Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 1 giugno 2020 (965) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Vittadini Jazz Festival 2019
» l'EX|ART Film Festival
» Maggio in musica
» Da settembre la nuova stagione del Cirro
» Da Mozart a Glenn Miller
» Nkem Favour Blues Band
» Altissima Luce
» Ultrapadum 2016
» Serenata Kv 375
» 4 Cortili in Musica
» Maggio in musica
» Con Affetto
» Mirra-Mitelli chiudono Dialoghi
» La Risonanza a Pavia Barocca
» Dialoghi: Guidi-Maniscalco
» Sguardi Puri
» Le piratesse della Jugar aprono Piccoli Argini
» Il cinema è servito!
» Ultrapadum agostano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 11711 del 17 maggio 2013 (3624) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sguardi puri... in rosa!
Sguardi puri... in rosa!
La rassegna cinematografica Sguardi puri, ideata e curata da Roberto Figazzolo con Comune di Pavia (Settore Cultura) e Provincia di Pavia (Assessorato Beni e Attività Culturali), torna con sei nuove interessanti pellicole: SguardiPuriExtraDuePuntoZero - L'amore, il cinema e le donne propone sei modi diversi di coniugare l’amore. Al femminile però.
La donna è, infatti, protagonista indiscussa dei titoli in cartellone: sei storie che parlano di donne, quattro delle quali dirette da registe.
 
Si comincia mercoledì 22 maggio con il Re della Terra Selvaggia, di Benh Zeitlin (Usa 2012), che racconta di una bambina di sei anni, orfana di madre, che vive col padre alcolista in una capanna sul fiume Mississippi, e dovrà imparare a cavarsela dopo un dramma dell’ecologia. Candidato all’Oscar, vince il Sundace Film Festival e la Camera d’Or.
 
Mercoledì 29 maggio è di scena La bicicletta verde, di Haifaa Al-Mansour (Germania/Arabia Saudita 2012), la cui protagonista è una ragazzina araba di dieci anni che, contro ogni divieto, in un paese islamico come l’Arabia Saudita ascolta musica “pericolosa”, intrattiene una vietatissima amicizia con un suo coetaneo maschio, ma soprattutto scandalosamente desidera pedalare su una “bicicletta verde”. È il primo film girato in Arabia da una regista donna ed è stato proiettato in anteprima mondiale nella sezione Orizzonti dell’ultima Mostra del Cinema di Venezia.
 
Mercoledì 5 giugno tocca a Come pietra paziente, di Atiq Rahimi (Francia/Germania/Afghanistan 2012), che narra la storia di una giovane madre e moglie, il cui marito, appartenente all’esercito afgano, vegeta a casa sulle montagne di Kabul, in un coma causatogli da una pallottola conficcata nel cervello. Mentre fuori la guerra continua, la donna confida al suo sposo inerme i segreti del suo cuore, rendendolo la sua “pietra paziente”, secondo una tradizione mussulmana una pietra magica capace di accogliere i segreti più profondi dell’anima.
 
Si continua mercoledì 12 giugno con Il figlio dell’altra, di Lorraine Lévy (Francia 2012), che si concentra sul ruolo di due madri. Simbolicamente Orith e Alon scoprono che il loro Joseph non è propriamente il “loro” Joseph, durante la visita di idoneità per il servizio militare nello Stato di Israele. Il suo Dna infatti non corrisponde a quello dei genitori.
 
Mercoledì 19 giugno è la volta di Sister, di Ursula Meier (Francia/Svizzera 2012), che si concentra sulla figura di Louise, sorella sbandata del dodicenne Simon. È il secondo film della regista franco-svizzera Usrula Meier, vincitrice dell’Orso d’Argento alla Berlinale edizione 2012.
 
A chiudere il cartellone e ad aprire in contemporanea quello di Cinema sotto le Stelle, con l’inizio della stagione estiva all’aperto, è Love is all you need, di Susan Bier (Danimarca/Italia/Francia/Svezia/Germania 2012), di scena mercoledì 25 giugno alle 21.30 presso il Chiostro dell’Istituto Vittadini.
È la storia di Ida, donna forte e combattiva, alla quale il mondo cade in testa. Lei reagisce e si apre a una nuova, seconda e migliore possibilità. Presentato fuori concorso in anteprima mondiale alla Mostra del Cinema di Venezia 2012, Love is all you need è la classica “second chance story” per tutti i palati. Romantico e antieroico. 
 
 
 Informazioni 
Dove: al cinema Politeama  CorsoCavour, 20 a Pavia
Lo spettacolo del 25 giugno si terrà alle 21.30 nel Chiostro dell’Istituto Vittadini
Quando: sempre di mercoledì, con due spettacoli alle 16.00 e alle 21.00
Biglietto: ingresso 5 euro (intero) e 4 euro (ridotto AGIS e anziani).
 

 

Comunicato Stampa

Pavia, 17/05/2013 (11711)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool