Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (385) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il gioco di Santa Oca
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 11389 del 5 dicembre 2012 (2195) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Proximum est
Massimilano Gatti - Limes #1
Lo Spazio per le Arti contemporanee del Broletto di Pavia presenta, dal 13 al 23 dicembre, la mostra personale di Massimiliano Gatti, giovane fotografo pavese vincitore della IV edizione di Co Co Co - Como Contemporary Contest, concorso ideato e promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Como con lo scopodi scoprire giovani talenti e offrire loro l'opportunità di farsi conoscere sulla scena artistica italiana.
 
Dopo il successo fatto registrare a Como, l'esposizione "Proximum est" approda a Pavia con l'obiettivo di far conoscere anche nella nostra città l'originale e intensa ricerca fotografica di Massimilano Gatti, che sul nostro territorio è nato e cresciuto.
 
L’esposizione si apre con Peta, l'opera premiata al Como Contemporary Contest: si tratta di una serie di dieci fotografie che ritraggono gli strumenti del lavoro del padre farmacista ("Peta" era infatti il soprannome del padre di Massimilano), così come l’artista li vedeva da bambino, persi nel bianco dello sfondo, senza contorni definiti, come spesso accade quando il tempo sbiadisce i ricordi.Attraverso il "ritratto" degli oggetti che hanno scandito un'esistenza emerge il racconto di una professione, ma anche di un uomo e del suo rapporto con il figlio.
 
Accanto a questo lavoro di grande suggestione poetica, la mostra presenta diverse serie di opere (fotografie e video), realizzate tra Siria e Iraq, dove l'artista ha trascorso lunghi periodi in qualità di fotografo della missione archeologica dell’Università di Udine. Paesaggi, ritratti e particolari dettagli architettonici ci invitano a riflettere sul complesso rapporto che ci avvicina e ci allontana dal Medio Oriente, proiettandoci dentro i suoi confini o tenendoci sul limite.
 
Tra le opere in mostra, quelle della serie Rovine (2008) presentano la grandiosità dell’antica e potentissima città-emporio di Palmira; quelle di Limes (2011) ritraggono le finestre di alcune case abbandonate che fungono da mirino fotografico, quasi fossero una cornice naturale inserita nel paesaggio, mentre L’invisibile dentro(2012) riprende frontalmente, una dopo l’altra, una serie di finestre chiuse da fitti reticolati metallici, decorate con semplici motivi geometrici.
A queste istantanee dello sguardo, Massimiliano Gatti aggiunge una riflessione sulla dimensione del tempo nelle opere Tell Gomel e Jerwan. Si tratta di due video ad inquadratura fissa che, di fatto, sono come immagini statiche, come fotografie cui viene idealmente aggiunta la terza dimensione: quella del tempo che scorre, particolarmente significativo per il forte impatto visivo e concettuale legato al tempo della storia che traspare da queste rovine e dalle loro stratificazioni.
 
Accanto a questi paesaggi immersi nella luce abbagliante e lattiginosa del deserto compaiono in mostra le immagini della serie Spectrum(2011),in cui Gatti fotografa alcuni abitanti della Siria usando luci decise, contrastate e quasi caravaggesche, mettendoci di fronte a volti che spesso siamo abituati a giudicare senza conoscere. Attraverso un approccio diretto, occhi negli occhi, il confronto con il "prossimo", con il "vicino oriente" incarnato da questi volti invita ad una riflessione sull'elaborazione dell'immagine del "nemico", su cui si proiettano ansie e paure generate dai media e da iconografie stereotipate che finiscono per modellare l'immaginario comune.
 
Giocosa, ma anche acuta nel sottolineare spinose questioni irrisolte, è la recente serie di fotografie intitolata Terra promessa (2012), con cui la mostra si chiude. In queste immagini torna l'attenzione per gli oggetti manifestata nell'opera Peta: su colorate mappe del Medio Oriente sono appoggiati un taccuino, una moneta, una tazza da tè: elementi che accompagnano l'autore nei suoi viaggi e definiscono il suo contatto con quei territori lontani, spesso al centro di conflitti e contese che passano anche dalla rappresentazione geografica dei confini, non condivisa tra Stati confinanti come Siria, Turchia e Israele. Quelli che sembrano solo dettagli, linee tratteggiate su una mappa, diventano invece determinanti per la vita e i rapporti tra nazioni e persone.
 
 Informazioni 
Dove: Spazio per le Arti contemporanee del Broletto, ingresso da via Paratici - Pavia
Quando: dal 13 al 23 dicembre 2012

 

Comunicato Stampa

Pavia, 05/12/2012 (11389)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool