Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 23 ottobre 2018 (747) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Comune che vai, fisco che trovi
» Cyberbullismo: il male sottile
» Cities for Life - Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte
» Evviva la Repubblica
» Ecco la carta dei servizi e dei diritti per i Musei di Pavia
» Nasce Radio Local
» Treno Verde 2016
» Pavia ad HappyCube
» Un altro Sanremo alle spalle
» Minerva d'Artista
» Appesi a un filo, ma senza rassegnazione
» I Beatles in edicola
» Madagascar 3: Ricercati in Europa. Ma anche a Pavia...
» InfoMatricole 2012
» Pavia-Innsbruck: un gemellaggio possibile?
» Buio in sala? Prima che i cinema chiudano anche a Pavia
» Una fiaccolata per sensibilizzare sull’autismo
» Oscar 2012!
» Sanremo 2012... e anche questo è andato!
» "Lucertolone" del Permiano scoperto ad Alghero

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Mistero Buffo
» Il mantello di Don Giovanni
» Una cesa, un pivion e du Malnat
» Insieme per la cattedrale
» Ibridazioni sul Mito di Frankenstein
» Terra Pavese
» l'EX|ART Film Festival
» Cinema Odeon. Si riparte
» Il Personaggio
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Bach alla Festa della Musica....
» Video Slam: gara di sequel
» Barocco Fuori
» L’Ora Illegale
» Random
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 11152 del 19 settembre 2012 (2905) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Chiusura dei cinema Corallo e Ritz
Chiusura dei cinema Corallo e Ritz
La chiusura delle sale Corallo e Ritz segna una sconfitta per la città di Pavia.
Una sede universitaria storica, con una forte tradizione civica e associazionistica, perde così un potenziale luogo d’incontro, di cultura e d’intrattenimento qualificato.
 
L’associazione Cinema per Pavia è nata un anno fa con la consapevolezza di questo pericolo, e ha seguito da vicino le vicende che hanno preceduto la chiusura, sollecitando l’attenzione dei cittadini sul problema e formulando proposte per differenziare la programmazione, all’insegna della qualità culturale e della sostenibilità economica.
 
Oggi, con un unico cinema, soltanto una piccola percentuale dei film distribuiti potrà uscire a Pavia, con la conseguente perdita certa di molti film d’autore e di interesse generale, che spesso non potranno essere visti nemmeno nelle multisale della provincia, legate a distribuzioni commerciali.
Così, sarà penalizzato il numeroso pubblico che in questi anni ha dimostrato fedeltà alle iniziative cinematografiche di valore.
 
La disponibilità a mantenere un cinema nell’immobile di via Bossolaro (ex Corallo e Ritz), come risulta dalle dichiarazioni di alcuni potenziali acquirenti su La Provincia Pavese del 30 agosto 2012, rappresenta un’occasione – forse l’ultima – da non vanificare.
La città di Pavia dovrebbe rispondere prontamente, individuando le capacità gestionali disponibili e le risorse economiche necessarie per costituire una società che si faccia carico della riapertura e della gestione di almeno una sala: un lavoro di ricerca e mediazione che crediamo competa alle amministrazioni locali, ma che andrà coadiuvato da realtà volontaristiche come la nostra.
 
L’associazione Cinema per Pavia proseguirà nel suo lavoro di tutela del cinema di qualità e di sensibilizzazione, puntando al miglioramento dell’offerta cinematografica e organizzando momenti di confronto pubblico. Anche se, per legge, non possiamo partecipare direttamente a un’impresa di carattere commerciale, presteremo la nostra piena collaborazione a chi vorrà mettere in pratica un vero progetto di promozione del cinema di qualità nel centro di Pavia.
 
 
 Informazioni 
 

Comunicato Stampa
Il consiglio direttivo di Cinema per Pavia

Pavia, 19/09/2012 (11152)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool