Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 23 settembre 2019 (320) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Colore e tempo
» MathsJam
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» Due elefanti rossi in piazza...
» Genius Loci. Arte Luoghi Sinfonie
» Appuntamento con l'autore
» "I colori della speranza"
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Il romanzo di Baslot
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Drollerie, una mostra di Tommaso Filighera
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 10598 del 8 marzo 2012 (2345) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Ritratti animati
Ritratti animati
Lo Spazio per le Arti contemporanee del Broletto di Pavia presenta, dal 17 marzo al 1 aprile, la mostra personale di Dario Aguzzi, pittore e liutaio, che da anni ha fissato il proprio studio a pochi chilometri da Pavia.
 
Da sempre incentrate sull’espressività del volto, le opere di Dario Aguzzi vanno a comporre una straordinaria galleria di ritratti che dimostra l’originale capacità di sintetizzare antico e moderno in una visione contemporanea. La suggestione dell’antico passa attraverso l’utilizzo sapiente delle tecniche pittoriche (dall’olio alla tempera grassa su tavola) e il rimando ai grandi maestri del Quattro e Cinquecento - da Antonello da Messina a Leonardo da Vinci, da Lorenzo Lotto a Giorgione e Tiziano - che hanno studiato l’espressività del soggetto restituendone la profondità del sentire.
 
L’indagine sulle forme con cui l’uomo esprime il proprio modo di essere attraverso l’espressione del volto si accompagna, nell’opera di Aguzzi, ad una resa anamorfica basata su deformazioni prospettiche ottenute grazie al gioco tra superficie bidimensionale e terza dimensione, in modo da ottenere punti di vista mutevoli in relazione al punto di osservazione, come se potessimo girare attorno ad una scultura o ci trovassimo di fronte ad un ritratto che ci segue con lo sguardo.
 
L’esplorazione del soggetto compiuta dall’artista viene dunque condivisa con chi guarda, direttamente coinvolto in unaricerca finalizzata a cogliere il sottile confine tra persona, personalità e personaggio. In questo modo, il rapporto tra autore, attore e spettatore viene esaltato dal tentativo di porre al centro l’individualità e i suoi differenti modi di esprimersi. Ne deriva una galleria di “ritratti animati” sul piano della visione e della rappresentazione, grazie ai quali analizzare la natura dell’anima, attraverso le pieghe del volto, la vivacità dello sguardo, la forzatura delle espressioni.
 
Anche nella scelta dei soggetti, Aguzzi spazia dalle suggestioni classiche - con le serie dedicate alle muse, ai filosofi, agli imperatori della romanità - alle icone del nostro tempo, attori, musicisti, personaggi dello spettacolo, protagonisti della scena pubblica abituati a mostrarsi e al tempo stesso a nascondersi, modulando e “deformando” di volta in volta i tratti della propria personalità, come accade in queste opere, a stento trattenute nel profilo della cornice.
 
Dario Aguzzi, nato a Milano nel 1955, vive e lavora a Vidigulfo (Pavia). Inizia a dipingere all’età di 12 anni e con il padre - pittore, disegnatore, attore e commediografo “per diletto” - intraprende lo studio del vero. La sua formazione presso il Liceo Artistico di Milano avviene sotto la guida di Bartolini e Paolini e successivamente all’Accademia di Brera con Vincenzo Ferrari, Manfredi e Zeno Birolli.
Dopo l’Accademia dedica la sua ricerca quasi esclusivamente allo studio della figura, iniziando dalla frequentazione della pittura antica del XV, XVI e XVIIsecolo. Partendo dai ritratti analizzati, ricerca il "moderno" nella pittura antica, sviluppando una visione profana e dissacratoria del soggetto, che si evolve in una resa tridimensionale e anamorfica degli stessi. Accanto alla serie dei “ritratti antichi”, negli ultimi anni diversifica le tecniche pittoriche (oltre all’olio, la tempera grassa e l’acrilico) e i soggetti in chiave contemporanea.
Attratto dalla musica, dal 1982 affianca al lavoro artistico la professione di liutaio, costruendo strumenti barocchi e strumenti moderni mediante l’antico procedimento della creazione della “forma interna”, ricercando nell’esecuzione l’originalità personale, l’unicità e non la ripetitività del prodotto.
 
 Informazioni 
Dove: Spazio per le Arti contemporanee del Broletto, ingresso da Piazza Cavagneria – Pavia
Quando: dal 17 marzo (inaugurazione alle 18.00) al 1° aprile 2012; da mar. a ven.: 16.00-19.00, sab. e dom.: 10.00-12.00 / 16.00-19.00.
 

Comunicato Stampa

Pavia, 08/03/2012 (10598)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool