Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 19 ottobre 2019 (217) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Concerto di pianoforte
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 10726 del 12 aprile 2012 (2053) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Pieranunzi plays Bach, Händel, Scarlatti
Pieranunzi plays Bach, Händel, Scarlatti
Dopo il successo mondiale ottenuto attraverso l’album Pieranunzi plays Scarlatti il pianista italiano torna a confrontarsi con il repertorio barocco, ancora una volta attraverso la propria sensibilità e specificità espressiva.
Con 1685 Pieranunzi allarga l’orizzonte, e all’amore dichiarato per Scarlatti, aggiunge quello per Bach e Händel, tre contemporanei, tre dei più grandi geni che la storia ci abbia mai regalato.
 
«Forse un giorno - racconta il pianista - astrologi, esperti in numerologia, studiosi dei simboli che talvolta sembrano misteriosamente collegare i fatti più lontani riusciranno a dirci il perché... noi, da parte nostra, possiamo solo constatare con meraviglia che, in quel fatidico 1685, apparvero uno dopo l’altro nel cielo della musica (precisamente in febbraio, in marzo e in ottobre) tre nuovi pianeti, o, se preferite, tre nuove stelle: vale a dire Händel, Bach e Scarlatti. Tre astri le cui orbite si intersecarono qualche volta l’una con l’altra, ma che, per lo più, percorsero itinerari indipendenti, la cui traccia luminosissima è ancor oggi ben visibile nell’universo firmamento».
 
Per Pavia Barocca, nell’ambito del Circuito Lombardo di Musica Antica, venerdì sera Enrico Pieranunzi rilegge magistralmente le pagine dei tre compositori, con la concretezza e la maestria di chi ha fatto proprio il linguaggio della musica classica e sa unirlo a quello dell’improvvisazione. Ancora una volta attraverso un’autenticità che rende questo lavoro unico nel suo genere.
Scrittura e improvvisazione, infatti, non rappresentano due momenti distinti, dove l’uno lascia il posto all’altro in un’alternanza di genere, ma nascono dalla fusione dei materiali, trattati quasi come in quell’“improvvisar componendo” che Pieranunzi aveva già svelato nel lavoro dedicato a Scarlatti.
 
 Informazioni 
Dove: Aula Magna del Collegio Ghislieri, p.zza Ghislieri - Pavia
Quando: venerdì 13 aprile 2012, ore 21.00
 

Comunicato Stampa

Pavia, 12/04/2012 (10726)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool