Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 17 ottobre 2019 (267) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Liberalizzazione energia elettrica: cosa succederà?
» Piano Parcheggi a Pavia...
» Caldaiette individuali: un pasticcio che penalizza l’utente
» Lo strano caso delle bollette di conguaglio
» Bolli auto e arretrati
» Guasti telefonici: importanti risultati!
» Truffe informatiche
» Polizze sostitutive a cauzioni di affitto
» Patente a punti: luci ed ombre dopo la decisione della Consulta
» Processo Parmalat
» Multe con sovratassa!
» Novità sulle multe....
» Contro l’uso repressivo dell’autovelox
» Wind a Pavia – basta con le vessazioni
» Questo o quella per me pari sono…
» Le carte di credito
» Il risparmio tradito
» I disastri del risparmio italiano: Nasce FedeRisparmiatori
» Rilevazioni mese di settembre
» Contributi ai Consorzi di Bonifica

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Gli sposi e la Casa
» Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze
» Concorso Il rispetto dell'altro
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Africando
» Giornata del Naso Rosso
» Pint of Science
» BambInFestival 2019
» Festival della Filantropia
» Sua Maestria
» CineMamme: al cinema con il bebè
» Home
» Uno sguardo sulla congiuntura economica italiana e mondiale
» GamePV
» #quandocaddelatorrecivica
 
Pagina inziale » Oggi si parla di... » Articolo n. 1129 del 16 giugno 2003 (1680) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Aggiornamenti sul 709...
709

La battaglia avviata dalle associazioni contro il 709 e le truffe legate a questa numerazione ha fatto registrare la prima vittoria. La Telecom, infatti, ha informato gli utenti della possibilità di contestare e pagare, solo parzialmente, le bollette esose derivanti da telefonate involontarie ai numeri 709.

In sostanza la TELECOM ha ribadito e confermato la procedura da seguire, già suggerita e diffusa dalla Federconsumatori, per chi si ritrova in bolletta importi astronomici perché caduto nella trappola del 709.

La società telefonica, infatti, afferma che, chi non riconosce gli addebiti relativi a chiamate al 709, può "effettuare il pagamento degli importi (inclusa IVA) non contestati attraverso il C/C Postale....avendo cura di indicare nella causale il distretto telefonico, il numero della linea, il bimestre di riferimento del pagamento parziale, il numero di contro Telecom Italia interessato, il nome e cognome del titolare, la motivazione del parziale pagamento precisando che gli "addebiti oggetto di contestazione derivano da un non volontario utilizzo del servizio e da raggiri di tipo informatico nel corso di navigazioni Internet".

Ma la battaglia registra anche un'altra importantissima vittoria. La Telecom, infatti, ha accolto le richieste delle associazioni e ha previsto un rimborso anche per chi ha già pagato la "bolletta pazza". Nella sua comunicazione la società informa che "tutte le azioni sopradescritte avranno la medesima valenza e saranno rappresentare sia dal reclamante ex novo che dal cliente che abbia già pagato la somma in contestazione (inclusi i clienti domiciliati, ovvero tutti i clienti che abbiano provveduto ad effettuare i pagamenti); in tale ultimo caso si provvederà ad effettuare, sulla prima fattura utile o con assegno circolare o bonifico bancario, il rimborso della somma già pagata al cliente".

Ecco dunque le regole suggerite da Federconsumaori, adesso riconosciute anche da Telecom, per chi ha ricevuto una bolletta con connessioni al 709 :
  • prima di tutto non pagare per intero la bolletta esosa, ma limitarsi a quella parte di telefonate che si riconoscono. Se su una bolletta da 300 euro, 200 euro sono riferibili a chiamate al numero 709, limitatevi a pagare 100 euro, che rappresentano il vostro traffico abituale. Ciò per evitare che venga disattivata la linea telefonica
  • ;
  • è necessario poi fare denuncia alla Polizia Postale o ad altra Autorità di Pubblica Sicurezza. Questa deve essere contro ignoti se il proprio gestore telefonico non ha ancora comunicato il numero di telefono del dialer responsabile della "truffa"
  • ;
  • infine si deve mandare - anche tramite fax - copia della denuncia sporta alla Polizia Postale e copia del bollettino di pagamento (ad es. i 100 euro di cui sopra) al proprio gestore telefonico
  • .
  • Recarsi presso gli uffici di una associazione di consumatori - Federconsumatori o altro - portando copia della documentazione, per le azioni successive di contrasto da effettuare
  • .

Ricordiamo che chi ha già pagato la bolletta può chiedere alla Telecom il rimborso, specificando le modalità con cui si vuole ottenerlo (assegno circolare, bonifico bancario, ecc.).

Infine ci rivolgiamo al Ministero delle comunicazioni e all'Autorità per le tlc chiedendo di adottare provvedimenti urgenti per evitare la nascita di ulteriori truffe simili a quelle dell'144, 166, 899, 709, ecc. Contestualmente chiediamo anche la soppressione di tutte le numerazioni adite a far nascere raggiri e speculazioni sulle spalle di utenti spesso inconsapevoli.

Rammentiamo infine che Federconsumatori a Pavia ha predisposto un programma, su dischetto, che inserito nel vostro computer , salva le bollette telefoniche.

 
 Informazioni 
 

Mario Spadini

Pavia, 16/06/2003 (1129)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool