Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 25 ottobre 2020 (264) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Il Mio Film. III edizione
» Il Carnevale degli Animali... al Museo!
» Incontro al Caffè Teatro
» Carnevale al Museo della Storia
» Nel nome del Dio Web
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» La Principessa Capriccio
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» Francesca Dego in concerto
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Il Sentiero dei Piccoli - Open Day
» Christian Meyer Show
» Corpi in gioco

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 11607 del 2 aprile 2013 (2966) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Se mi guardi esisto
Se mi guardi esisto
La compagnia teatrale Ariel e Furie presenta Se mi guardi esisto, spettacolo realizzato all'interno del progetto LEG-AMI? Genitorialità e famiglia contemporanea, ideato da Jonas Pavia Onlus in collaborazione con il Comune di San Martino e con il contributo della Provincia di Pavia.
Lo spettacolo offre l'opportunità di dare spazio e promuovere una riflessione resa necessaria dall’espansione di manifestazioni di disagio contemporaneo (anoressia, bulimia, depressione, attacchi di panico, dipendenze, disagio infantile e adolescenziale, disagio della famiglia).
 
Nel tempo della fragilità dei legami, del consumo e del tutto e subito, l’anoressia mentale si fa paradigma della sofferenza contemporanea” spiega Ombretta Prandini di Jonas Pavia Onlus “Il rifiuto dell’oggetto-cibo, tentativo ultimo di appello a una parola vera e a legami affettivi autentici, cela il pericolo della sua ipertrofia: il soggetto si chiude in una solitudine compatta, senza desideri”
 
Francesca Volchitza Cabrini, autrice e regista, attraversa e restituisce sulla scena l’interiorità di una giovane ragazza alle prese con le trasformazioni dell’adolescenza, rivelandone progressivamente anche gli aspetti più delicati e dolorosi: i rituali, le paure, le sofferenze, i dubbi. Un dramma privato, l’intimo di una scena familiare, uno sguardo faticoso e lucido sull’insopprimibile opacità delle relazioni.
 
Jonas Onlus è un’associazione di psicoanalisti impegnata sin dalla sua fondazione nella promozione di iniziative volte a prevenire le forme della sofferenza contemporanea e in un’azione di sensibilizzazione rispetto a questi fenomeni. Jonas offre uno spazio di ascolto che mira a sostenere la parola del soggetto che soffre per riannodarlo al proprio desiderio e al legame con gli altri.
 
 Informazioni 
Qunado: Venerdì 5 aprile 2013, alle ore 21
Dove: presso il Teatro Matroianni di San Martino (Pv)
Ingresso: libero e gratuito fino a esaurimento posti.
Allo spettacolo sarà presente uno Sportello informativo a disposizione del pubblico a cura di Jonas Pavia Onlus

 
 
Pavia, 02/04/2013 (11607)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool