Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 22 luglio 2019 (312) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
» Festival di Musica Sacra
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Open Day al Vittadini
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 10686 del 29 marzo 2012 (2435) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Un giovane "vecchio" folk singer
Un giovane
Se si parla di Dylan tutti sanno chi è (più o meno), ma pochi conoscono il Dylan degli inizi, quello che infiammava i folk festival degli Stati Uniti con il solo aiuto di una chitarra acustica e di un’armonica. Woody Guthrie, al contrario, è sconosciuto ai più, pur essendo stato il padre di tutti i folksinger del mondo: da solo contro il mondo, vagabondo solitario, la canzone folk di protesta ha mosso i primi passi con lui.
È strano quindi trovare oggi un ventunenne che ne ricalca lo stile e lo spirito.
 
John Fullbright è già più di una grande promessa che tiene viva la musica folk e i suoi ideali; esattamente come Guthrie, Fullbright ha iniziato esibendosi da solo, chitarra e armonica, girando tutti i saloon e i pub dell’Oklahoma e in pochissimo tempo si è fatto un nome e una reputazione anche tra i colleghi songwriter più grandi di lui che sono rimasti impressionati dalla sua capacità di scrivere canzoni senza tempo, come se vivesse in un’epoca storica molto lontana dalla sua.
 
John Fulbright arriva per la prima volta in Europa, accompagnato da una leggenda della chitarra acustica come Andrew Hardin, una vita passata al fianco di Tom Russell e ad altri grandi come Jimmy LaFave e Dave Alvin.
 
Camicia a scacchi, faccia da ragazzino, jeans slavati e stivali da cowboy, proveniente da Okemah, cittadina dell’Oklahoma, sarà a Pavia domenica prossima per presentare il suo primo disco in studio dal titolo “From the ground up”; il suo primo album era invece un live registrato al “Blue Door” di Oklahoma city.
 
Ballate in bilico tra Dylan e Hank Williams, venate di blues, old time country e jazz, eseguite con chitarra e voce (ma Fullbright suona anche la fisarmonica e il pianoforte) ma anche versioni di canzoni di Townes Van Zandt, Hoyt Axton e Leonard Cohen, di cui ha ripreso la famosissima e toccante Hallelujah nel suo disco dal vivo.
 
Non dite che non vi ho avvisato per tempo di questo concerto!
 
 Informazioni 
Dove: via Montemaino, 62 c/o Bar Trapani - Pavia
Quando: domenica 1 aprile, ore 18.00
 

Furio Sollazzi

Pavia, 29/03/2012 (10686)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool