Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 27 gennaio 2020 (340) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Musicisti Teatranti
» The Watermill Sessions
» Anteprima Lowlands Beyond
» Midnight in Paris - Mezzanotte a Parigi in anteprima nazionale a Pavia!
» Lowlands - Gipsy Child
» Il Nuovo EP dei Lowlands
» Anteprima Mandolin Brothers
» Durkovic presenta il nuovo album
» Aminta in anteprima a Pavia
» Spazio Blues
» In stampa il nuovo Cd dei Back
» Lennon Memorial Concert 2005
» Felicità raggiunta
» John Lennon acustico
» Ad agosto al cinema
» The Passion in Italy
» Prima ti sposo, poi...
» 03
» Cinema d'agosto
» Matrix Reloaded

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 11205 del 5 ottobre 2012 (2384) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Tornano i Tambognola Sconnection
Tornano i Tambognola Sconnection
L’11 novembre 2009 scrivevo su queste pagine “Il gruppo TamboGnola Sconnection non esiste più!”.
 
La formazione, una sorta di supergruppo blues pavese, era nata tra l’entusiasmo dei musicisti che la componevano, quello del pubblico e dei neo-nati fan, quello della critica che aveva accolto il primo CD del gruppo (Band on the Roots) con recensioni favorevoli e giudizi lusinghieri. La prima stampa dell’album era andata subito esaurita, al punto che si era dovuta fare una ristampa immediata.
 
Poi sono nati i primi intoppi, dovuti soprattutto ai personali impegni (di lavoro e musicali) dei singoli componenti, per cui spesso non era possibile accettare ingaggi per la mancanza dell’uno o dell’altro componente.
Nel frattempo era stato messo in cantiere il secondo album che presentava, già nella ideazione e compilazione, grosse novità: infatti quasi il 50% del disco era composto da materiale originale scritto dai componenti del gruppo. Un passo in più verso la maturazione.
Poi si è deciso per lo scioglimento.
 
E il disco? Era lì, pronto, con 14 tracce già mixate, e ha rischiato di finire nella leggenda come “l’album scomparso dei Tambognola”.
 
Ma in questi giorni (a tre anni di distanza) il gruppo ha deciso di riunirsi ancora per una volta, senza porsi limiti di tempo o preclusioni: si andrà avanti sino a che le circostanze lo permetteranno, il tempo per promuovere e far conoscere il nuovo disco (Songs For Immaginary Crossroads) che, nei prossimi due mesi, con l’aiuto di alcuni “friends” (Jimmy Ragazzon dei Mandolin’ Brothers, Edward Abbiati dei Lowlands, i Sacher Quartet e la partecipazione straordinariadi Paul Ngoi in un “recitato” in lingua), verrà terminato, mixato definitivamente e pubblicato.
 
I TamboGnola Sconnection sono tornati!
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 05/10/2012 (11205)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool