Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 12 agosto 2020 (1165) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Macadam: Latitudine incrociate
» Fabrizio Poggi & Chicken Mambo: Spaghetti Juke Joint
» Nat Soul Band: Not so bad
» Far Out
» Ho sbagliato secolo
» Shag’s Airport
» Blues, Blues e ancora Blues
» Accordiamoci
» Il leone nell’Arena
» Francesco Garolfi: Un posto nel mondo
» Alberto Tava: il nuovo disco Mediterraneo
» Il matrimonio che vorrei: da oggi a Pavia
» Reality: ma quando ANCHE a Pavia?
» Il rosso e il blu: scuola italiana...
» Magic Mike: quando è lui a spogliarsi...
» I Beach Boys in Italia: c’ero anch’io!
» Giorgia, che sorpresa!
» Il ritorno dell'uomo armonica
» Wanna Be Startin’ Somethin’. Thriller rivisitato
» "Tutti Pazzi per Marco Pazzi"

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Francesca Dego in concerto
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Christian Meyer Show
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Festival di Natale - El Jubilate
» Festival di Natale - Hor piango, hor canto
» Concerto di Natale
» Festival di Natale - O prima alba del mondo
» Up-to-Penice omaggia De Andrè
» Duo violino e violoncello
» Cori per il Togo
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 10969 del 22 giugno 2012 (4728) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un disco tutto pavese per Woody Guthrie
Un disco tutto pavese per Woody Guthrie
100 anni fa, il 14 luglio del 1912, ad Okemah, nello stato dell’Oklahoma (una piccola città cresciuta nel periodo del boom petrolifero), nasceva Woody Guthrie, padre assoluto della canzone di protesta: i suoi “talkin’ blues” ne hanno anticipato i tempi e i modi.
 
Mentre in tutto il mondo si moltiplicano le iniziative per celebrare questa ricorrenza, a Pavia nasceva una compilation spontanea che, alla fine, ha travalicato le intenzioni di piccolo, timido omaggio al grande cantautore folk, ed è divenuta una delle iniziative più originali ed interessanti tra quelle intraprese.
 
Tutto nasce da Edward Abbiati (Lowlands) che, per rilassarsi e sgombrarsi un po’ le orecchie e il cervello da un massacrante lavoro di mixaggio (durato 6 mesi) del nuovo album del gruppo, decide di incidere un EP con 4 brani dedicati a Guthrie in occasione del Record Store Day.
 
Il fatto è che i brani gli vengono proprio bene e gli viene voglia di lavorarci sopra e aggiungere altre canzoni, arrangiandole, interpretandole, magari con l’aiuto di qualche amico.
È una impresa che ha già tentato qualche volta (quella di riunire i musicisti pavesi che stima in un proprio disco) ma, fino ad ora, non gli era mai riuscita.
Ma, come dico spesso, c’è un momento giusto per fare le cose e, prima o poi, se ci si sta attenti, arriva!
 
Questo era il momento giusto e, come per magia, tutto è filato liscio come l’olio e Edward si è ritrovato tra le mani (grazie alla sua caparbietà e al suo gusto particolare nella scelta dei brani e degli arrangiamenti) un gran bel disco, unico nel suo genere.
 
Oltre ai tre attuali Lowlands (Edward Abbiati, Roberto Diana, Francesco Bonfiglio) nel disco ci sono anche Franco Limido, Alex Cambise, Furio Sollazzi (il sottoscritto, che aveva appena finito di fare le percussioni nel disco di Diana), Fabrizio Cassani, Daniele Zanenga, Maurizio Gnola Glielmo, membri dei Green Like July (Nicola Crivelli) e dei Mandolin’ Brothers (Jimmy Ragazzon e Marco Rovino), Fabri Cassani, Ivano Grasselli, Lisa Petty, Claudio Raschini, Daniele Zanenga, Betty Verri, Sergio TambooTamburelli, Paolo Terlingo.
 
Pur avendo ogni brano un arrangiamento diverso (con diverse partecipazioni) il disco ha mantenuto perfettamente una sua “cifra”, ricca di personalità, evitando di cadere nella tipica cover, per rincorrere invece una rivisitazione molto personale del repertorio più conosciuto di Woody Guthrie.
Di più non vi dico: sarebbe inutile, è un disco che va ascoltato.
Cercate di procurarvene una copia; è una serie limitata e va ad esaurimento.
Il disco verrà messo in vendita il 4 luglio.
Buona caccia!
 
 Informazioni 
 

Furio Sollazzi

Pavia, 22/06/2012 (10969)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool