Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (311) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Prima che le foglie cadano
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 11100 del 28 agosto 2012 (2408) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
I colori dell'anima
I colori dell'anima
Il Museo d’arte contemporanea del Castello di Zavattarello inaugura sabato prossimo la mostra I colori dell’anima, personale di Alessandro Alessandrini.
 
L’esposizione è dedicata al territorio lombardo, ai suoi angoli del passato come antichi cortili e mulini, ma soprattutto alla natura - ai fiori, agli alberi, all'acqua, che è un tema molto caro all'artista.
 
L’acqua, con i suoi riflessi, il suo movimento, è un elemento di vita e di rinascita. L’acqua è elemento primordiale, poiché sin dal concepimento l’embrione vive nel liquido amniotico e si sostenta grazie a questo elemento prezioso. Il nostro corpo è costituito per l’80% d’acqua e tutta la nostra esistenza è collegata ad essa.
 
Nei quadri di Alessandrini, tra i colori e le atmosfere magiche, l’artista ha cercato di cogliere “l’attimo fuggente”, di preservare la poesia di questi luoghi dell’anima.
 
Alessandro Alessandrini è uno spirito libero, fuori da ogni schema, alieno alla mondanità e ad ogni convenzione, con voglia di vivere e soprattutto di capire, quello che c’è intorno a lui, con un bisogno fisico di dipingere e quindi provare emozioni da trasferire attraverso i colori nella sua pittura.
In questo suo lungo viaggio, infinito e senza tregua, alla ricerca di remote risposte, traspare nel percorso una continua ricerca dell’essenza dell’essere, il senso originario dell’umana esistenza e una grande passione per la vita.
 
 Informazioni 
Dove: Museo d'arte contemporanea del Castello di Zavattarello
Quando: dal 1° (inaugurazione ore 16.00) al 23 settembre 2012
 

Comunicato Stampa

Pavia, 28/08/2012 (11100)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool