Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 29 ottobre 2020 (212) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I Musicals di Ostinata Passione
» Giro d'Italialand
» Teatro Etrusco al Collegio Ghislieri
» O Soul Mio al Fraschini
» Madagascar 2: si salvi chi può!
» La Karmen di Bregovic assolutamente geniale!!!
» Reperto Raiot
» The Full Monty
» Gli anni '80 e la musica

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 11654 del 17 aprile 2013 (3232) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
“Raccontami” Le Contaminazioni
“Raccontami” Le Contaminazioni
Terzo e conclusivo appuntamento della terza edizione di Raccontami, la rassegna organizzata dall’Assessorato al Comune di Pavia in collaborazione con l’Associazione Culturale Pomodori Music. Protagonista dell’incontro intitolato Le Contaminazioni, sarà il duo Hardin Burns, ovvero il chitarrista e songwriter Americano Andrew Hardin che insieme alla cantante Jeannie Burns presenterà al Palazzo del Broletto lo spettacolo Smoke Stack Lightning.
 
A differenza degli incontri precedenti con Eileen Rose, Jono Manson e Mandolin’ Brothers, in questo caso non ci sarà divisione tra incontro parlato e concerto, poiché lo spettacolo stesso è un alternarsi di canzoni e racconti con la voce narrante del cantautore fiorentino Massimiliano Larocca.
 
Smoke Stack Lightning è un viaggio nella storia della cultura Americana raccontata attraverso le canzoni folk, dalle radici ai giorni nostri.
Un lungo viaggio dal XX secolo ad oggi per riscoprire i momenti più significativi della Storia e della Cultura americana attraverso le canzoni. Proprio in questa ossessiva ricerca di collegamenti tra passato e futuro si è sviluppato il genere musicale “americana” che affonda le sue radici nei lontani suoni degli Appalachi, nelle melodie vocali della Carter family e in tutte le contaminazioni legate alla Storia.
 
L’immagine del treno rappresenta il dinamismo e il movimento in America dalle aree rurali a quelle urbane, e da est a ovest.
Il desiderio di recuperare un tempo più semplice mentre il mondo corre a tutta velocità verso il futuro è un tema ricorrente e si riflette anche nella nostalgia romantica, nelle canzoni, nel cinema e nella letteratura.
La voce narrante ci accompagnerà in questo viaggio suggestivo diviso in quattro atti in cui il duo Hardin-Burns riscoprirà in un percorso cronologico e geografico le canzoni di Woody Guthrie, Hank Williams e Bob Dylan e di altri straordinari cantautori che con le loro parole hanno contribuito a scrivere pagine straordinarie della letteratura americana, come Gram Parson, Billy Joe Shaver, Lucinda Williams, Townes Van Zandt e Warren Zevon.
 
Storie, canzoni, tanti aneddoti e l’intreccio delle voci, delle note di confine tra Stati Uniti e Messico della chitarra acustica di Andrew e dell’autoarpa di Jeannie a testimoniare il valore assoluto della americana nella cultura mondiale; non soltanto attraverso i più blasonati jazz e rock’n’roll, ma anche e soprattutto in questa forma più semplice di songwriting, intima e universale allo stesso tempo e sempre capace di trovare nuove forme di comunicazione senza perdere mai di vista le proprie radici.
 
Hardin-Burns hanno pubblicato lo scorso giugno il loro primo disco, dal titolo Lounge e da quel momento hanno suonato in lungo e in largo per tutti gli Stati Uniti d’America. L’album contiene nove brani originali che spaziano dal folk al rythm’n’blues e la cover di Beware Of Darkness  di George Harrison. Il tocco inconfondibile sulla chitarra acustica di Andrew Hardin e le interessanti armonie vocali hanno attirato subito l’attenzione di pubblico e critica anche alla recente apparizione al prestigioso Folk Alliance di Memphis.
 
Max Larocca è una delle voci più interessanti della nuova scena della canzone d’autore. Il suo esordio discografico risale al 2001 con una raccolta di canzoni dedicate al poeta Dino Campana a cui segue Il Ritorno delle Passioni (2005) e La Breve Estate (2008) con cui si aggiudica il Premio Lunezia. Con Andrea Parodi, Jono Manson e Massimo Bubola fonda la Barnettii Bros Band e nel gennaio 2010 esce su etichetta Universal il primo disco del gruppo, intitolato Chupadero, che conquista la copertina della rivista specializzata Buscadero e le prime 50 posizioni della classifica FIMI. In questi mesi Larocca si è dedicato al progetto The Dreamers insieme a Riccardo Tesi, Erriquez della Bandabardò e Paolo Benvegnù e a diverse collaborazioni teatrali con spettacoli dedicati a Gaber, Giordano Bruno e Pierpaolo Pasolini.
 
 Informazioni 
Dove: Palazzo del Broletto, da via Paratici - Pavia
Quando: domenica 21 aprile 2013, ore 18.00
Ingresso: libero
 
 
Pavia, 17/04/2013 (11654)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool