Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 22 aprile 2021 (488) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un anno al Fraschini
» I Fratelli Lehman
» Il Gabbiano
» Caffè Corretto
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Piccoli Crimini Coniugali
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Il Mercante di Monologhi
» Tramp

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 11633 del 9 aprile 2013 (3254) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Gli sguardi sulla città
Gli sguardi sulla città
Gli sguardi sulla città, lo spettacolo che andrà in scena a Pavia è un work in progress, un’opera fluida e permeabile a nuovi apporti a partire dalla ricerca teatrale condotta da un gruppo di artisti di varia provenienza residenti a Pavia in collaborazione con l’A.p.s. Calypso – il teatro per il sociale.
 
Gli sguardi sulla città è un progetto di Calypso - finanziato con il contributo di Regione Lombardia, ai sensi del bando 2012 a sostegno dei progetti presentati dalle associazioni di promozione sociale -, che si propone di dar voce, ascoltare, apprendere e mettere in circolo sia competenze artistiche e creative, sia storie raccolte dagli stranieri residenti a Pavia e provincia.
 
La prima versione dello spettacolo è nata come esito di un laboratorio teatrale integrato destinato a cittadini stranieri e non, articolato su 10 incontri, svoltosi tra i mesi di ottobre 2012 e gennaio 2013. Il laboratorio si è proposto la valorizzazione delle competenze artistiche dei suoi partecipanti in un’ottica di scambio multietnico. Il gruppo di lavoro ha indagato con strumenti teatrali e artistici il tema della città, per la realizzazione di una performance che ha debuttato lo scorso 25 gennaio.
 
Nei mesi successivi il gruppo ormai affiatato ha continuato a lavorare insieme, per approfondire la propria ricerca artistica e presentare il nuovo spettacolo Gli sguardi sulla città, che prende le mosse dalla performance precedente, trasformandola. L’idea che sta alla base degli Sguardi è proprio quella di inventare una forma di spettacolo aperto, che cresce e si evolve partendo dalle suggestioni del pubblico, dalle esperienze del gruppo di lavoro e dai nuovi apporti, dagli spazi e circostanze in cui verrà messa in scena, scardinando un po’ il gioco del teatro ripetitivo e ripetibile.
 
A fare da cornice a questi contenuti fluidi, rimane comunque la città che si staglia dietro gli attori come se fosse una nave, attraversa la scena sotto le vesti di una vecchia signora aristocratica dalle scarpe rotte, ammalia e scombussola l’esistenza dei protagonisti come una donna fatale, intenerisce come la carezza di una sorellina. Una città dove i personaggi vivono in un’atmosfera sospesa di attesa – di una telefonata, di un nuovo status, di Godot - e ricerca - di una casa, di un amore perduto; sospesa ma non immobile.
 
Per il progetto Gli Sguardi sulla Città, Calypso ha cercato la collaborazione di numerose realtà del terzo settore della provincia di Pavia, dall’Associazione Amici della Mongolfiera per LU.I.S. a Oltremare che operano attivamente nel campo del sostegno e dei servizi agli stranieri sul territorio di Pavia e Vigevano; dalle cooperative Liberamente e Progetto Con-tatto all’Associazione Alunne Collegio Santa Caterina da Siena; dal Centro di Educazione ai Media che si occupa di servizi multimediali nell’ambito del corso interfacoltà in Scienze della comunicazione dell’Università di Pavia alla Scuola del viaggio, all’associazione Cartaspina curatrice del Sillabario Minimo Necessario, periodico particolarmente attento ai temi dei diritti e delle fragilità sociali.
Visto l’ampio coinvolgimento di associazioni del territorio, il progetto si propone di facilitare il dialogo tra le varie realtà associative attorno al tema dell’arte e della cultura multietnica e contemporaneamente mettere in comune la conoscenza e favorire l’accesso alle realtà della rete associativa provinciale attraverso la promozione delle associazioni che la costituiscono.
 
 Informazioni 
Dove: Collegio Santa Caterina da Siena, Via S. Martino, 11 - Pavia
Quando: venerdì 12 aprile 2013, ore 21.30
 

Comunicato Stampa

Pavia, 09/04/2013 (11633)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool