Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 24 maggio 2019 (331) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Il mio nome è... Gioconda
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Fabio Aguzzi. Il poeta della luce
» Pavia Jinan - Tale of two cities
» L'energia dei segni e dei sogni
» Disegnetti ∆
» La Cina di Zeng Yi. Immagini di un recente passato
» Il tempo di uno scatto.Visite illustri all'Università di Pavia
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi
» La Torre di Babele. Libri, dipinti, disegni
» P.A.T. – Pavia Art Talent

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Collegio Borromeo festeggia Emanuele Severino
» La bellezza della scienza
» Presentazione inutile
» Maria Corti: una vita per la parola. Un viaggio editoriale
» Walking the Line
» Pillole di... fake news
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Schiavocampo - Soddu
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Flower Salad, una mostra di Alice Romano
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose
» La Brigata Ebraica in Italia e la Liberazione (1943-1945)
» Colloquio sull'Europa
» Severino Boezio: la filosofia tra religione e poesia
» IngannaMente...
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 10540 del 21 febbraio 2012 (2259) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Legami in-dissolti
Legami in-dissolti
Lo Spazio per le Arti contemporanee del Broletto di Pavia presenta, da sabato prossimo, la personale di Marta Vezzoli dedicata alla serie di opere intitolate “Legàmi in-dissolti”, oggetto nel novembre scorso di un’esposizione presso la Galerie de l’Europe di Parigi.
 
Al centro dell’attenzione, la produzione recente dell’artista, incentrata sui legami, intesi sia come sperimentazione e contaminazione di tecniche differenti - la scultura, terreno creativo primario dell’artista, e la pittura, caratterizzata dal segno astratto, cucite insieme nel senso più vero del termine - sia come terreno di indagine poetica sulle relazioni tra l’individuo e ciò che lo circonda.
 
La trama che compare e scompare all’interno di queste opere riannoda i fili di una ricerca attenta al colore e alle sensazioni che suscita, all’alternanza di pieni e vuoti, di trasparenze e di ombre riflesse; un filo di Arianna sembra distendersi tra installazioni, quadri e sculture e consente di avventurarsi nel labirinto dell’arte senza timore di perdersi, stimolando la voglia di approfondire il racconto che si snoda sotto i nostri occhi.
 
La linea sintetica che caratterizza le sculture di Marta Vezzoli trova corrispondenza nelle forme primarie ed essenziali che compaiono nella pittura, accese dal colore, di grande forza poetica.
Le atmosfere “liquide”, sospese tra sogno e realtà risultano poi amplificate dai materiali “poveri” ma ricchi di storia attraverso cui l’artista parla di sé. Gli elementi cuciti, ricorrenti sia nelle installazioni che nelle opere pittoriche, contribuiscono inoltre a proiettare forme e colori al di fuori della superficie, dimostrando un’originale attenzione per una pratica tradizionalmente legata all’universo femminile e alla perseveranza di stringere legami con linee sottili.
 
Grazie alla sapiente scelta dei materiali - la iuta, il ferro, il sughero, i diversi tessuti -, queste opere complesse esprimono una capacità comunicativa immediata, un senso di attesa e di ricerca che è al tempo stesso urgente e paziente, come lo sono sempre i legami importanti della vita.
 
Per l'inaugurazione sono previste una performance e una videoinstallazione realizzate con Terremototeatro e Antitesi Sonore.

Nata a Chiari (BS) nel 1976, Marta Vezzoli oggi vive e lavora a Pavia, dove ha creato e gestisce lo spazio ConTeSto Arte. Da settembre 2010 è entrata a far parte, in qualità di socia fondatrice, dell’associazione ViaMagenta.
La sua ricerca artistica si è sviluppata a partire dallo studio di architetture antiche e moderne, con particolare attenzione alle fabbriche dismesse.
Realizza opere scultoree privilegiando pietre morbide e ferro, che le permettono di creare forme primarie e sintetiche che, attraverso segni, graffi, volumi, tendono verso l’essenza. L’incontro con la pittura le consente, attraverso il colore, di aggiungere nuovi elementi alla sua ricerca, rivivendo dapprima la poetica dell’archeologia industriale fino ad approdare, nelle opere recenti, a riflessioni più intimistiche.
 
 Informazioni 
Dove: Spazio per le Arti contemporanee del Broletto, ingresso da Piazza Cavagneria – Pavia
Quando: dal 25 febbraio (inaugurazione alle 17.30) al 11 marzo 2012; tutti i giorni (tranne il lunedì), nei seguenti orari: 10.00-12.00 / 16.00-19.00.

 

Comunicato Stampa
A cura di Francesca Porreca

Pavia, 21/02/2012 (10540)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool