forza espressiva, anche in ambito internazionale, e che ha saputo elaborare con una rara raffinatezza formale un linguaggio stilistico inimitabile e sempre ricco di sorprese».
 
In occasione della Notte Bianca, l’esposizione resterà aperta al pubblico fino alle 3.
 
 Informazioni 
Dove: presso la Strada Sotterranea, Castello Visconteo Sforzesco, ingresso da via XX Settembre - Vigevano
Quando: fino a domenica 16 giugno 2013, dal lun al ven.: 10.30-12.30 / 17.00-20.00; sab. e dom. 10.30-20.00 (continuato)

 
 
Pavia, 12/06/2013 (11765)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool