Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 19 novembre 2017 (347) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Natuzza Evolo-Mistero di una vita
» La pomella genovese
» Sostenibilità energetico-ambientale e università
» Le chiavi nascoste della Musica
» Cellule, Reti e Matematica
» Dimensioni Rurali a convegno
» La cultura: una risorsa o un costo?
» Cyber-Etico
» Bambini speciali
» La bici... di Leonardo
» Muoversi in bici in città: potenzialità e fattori di criticità
» Il Consumo di Suolo: il punto, 3 anni dopo
» Il Rischio idrogeologico in Oltrepò Pavese
» Anticorpi di legalità al contagio mafioso
» Storia e storie
» Donne in economia e in politica
» Parla con loro: dialoghi psicoanalitici con neonati e...
» Diamo Peso alla Salute!
» San Pio V nella Storia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Incontro con Raffaele Cantone
» La molecola delle emozioni
» Ad AstroSamantha la laurea honoris causa
» Dolomiti: un patrimonio da tutelare, una scogliera fossile da scoprire"
» La fortuna aiuta gli audaci
» Scienziati in Prova
» Porte Aperte all'Università di Pavia
» La lezione di Giovanni Falcone
» Cooperazione internazionale - Il nostro futuro nel mondo
» Pitch Night
» Rosolino prof per un giorno
» Giornata Goldoniana
» Il Giudice di Canicattì. Rosario Livatino,il coraggio e la tenacia
» UniPV Innovation
» Alessandro Robecchi si racconta al Nuovo
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 10635 del 16 marzo 2012 (2343) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Investire in ricerca per il futuro dei giovani
Investire in ricerca per il futuro dei giovani
Qual è il ruolo che un’Università storica e interdisciplinare come Pavia deve assumere per garantire un futuro ai giovani e per esprimere l’urgenza di un adeguato investimento in ricerca e sviluppo?
 
Questi i temi centrali dell’incontro organizzato lunedì dall’Associazione Alunni dell’Università di Pavia, in collaborazione conAcqua & Sole e Neorurale.net, il sito che promuove l’Innovazione culturale (Backwardation). Una riflessione sull’importanza della formazione interdisciplinare, creatrice di nuove visioni per nuovi scenari: protagonisti Diana Bracco, che a Pavia ha conseguito la laurea in Chimica, e Italo Pasquon, già Assistente di Giulio Natta, il Nobel che proprio a Pavia avviò la sua carriera accademica.
 
Il futuro ha molte radici. La ricchezza dell’interdisciplinarità” è il titolo del convegno in programma alle 16.00 in Aula Foscolo. Organizzato nell’ambito dei 650 anni di fondazione dell’Ateneo pavese, si propone di offrire un dialogo tra tutti i membri della comunità accademica pavese: i laureati, che mettono l’esperienza a disposizione dei giovani, i docenti e i ricercatori, che ribadiscono il valore della ricerca di base ma anche di quella applicata e del rapporto tra ricerca e industria, i neolaureati e gli studenti, destinatari privilegiati di suggerimenti e modelli.
 
Da sempre Pavia punta sul modello dell’interdisciplinarità - commenta il Rettore Angiolino Stella che introdurrà l’incontro – nel nostro campus i medici dialogano con fisici e ingegneri, i chimici con gli economisti e i farmacologi, e così via: ne deriva un valore aggiunto dalle potenzialità incalcolabili, come dimostrano proprio gli esempi di Diana Bracco e Giulio Natta”.  
 
L’esperienza di Giulio Natta, Nobel per la Chimica nel ‘63 e Professore all’Università di Pavia per alcuni anni, sarà presentata dal prof. Italo Pasquon, curatore dell’archivio digitale delle opere del premio Nobel. “Ingegnere, chimico, fisico: l’archivio del professor Giulio Natta da Pavia al Nobel è il titolo dell’intervento del prof. Italo Pasquon, Emerito del Politecnico di Milano e autorevole Chimico legale, che ha realizzato una raccolta digitale unica e sistematica, la quale, come si legge nella introduzione del sito giulioatta.it, “rappresenta non solo la raccolta degli scritti scientifici e dei brevetti del Prof. Natta, ma il racconto di una vita e di un’epoca, uno spaccato dell’università e dell’industria chimica del Dopoguerra”.

Il Prof. Pasquon evidenzierà come le ricerche affrontate da Giulio Natta hanno sempre riguardato temi di grande attualità (polimeri in particolare) e sovente portato a importanti sviluppi industriali, grazie anche a strette collaborazioni con aziende chimiche italiane e straniere. Giulio Natta ha, infatti, sempre saputo intuire e inventare nuove opportunità per le Imprese chimiche, facilitando la collaborazione tra Atenei, Governo e industria.
 
E proprio sull’urgenza di investire in innovazione e ricerca si è più volte espressa Diana Bracco, vicepresidente di Confindustria e Presidente del Gruppo Bracco, laureata a Pavia in Chimica.
Diana Bracco, in qualità di presidente del progetto speciale “Ricerca e Innovazione” di Confindustria, ha posto l’accento su quattro strategie per il rilancio della ricerca e dell’innovazionenel “Sistema Italia”, proponendo la nuova figura del ricercatore industriale, grazie alla quale “sarà costruita una posizione ambita ai giovani, si aprirà un mercato del ricercatore a livello internazionale, si identificheranno le aziende che veramente fanno ricerca, aprendo così nuovi percorsi di carriera e rivitalizzando la relazione tra università e impresa e andando oltre lo stereotipo della precarietà”.
 
 Informazioni 
Dove: Aula Foscolo, Palazzo Centrale dell’Università, c.so Strada Nuova,65 - Pavia
Quando: lunedì 19 marzo 2012, ore 16.00 - 18.00
 

Comunicato Stampa

Pavia, 16/03/2012 (10635)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool