Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
martedì, 26 marzo 2019 (246) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi
» La Torre di Babele. Libri, dipinti, disegni
» P.A.T. – Pavia Art Talent
» Mater - Parole e immagini sulla maternità
» Mostra dei Plumcake
» Ci siamo! Sguardi sull'identità giovanile
» "Hors d'Oeuvre"Assaggi di opere ed artisti dalla Permanente di Milano
» L’eccezione del blu/ frammenti di William Xerra
» Uliano Lucas. La vita e nient'altro

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Conversazione Dannunziana
» Mario Giordano presenta il libro "L'Italia non è più italiana"
» Gandhi, oltre l’India. Valori gandhiani e integrazione sociale in Italia
» Giornalismo di moda: stereotipi, realtà e nuove frontiere
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» I grandi misteri della Fisica al Collegio Borromeo
» Incontro con Paolo Rumiz
» L'estetica del vero
» Pavia in poesia 2019
» Salvatore Silvano Nigro e il "fantastico" Manganelli
» PaviArt - Settima edizione
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» Non erano eroi ma giornalisti. La libertà di informare oggi
» L’origine dell’uomo secondo Edoardo Boncinelli - RINVIATO
» Pi Greco Day 2019
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 10901 del 1 giugno 2012 (2381) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Cotugno, poeta della natura
Cotugno, poeta della natura
Cotugno, poeta della natura, inaugura la sua personale sabato prossimo a Broni.
 
«Dopo essersi affermato al proscenio nazionale come acquafortista con la manifesta individua distinzione, Teodoro Cotugno da Lodi in questi anni si è concentrato con maggior disponibilità e perseveranza sulla pittura. E si notano i risultati con la costante crescita del “fare pittorico” del “come” primamente in atto rispetto al “cosa” da rappresentare.
 
Ritorna Teodoro a Broni da poeta del paesaggio, con questo senza voler escludere altri soggetti come nature morte o variazioni sui fiori, e ritorna come fa ogni pittore amante della natura presentando il suo “giardino segreto” nei tagli prospettici della nostra campagna.
 
Tagli fissati nel trascolorare delle luci, delle ombre crepuscolari (il controluce è uno degli accidenti pittorici preferiti dall’artista), nel cromatismo della materia che addensandosi si è fatta più “cantante” per la sovrapposizione e l’equilibrato accostamento dei toni, nel silenzio che avvolge lo spazio o nel quieto scorrere delle stagioni con squarci del passato di stupefatto ricordo.
 
Tutto con la ponderazione delle difficoltà specie nel tentativo di catturare “il girare dell’aria” senza fare tappeto, come si dice in gergo. Sono appunto le difficoltà da superare che il pittore lodigiano ha messo al centro della sua ricerca, della attenta riflessione, nel mentre il suo sguardo ha cadenze d’indugio nella pazienza del fare, nella contemplazione del circostante mondo naturalista memore del sempre attuale assioma del poeta Rainer Maria Rilke: “all’origine stessa dell’arte c’è la voglia di guardare il mondo e di ripeterlo come si può”.
 
E Cotugno nelle sue prove dimostra spesso di saperlo fare a modo suo, cercando di evitare l’insidia, sempre in agguato, dell’inerte descrittivismo dell’aneddotico fine a se stesso e della piacevolezza del pittoresco, aspetti tutti ingannevoli che privano i risultati di ogni pittore dall’emozionale felicità e dal sentimento artistico». (Tino Gipponi)
 
 Informazioni 
Dove: Centro Artistico e Culturale Contardo Barbieri, via Emilia, 166 - Broni
Quando: dal 9 (inaugurazione ore 17.00) al 24 giugno 2012, sabato (16 e 23 giugno): ore 16.30 alle 19.30; domenica (10, 17 e 24 giugno): ore 10.30-12.30 e ore 16.30-19.30. 
 

Comunicato Stampa

Pavia, 01/06/2012 (10901)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool