Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 19 ottobre 2019 (208) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 10942 del 14 giugno 2012 (3479) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Bonelli e Rotoli al Mezzabarba
Bonelli e Rotoli al Mezzabarba
Saranno i due chitarristi Pietro Bonelli e Andrea Rotoli i protagonisti del prossimo appuntamento con I concerti di Palazzo Mezzabarba, in programma, come sempre, per domenica mattina.
 
Andrea Rotoli, chitarrista milanese, persegue da quasi un ventennio un proprio progetto di approfondimento della musica afroamericana ed a quella ad essa correlata che lo porta, nel corso degli anni, a suonare jazz in diversi contesti e con formazioni.

Inizia a quattordici anni con lo studio della chitarra classica ma con il passare del tempo dimostra sempre più un maggior interesse verso la musica Jazz. L’ascolto di musicisti quali Parker, Montgomery, Hall, Baker, Evans, Coltrane è il primo ed importante stimolo che lo avvicina definitivamente alla musica jazz. Verso la fine degli anni ‘80 avviene l’incontro con il chitarrista milanese Gigi Cifarelli grazie al quale approfondisce lo studio di elementi fondamentali quali l’armonia e la pronuncia.
 
Dal ‘90 al ‘93 prosegue gli studi presso la “Civica Scuola di Jazz” di Milano con i maestri Cerri, Intra, Monteforte e Jegher. Avvengono in questo periodo le prime esperienza live con un proprio
quartetto che vede alla batteria Lorenzo Lombardo, al contrabbasso Tito Mangialajo ed al piano Henk Beewkes. Con questa formazione partecipa in RAI alla trasmissione radiofonica “Radiouno Sera Jazz” suonando a fianco del celebre clarinettista Tony Scott. Successivamente fonda il gruppo di Jazz Fusion “Traffic Lights” con il quale effettua le prime incisioni.
 
Partecipa negli anni ‘90 a diversi concerti nei locali di Milano e del Nord Italia (Capolinea, Scimmie, Grillo Parlante, Tangram, Ca’ Bianca, Nordest Cafè ecc….) che lo vedono a fianco di musicisti quali i fratelli Lo Greco, Brioschi, Ragonese, Bernasconi, Rosen, Di Gregorio, Zambrini, Principe, Piccolo.
Nel ‘94 entra a far parte del gruppo Acid-Jazz “Tatanka”: con questa formazione incide il disco omonimo di brani originali prodotto e registrato nel ‘95 presso gli studi dei Fratelli La Bionda.
 
Nel 2005 inizia la collaborazione che dura tuttora con il chitarrista Pietro Bonelli con il quale fonda il progetto “Somewhere Bound”. Nel 2007 partecipa alla stagione teatrale dello “Spazio Teatro Nohma” di Teresa Pomodoro. Sempre nel 2007 fonda insieme al chitarrista Claudio Pietrucci il gruppo Djangomania che vede anche la presenza al contrabbasso di Daniele Petrosillo. In primo tempo viene riproposta esclusivamente la musica del celebre chitarrista gitano, successivamente con l’introduzione della voce di Francesca De Mori, vengono introdotti nel repertorio anche brani della tradizione italiana rivisitati in chiave manouche. Nel 2009 registra il primo cd dal titolo “Djangomania” che comprende brani strumentali, perlopiù di Django Reinhardt e brani italiani scritti a cavallo tra le due guerre. In questi anni ha collaborato in alcuni eventi live con il gruppo Elisir ed è presente in un brano del cd di quest’ultimi “Pere e cioccolato” del 2009.
 
Ha recentemente formato un trio acustico con il bassista Tonino De Sensi ed un trio di jazz elettrico.
Nel Marzo del 2010 si è diplomato in Jazz presso il Conservatorio Verdi di Milano dove ha perfezionato gli studi con i Maestri Bebo Ferra, Tino Tracanna, Attilio Zanchi e Massimo Colombo.
 
Pietro BonelliPietro Bonelli inizia a sette anni lo studio della chitarra classica diventando alla fine degli ottanta un promettente concertista specializzandosi nella tecnica del fingerpicking. Si avvicina nel frattempo con sempre maggior interesse alla musica jazz frequentando, le lezioni di Ivo Meletti e successivamente consegue il Jazz Master c/o il C.D.M. di Milano, in armonia funzionale e in tecnica dell’improvvisazione jazzistica seguendo i corsi tenuti dal maestro F. Daccò.
La fine degli anni ottanta e i primi anni novanta sono determinanti per la crescita dell’artista il quale, consolida con una intensa attività concertistica, la formazione Pietro Bonelli Group concretizzando nel 1999 “Igapo”, un progetto discografico di matrice latin jazz avvalendosi della collaborazione di ospiti illustri come Emilio Soana e Guido Bombardieri.
 
Nel 2001, fonda con Rodolfo Pereira, il Brasil Project e in seguito promuove un nuovo progetto con la straordinaria vocalist Dora Marchi denominato Gangs’ Road.
Nell’estate del 2002 fonda i New Voice, gruppo di jazz elettrico che risulta essere una assoluta novità nel circuito live e successivamente i Funky Five che si propongono come alternativa al repertorio jazz del progetto New Voice.

Nel marzo 2003 promuove un tour Italiano riunendo nel progetto Brasil Reunion, alcuni straordinari musicisti brasiliani che vantano prestigiose collaborazioni internazionali. Nel gennaio del 2004 incide con il Pietro Bonelli Group un nuovo cd “Soleà” nel quale spicca la presenza del celeberrimo trombettista Fabrizio Bosso. Successivamente fonda con il funambolico cantante pavese Sergio Tamburelli “Tamboo” gli Swing Brother Swing, un progetto che si distingue per un repertorio di jazz-swing tipico degli anni 50/60.
Dall’aprile del 2005 è il chitarrista ufficiale della neonata Big Band di Pavia.
 
Nel 2006 stringe una fruttuosa collaborazione con il cantante pavese Alberto Tava allestendo sulle ceneri del Progetto Bossa, il nuovo corso del Brasil Project e successivamente fonda con Andrea Rotoli il progetto Somewhere Bound che si distingue per la freschezza, l’energia e la grande flessibilità della proposta. È nello stesso anno il promotore della neonata Pavia Marching Band nella quale militano musicisti di spicco del panorama dixieland lombardo.
Incide sempre nel 2006 un cd con il progetto Swing Brother Swing denominato “Spaghetti Swing”.
 
Questo il programma del concerto:
 
Pietro Bonelli - Soleà
Pietro Bonelli - Urban gipsy
Pietro Bonelli - September mood
Stevie Wonder - Inn’t she lovely
Cole Porter - I love you
Kenny Dhoram - Blue bossa
Bruno Martino - Estate
Charlie Haden - Waltz for Ruth
Henry Mancini - The days of the wine and roses
Miles Davis - Four
Miles Davis - All blues
Enrico Rava - Le solite cose
Chick Corea - Spain
Sonny Rollins - Tenor madness
 
 Informazioni 
Dove: domenica 17 giugno 2012, ore 11.00
Quando: Sala del Consiglio di Palazzo Mezzabarba, piazza del Municipio - Pavia
Ingresso: libero
 
 
Pavia, 14/06/2012 (10942)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool