Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 19 ottobre 2019 (215) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Un capolavoro ritrovato
» Al Borromeo il pianoforte di Marangoni tra Rossini e Chopin
» Festival di Musica Sacra
» "La nuit profonde"
» Contrasti nel Classicismo viennese
» Storia di un violino
» Fiori musicali per voce e pianoforte
» Festival del Ridotto
» I regali di Natale
» Una sola musica per Pavia e Russia
» La Vita che si Ama Tour
» Mario Biondi "Best of Soul Tour 2017"
» Edoardo Bennato al Vigevano Summer Festival
» Steve Hackett in tour a Vigevano
» Paola Turci a Estate in Castello
» Punti Critici in Concerto
» Messa di Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart
» Il Coro della Scala in duomo a Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Open-day al Vittadini. Laboratori musicali per l'infanzia
» Stayin' alive LVGP sings 70s
» Omaggio a Offenbach e Lirica del cuore
» Festival di Gypsy
» Up-to-Penice
» Note d'acqua
» Swing and Jazz
» River Love Festival
» Concerto di pianoforte
» XXVI edizione del Festival Borghi&Valli
» Patti Smith a Pavia
» Estate in musica al Castello
» Sacher Quartet, In viaggio con i Cetra
» Un capolavoro ritrovato
» Sentieri selvaggi, musica d'oggi al Borromeo
 
Pagina inziale » Musica » Articolo n. 10530 del 17 febbraio 2012 (2674) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Matia Bazar a Vigevano
Matia Bazar a Vigevano
Genova, 1975: Piero Cassano, Aldo Stellita, Carlo Marrale e Giancarlo Golzi incontrano Antonella Ruggiero, allora cantante solista, e nasce la band dei Matia Bazar che raggiunge immediatamente la popolarità grazie al primo singolo Stasera che sera.
 
Nel 1978, dopo aver pubblicato una serie di hit mondiali quali Tu semplicità, Solo tu (1° posto nelle classifiche francesi per 4 settimane con oltre 1 milione di dischi venduti), Perun'ora d'amore(1° posto in Spagna e nei paesi di lingua latina ed ospiti d’onore al Festival di Vina del Mar), vincono il Festival di Sanremo con il suggestivo brano ...e dirsi ciao.

Dopo il successo di C'è tutto un mondo intorno(1979) e del rispettivo tour che li porta in giro per il mondo, Cassano lascia il gruppo e alle tastiere subentra l’eclettico musicista Mauro Sabbione. Inizia il primo grande cambiamento del sound del gruppo: è il momento della svolta tecno di Fantasia(1981), dell’elegante Vacanze Romane (premio della critica al Festival di Sanremo 1983 e 1°  posto in classifica in Germania e Olanda), della delicata Souvenir (premio della critica al Festival di Sanremo 1985, che suscita grande interesse persino in Giappone, dove la band viene chiamata per realizzare una serie di concerti conquistando pubblico e mass media), brano firmato dall’autore e tastierista Sergio Cossu che si unisce al gruppo (Sabbione aveva lasciato la band nel 1984).
Sempre nel 1985 con Ti sento, vendono milioni di copie, consolidando la propria fama internazionale. I Matia ripartono per un lungo tour: Russia, Francia, Germania, Paesi Scandinavi, Giappone, paesi di lingua latina e sono ospiti di diversi programmi televisivi.
 
Con Noi partecipano con successo al Festivalbar del 1987 e l’anno seguente si presentano nuovamente al Festival di Sanremo con La prima stella della sera, conquistando nuovamente le simpatie del pubblico.
 
Nel 1989 Antonella Ruggiero lascia la band e viene sostituita da Laura Valente. Il Festival di Sanremo consacra altri due grandi successi: Piccoli Gigantie Dedicato a Te.
Dopo un’ennesima ed intensa stagione di concerti, Carlo Marrale abbandona la band per intraprendere la carriera solista. In quattro registrano RadioMatia (1995), album con il quale festeggiano il ventennale della propria carriera.
 
Nel 1998 viene a mancare l’amico fraterno Aldo Stellita, bassista e autore storico del gruppo. Dopo un inevitabile momento di smarrimento, Giancarlo Golzi decide di andare avanti anche in nome dell'insostituibile compagno di viaggio e ricontatta Piero Cassano. La ricerca di una nuova vocalist porta alla scoperta di Silvia Mezzanotte, voce straordinaria conosciuta da anni nell’area dei club della sua amata Bologna.
Alla band si unisce Fabio Perversi, giovane arrangiatore e polistrumentista monzese… e i Matia Bazar riposizionano la propria identità musicale, riproponendosi con classe ed eleganza, elementi che da sempre hanno caratterizzato il loro percorso musicale: con Brivido Caldoincantano la platea sanremese durante l’esibizione. Il gruppo affronta una lunga tournée e trionfa sul palco di Vota la voce, aggiudicandosi il Telegatto come “Miglior gruppo italiano dell’anno”.
 
Nel 2001 i Matia Bazar partecipano al Festival di Sanremo con Questa nostra grande storia d'amore e si piazzano al terzo posto. Nel 2002 esce Messaggi dal vivo, l’atteso disco live che arriva dopo 27 anni di carriera (e milioni di copie vendute in tutto il mondo!). L’album contiene Messaggio d'amore, con la quale vincono il Festival di Sanremo 2002. Seguono due tour in Italia e all’estero, al cui termine Silvia Mezzanotte e il gruppo decidono di intraprendere e proseguire progettualità artistiche separate.
 
Nel 2005 i Matia Bazar festeggiano il loro trentennale partecipando al 55° Festival Della Canzone Italiana con il brano Grido d’amore e con una nuova formazione Piero Cassano, Fabio Perversi, Giancarlo Golzi e la nuova straordinaria vocalist Roberta Faccani.
Pubblicano l’album Profili Svelati e parte il tour omonimo con il quale si esibiscono in Italia e all’estero riscuotendo grandi consensi.
 
Nell’ottobre del 2007 esce “One1 Two2 Three3 Four4 vol.1”, il primo cd di un progetto discografico che in due volumi ripercorre la storia dei gruppi italiani dagli anni ‘60 fino ai giorni nostri. A novembre 2008 viene pubblicato un cofanetto che raccoglie i due volumi di One1 Two2 Three3 Four4.
Nell’estate del 2009 si è svolto un tour che ha portato i Matia Bazar e i loro grandi successi in giro per l’Italia, l’Europa e il Mondo. 
 
Nell’aprile 2010 la separazione da Roberta Faccani, a settembre l’annuncio del ritorno di Silvia Mezzanotte nel gruppo e a metà novembre l’uscita di un nuovo album dal titolo “Conseguenza logica”, un gioco di parole che è anche titolo del singolo radiofonico che ne anticipa l’uscitae nome del tour, che partirà all’inizio dell’estate.
Un progetto dal respiro internazionale: 13 nuove tracce di pop raffinatissimo, sofisticato, “targato Matia Bazar”, scritte in gran parte da una delle coppie di “maggior successo” della canzone italiana: Piero Cassano e Adelio Cogliati, che, per la prima volta, affianca Giancarlo Golzi nella composizione dei testi, in una nuova e vera sinergia poetica.
 
Il tour farà tappa giovedì a Vigevano per uno spettacolo a sostegno del Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia (Gils). Sarà Silvia la raffinata interprete, coadiuvata dall’intensa voce di Piero Cassano, a raccontare nelle nuove canzoni le innumerevoli sfumature e le imprevedibili trasformazioni dei sentimenti che conducono alla felicità; è l’amore a lottare con il tempo, insidiato dalla noia e dai gesti distaccati dell’abitudine.
Il “prendersi e lasciarsi” in una storia d’amore è l’ideale metafora della storia di un gruppo come i Matia.
 
 Informazioni 
Dove: Teatro Cagnoni, c.so Vittorio Emanuele II, 45 - Vigevano
Quando: giovedì 23 febbraio 2012, ore 21.00
Biglietti: palchi-platea - 30,00 euro; loggione 15,00 euro. Prevendita presso il teatro da martedi a sabato dalle 17.00 alle 20.00

 
 
Pavia, 17/02/2012 (10530)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool