Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 14 aprile 2021 (560) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un anno al Fraschini
» I Fratelli Lehman
» Il Gabbiano
» Caffè Corretto
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Piccoli Crimini Coniugali
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Tramp
» Il Mercante di Monologhi

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Nel nome del Dio Web
» Incontro al Caffè Teatro
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 11257 del 19 ottobre 2012 (3094) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Dodici uomini arrabbiati a Mede!
Dodici uomini arrabbiati a Mede!
Dodici uomini arrabbiati di Reginald Rose, inaugura sabato la stagione teatrale di prosa del Teatro Besostri di Mede, nella versione proposta dal regista Marco Vaccari.
 
Tratta dal testo originale dello sceneggiatore newyorkese - scritto per la tv e trasmesso nel programma della CBS “Studio One” nel 1954, poi trasformato in film nel 1957, “Twelve angry men” (titolo italiano “La parola ai giurati”), diretto da un esordiente regista Sidney Lumet e interpretato da Henry Fonda che ne fu anche coproduttore - la pièce racconta di dodici giurati che devono giudicare un ragazzo accusato di parricidio.
 
La storia viene ripresa ora da Vaccari, che trasforma il palco in una claustrofobica stanza dove si combattono differenti visioni del mondo e differenti personalità in un duello dialettico che porta alla luce le più che mai attuali contraddizioni, paure, violenze e discriminazioni della società.
Il testo denuncia le insidie del sistema giudiziario con una straordinaria tensione dell’impianto narrativo la cui unità di luogo e di tempo ne esalta la dimensione inquieta e opprimente.
Il copione sfrutta ottimamente molti elementi importanti: le testimonianze, incredibilmente contrastanti, rievocate e interpretate da ogni giurato; il rapporto fra un membro e l’altro della giuria in un caso di vita o di morte; il tipo emotivo di ogni singolo giurato; alcuni problemi materiali come il tempo, l’orario e la scomodità della stanza.
Un continuo filo di tensione ne fa quasi un poliziesco. Al centro del verdetto che deciderà il destino del ragazzo, c’è la tenacia dell’unico giurato che, pazientemente e testardamente, resta ancorato alla ricerca della verità.
 
Alla prima votazione l’esito è di 11 “colpevole” contro un solo “non colpevole”, un unico dubbio, quello del giurato nr. 8, ma è l’inizio di un percorso lungo tutto il procedimento, per analizzare di prova in prova tutti gli elementi probatori a disposizione che porteranno al verdetto finale.
 
A titolo di pura curiosità segnaliamo che nel 2007 il film “ La parola ai giurati” del 1954 è stato scelto per la conservazione nella United States National Film Registry dalla Library of Congress, perché giudicato “culturalmente, storicamente ed esteticamente significativo”.
 
 
 Informazioni 
Quando: sabato 27 ottobre 2012, ore 21.00 
Dove: Teatro Besostri di Mede
Biglietti: interi euro 22, ridotti studenti e over 65 euro 18, sconti per gruppi
 
 
Pavia, 19/10/2012 (11257)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool